EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Alla scoperta dei tesori nascosti del Mar Nero e del Mar Egeo

In collaborazione con The European Commission
Alla scoperta dei tesori nascosti del Mar Nero e del Mar Egeo
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Claudio Rosmino
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Treasure, un progetto finanziato dall'Ue, consente a Turchia, Romania, Bulgaria e Moldavia di far scoprire ai visitatori un patrimonio sommerso di opere d'arte, oltre a offrire vari tipi di corsi: dal pilates al bağlama, uno strumento tipico turco

Un antico patrimonio culturale immerso nel Mar Egeo. La città turca di Enez nasconde tesori poco conosciuti. A due chilometri dalla costa, a 18 metri di profondità, si può visitare un museo subacqueo con repliche di pezzi originali rinvenuti nella regione, come una statua alata, una stele, un leone e la riproduzione delle antiche mura della città.

Il luogo è anche un rifugio per la biodiversità. L'iniziativa fa parte del progetto europeo "Treasure" per valorizzare i tesori culturali intorno ai mar Nero e al Mar Egeo, che comprende anche Bulgaria, Moldavia e Romania. Come Enez anche gli altri partner del progetto hanno incentrato i loro progetti sul patrimonio culturale e sulle attività marittime.

La Bulgaria si è concentrata sui corsi di immersione per gli studenti, la Moldavia sull'apertura di un centro turistico e sulla creazione di un atlante digitale che illustra i luoghi subacquei e le località più interessanti dei quattro Paesi partner. Il contributo della Romania è un ologramma 3D con filmati che mostreranno i tesori portati in superficie e la conoscenza è condivisa tra i diversi partner.

"Il progetto riguarda la protezione del patrimonio, la creazione di una barriera corallina artificiale e lo sviluppo del turismo subacqueo a Enez - dice Remziye Irmak, coordinatrice del progetto -. Per realizzare un museo subacqueo abbiamo utilizzato il patrimonio di Enez perché si tratta di un luogo storico che in pochi conoscono".

Gli originali di questi reperti storici sono conservati a due ore e mezza da Enez, nel Museo Archeologico di Edirne, che è stata la capitale dell'Impero Ottomano dal 1369 al 1453. Şafak Yüksel Inal, un esperto locale di storia che lavora come guida turistica, ci parla del pezzo più interessante della collezione subacquea, la statua della dea Nike.

"Le dee alate, chiamate Nike, sono importanti nella mitologia greca per la loro capacità di volare, la loro velocità e la loro forza - dice Yüksel Inal -. Hanno una dimensione di 20, 25 cm. Affinché i subacquei potessero vederla meglio e per far colpo sui visitatori, ne è stata realizzata una copia più grande".

Per il progetto Treasure è stato stanziato un budget di oltre 900mila euro, coperto quasi totalmente dalla Politica di Coesione Europea. Enez completa la sua offerta con un centro sportivo e culturale che offre attività per bambini e adulti. "In questo centro offriamo lezioni di pittura tradizionale Ebru e corsi di musica: pianoforte, violino, strumenti classici turchi - dice Irmak -. Abbiamo anche corsi di fitness, un salone e attrezzature per la canoa e per le immersioni".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

In arrivo la "macchia nera" del Mar Nero: preoccupazione soprattutto in Romania