This content is not available in your region

In Europa cresce il disagio per gli aerei che volano vuoti

Access to the comments Commenti
Di Euronews
In Europa cresce il disagio per gli aerei che volano vuoti
Diritti d'autore  Francisco Seco/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Sta aumentando la pressione sulla Commissione europea per allentare le regole che fanno volare gli aerei vuoti. Cresce infatti il malcontento negli aeroporti. Sempre più aerei decollano con posti vuoti, mentre le prenotazioni precipitano con l'arrivo della variante Omicron.

Le compagnie aeree lanciano l'allarme. Lufthansa ha già avvertito che 18.000 voli, ovvero il 5-6% di tutte le loro rotte questo inverno, saranno voli "non necessari", ovvero con troppo pochi passeggeri per essere redditizi.

La compagnia ha già annunciato la cancellazione di 33.000 voli nelle prossime settimane e mesi. Ma non può più tagliare. Perché le compagnie aeree sono obbligate a decollare secondo alcune regole europee, che sono stabilite in anticipo.

Se una compagnia aerea ha uno slot (un lasso di tempo) di 15 minuti fra un decollo o un atterraggio, può mantenerlo in modo permanente a condizione che lo utilizzi almeno l'80% delle volte. La regola è: "o lo usi o lo perdi".

Le compagnie sono quindi obbligate a elimianare l'80 per cento dei voli. All'inizio della pandemia, la Commissione Europea aveva sospeso questa norma a causa del crollo del traffico. Poi, dal 15 febbraio, l'aliquota è stata ridotta al 50%.

Ora, la Commissione europea è sotto forte pressione per ridurre ulteriormente le tariffe di sfruttamento sulle compagnie aeree.

"Mentre in quasi tutte le altre parti del mondo sono state riscontrate eccezioni rispettose del clima in tempi di pandemia, l'UE non lo consente di fare lo stesso", ha lamentato Spohr, AD del gruppo Lufthansa, sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung. "Le regole di Bruxelles sono dannose per il clima e sono "esattamente l'opposto di quanto la Commissione europea vuole ottenere con il suo programma 'Fit for 55'".

Le compagnie aeree chiedono alla Commissione flessibilità per questo inverno. "Dobbiamo cambiare le regole d'ora in poi. Perché il periodo invernale dura solo tre mesi e non possiamo cancellare nuovi voli". ha detto una fonte a Euronews.

Anche l'esecutivo dell'UE sta subendo pressioni da parte degli Stati membri. Il ministro belga della Mobilità Georges Gilkinet ha scritto lunedì 3 gennaio al commissario per i Trasporti Adina Valean per chiedere una riduzione della tariffa. Chiede alla Commissione una riduzione dei costi dal 50% al 30%, ha detto a Euronews un diplomatico belga.

Da parte sua, la Commissione resiste alle pressioni. L'esecutivo europeo dice che non allenterà le regole.

"La conseguente riduzione complessiva delle richieste dei consumatori si riflette già in un'aliquota molto ridotta del 50% rispetto alle normali regole tariffarie utilizzate all'80%. Queste tariffe, insieme alle eccezioni di non utilizzo, giustificate, offrono alle compagnie aeree la necessaria protezione sulle bande orarie durante l'attuale periodo, reso difficile dalla pandemia di covid-19", ha dichiarato mercoledì il portavoce della Commissione europea Daniel Ferrie in una conferenza stampa.

Il 15 dicembre, la Commissione Europea ha annunciato che alzerà il tasso al 64% dal 28 marzo, contando sulla ripresa della domanda quest'estate.