This content is not available in your region

Qual è il nuovo piano spaziale dell'UE e perché è importante?

Access to the comments Commenti
Di Chris Pritchard
Qual è il nuovo piano spaziale dell'UE e perché è importante?
Diritti d'autore  Pierre Carril/ESA-Pierre Carril

Bruxelles vuole garantire la propria sicurezza e indipendenza attraverso la propria costellazione di satelliti utilizzati per le comunicazioni. Martedì la Commissione europea ha presentato nuove proposte per la sua terza grande rete satellitare a complemento dei suoi sistemi esistenti.

Attualmente esistono Galileo, un sistema di navigazione globale, e Copernicus, utilizzato per l'osservazione della Terra.

Questa nuova costellazione di satelliti garantirà l'indipendenza dell'UE per quanto riguarda la sicurezza dei suoi sistemi di comunicazione, che dipendono fortemente dai satelliti non europei in orbita attorno alla Terra.

In sostanza, mira a rendere le connessioni sicure e affidabili per i sistemi europei, che vanno dalla gestione del traffico aereo e stradale alle operazioni di ricerca e soccorso in mare alla sorveglianza militare e delle aree di confine.

Perché questo è importante?

In un mondo digitale in continua espansione, la salvaguardia delle reti di comunicazione dell'UE è fondamentale per garantire che le informazioni non cadano nelle mani sbagliate.

L'eurodeputato tedesco Niklas Nienass ha detto a Euronews che questo può significare, ad esempio, che "Macron e Scholz possono comunicare senza aver paura che Putin ascolti".

È fondamentale anche per la resilienza informatica del blocco, aiutando così a prevenire gli attacchi informatici sul tipo di sistemi menzionato in precedenza.

La proposta mira anche ad aumentare la connettività in aree di importanza strategica come l'Africa e l'Artico, dove i punti neri del segnale sono onnipresenti.

Bruxelles vuole anche affrontare il crescente problema dei detriti spaziali lasciati da altri satelliti.

Lo definisce un approccio alla gestione del traffico spaziale, ma non ha il potere di agire in quest'area secondo i trattati dell'UE, quindi per il momento valuterà i requisiti impegnandosi con gli Stati membri e le parti interessate per vedere cosa può essere fatto collettivamente.

Come influenzerà la nostra vita?

Potresti pensare perché tutto questo è importante per me? Come influenzerà la mia vita?

Bene, i satelliti sono molto più importanti per la vita quotidiana di quanto si possa pensare.

Nell'ambito del piano di Bruxelles, l'espansione della connettività oltre i soli sistemi governativi e operativi dell'UE è fondamentale.

Per ora è solo un'idea, ma la Commissione vuole estendere la disponibilità della banda larga ad alta velocità e della connettività ininterrotta in tutto il continente, eliminando le zone morte lungo il percorso.

In questo modo, ogni cittadino europeo avrà accesso a Internet ovunque e in ogni stato membro.

La nuova costellazione di satelliti fornisce anche un backup ai sistemi Galileo e Copernicus dell'UE, in caso di caduta, che secondo Josef Aschbacher, direttore generale dell'Agenzia spaziale europea (ESA), avrebbe gravi conseguenze sulla Terra.

"Immaginiamo che i satelliti vengano spenti per un giorno. Sarebbe un disastro. Le previsioni del tempo sarebbero pessime, si può dire che possiamo convivere con pioggia e sole, ma questo ha un'implicazione enorme sull'economia", ha detto Aschbacher a Euronews.

"Le previsioni meteorologiche dallo spazio contribuiscono con 61 miliardi di euro di benefici economici all'economia europea. Quindi, enormi impatti economici sulle previsioni meteorologiche.

"Navigazione: se si disattivano i satelliti di navigazione, ovviamente, la navigazione non funziona più", ha aggiunto. “Telecomunicazioni, mercati azionari: oggi tutto dipende dai satelliti. Quindi, sì, siamo già assolutamente dipendenti e questa dipendenza aumenterà in futuro".

E i costi? Da dove vengono i soldi?

Il costo totale stimato è attualmente di 6 miliardi di euro, con 2,4 miliardi di euro provenienti dal bilancio dell'UE, dagli Stati membri e dai contributi dell'ESA.

La Commissione spera di ottenere l'importo residuo dagli investimenti del settore privato.

Ma come per la maggior parte dei progetti dell'UE, le stime iniziali vengono normalmente superate, quindi il progetto ne varrà davvero la pena?

L'eurodeputato Nienass dice "sì", purché non superi troppo il budget.

“Attualmente si parla di un prezzo di 6 miliardi di euro. Questo potrebbe aumentare a seconda dei servizi che aggiungi, ma 6 miliardi di euro per 440 milioni di persone che vivono in Europa, sono 13 euro per garantire che tutti abbiano una connessione Internet decente... Penso che la maggior parte delle persone sia disposta a pagarlo ", il Green ha detto l'eurodeputato.

Quando potremo aspettarcelo?

Nienass ha detto a Euronews che se Bruxelles si metterà insieme, il nuovo sistema satellitare potrebbe essere operativo entro il 2025.

L'attuale calendario fornito dalla Commissione dice un tempo simile per il servizio iniziale, ma il servizio completo non sarà prima della metà del 2027.

La proposta deve anche farsi strada nel Parlamento europeo e poi i negoziati con gli Stati membri, il che può richiedere del tempo.