EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Moldova: la nuova premier promette riforme, per i connazionali, non per compiacere l'Europa

Moldova: la nuova premier promette riforme, per i connazionali, non per compiacere l'Europa
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Sandor Zsiros
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ai microfoni di Euronews Natalia Gavrilița, neoeletta premier moldava e pro Europa, racconta le sue priorità

PUBBLICITÀ

La nuova Primo Ministro filoeuropea della Moldova afferma che il suo governo intende intensificare le riforme economiche, le liberalizzazioni e la lotta alla corruzione. La politica – che ha assunto il suo ruolo il mese scorso – ha detto a Euronews che la Moldova non è disposta a intensificare le riforme solo per compiacere l'UE, ma perché è stata richiesta dagli elettori.

Natalia Gavrilița, Primo ministro moldava: “I cittadini della Moldova sono stanchi di governi che mentono, di politici che rubano, di servizi pubblici che non funzionano per la gente, di decisioni che non tengono conto dell'interesse pubblico. E quello che hanno detto in queste elezioni è che vogliono un governo di cui potersi fidare. E questo significa un governo che ogni giorno prende decisioni, avendo in mente il bene pubblico e non quello di pochi”.

Il primo ministro dice anche che il suo governo vuole rendere irreversibili le riforme, oltre ad aprire l'economia agli investimenti stranieri.

Natalia Gavrilița, Primo ministro della Moldova:  “Nei 30 anni di instabilità e corruzione dilagante, anche il settore privato è stato contaminato da interessi acquisiti. Quindi quello che stiamo cercando di fare è ridurre drasticamente le barriere all'ingresso. Vogliamo liberalizzare l'economia". 

Il premier moldavo ha inoltre raccontato a Euronews che il buon governo e la lotta contro la corruzione renderanno il paese più attraente, il che potrebbe anche aiutare con la reintegrazione della sua regione separatista della Transnistria di lingua russa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, il Parlamento dice no alla depenalizzazione dell'aborto

Finlandia, sì del Parlamento alla legge che permette di respinge i migranti al confine con la Russia

In calo per la prima volta in 45 anni la percentuale di donne al Parlamento europeo