Bruxelles sanziona la Cina sulla violazione dei diritti umani. Pechino controattacca.

Bruxelles sanziona la Cina sulla violazione dei diritti umani. Pechino controattacca.
Diritti d'autore TOBIAS SCHWARZ/AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per la prima volta dalla strage di Piazza Tienanmen, l'Unione europea impone sanzioni alla Cina, in difesa dei diritti umani. Al centro delle accuse le torture perpetrate contro la comunità Uigura

PUBBLICITÀ

Per la prima volta dagli eventi di piazza Tiannanmen l'Unione Europea ha deciso di imporre sanzioni alla Cina per la violazione dei diritti umani.

La misura è stata approvata dai ministri degli Affari esteri dell'UE e include divieti di viaggio e congelamento dei beni nei confronti di quattro funzionari cinesi.

Le sanzioni arrivano in risposta alla persecuzione della comunità uigura in Cina, oggetto di torture, lavori forzati e detenzioni arbitrarie su larga scala.

Per tutta risposta, il governo cinese ha già annunicato in un comunicato di aver sanzionato dieci persone, tra cui cinque membri del Parlamento europeo.

Il ministro degli Affari esteri cinese ha condannato le sanzioni dell'Unione europea, accusandola di diffondere menzogne e danneggiare granvemente la sua sovranità, minacciando di prendere misure ancora più severe se l'UE non dovesse fare marcia indietro.

Tra gli eurodeputati colpiti dal governo di Pechino ci sono i tedeschi Reinhard Bütikofer e Michael Gahler, il francese Raphaël Glucksmann, il bulgaro Ilhan Kyuchuk e la slovacca Miriam Lexmann, oltre ad altri politici, ricercatori e quattro istituzioni.

"Ovviamente è una violazione politicamente deplorevole che pone fine alla possibilità di dialogo - afferma Michael Gahler, membro della commissione affari esteri- e il dialogo è necessario se affrontiamo questioni serie come il caso degli uiguri e le detenzioni di massa su basi puramente etniche".

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha definito inaccettabile la mossa della Cina.

"Piuttosto che cambiare le sue politiche e affrontare le nostre legittime preoccupazioni, la Cina ha di nuovo chiuso un occhio e queste misure sono deplorevoli e inaccettabili - ha dichiarato- Non ci sarà alcun cambiamento nella determinazione dell'UE a difendere i diritti umani e a rispondere alle gravi violazioni e abusi ovunque essi siano commessi".

Le sanzioni imposizione a Pechino sono state possibili grazie e un meccanismo entrato in vigore lo scorso dicembre, chiamato Atto Magnitsky, che offre all'UE la possibilità di punire le violazioni dei diritti umani. La decisione è avvenuta in coordinamento con Regno Unito, Stati Uniti e Canada che hanno adottato misure simili.

Tuttavia al suo interno l'UE incontra l'opposizione di alcuni Stati membri come l'Ungheria, che si sono detti contrari alle sanzioni per il regime cinese.

Nel corso della riunione di lunedi, l'UE ha anche approvato sanzioni contro funzionari di Eritrea, Myanmar, Libia, Corea del Nord, Sud Sudan e Russia, nell'ultimo caso per violazioni dei diritti degli omosessuali in Cecenia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa: Antony Blinken a Londra per ricompattare gli alleati del G7

Esclusivo, report di Letta: necessaria una strategia industriale europea per competere con gli Usa

Elezioni anticipate in Croazia: il partito di governo favorito dai sondaggi, ma Milanović non molla