EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Una politica commerciale europea più verde e più assertiva

Una politica commerciale europea più verde e più assertiva
Diritti d'autore Francisco Seco/AP
Diritti d'autore Francisco Seco/AP
Di Gregoire Lory
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione europea ha lanciato una nuova strategia commerciale che punta alla transizione ecologica e alla difesa dei diritti previsti negli accordi internazionali

PUBBLICITÀ

Elaborare la strategia commerciale dell'Unione europea per gli anni a venire. Questa l'ambizione del progetto presentato giovedì dalla Commissione Europea. L’Europa intende rafforzare l’azione a favore del multilateralismo, ma senza sacrificare i suoi interessi.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea spiega a Euronews che l’UE vuole essere “più sistemica nel modo in cui utilizza gli strumenti commerciali, di difesa e di applicazione. E anche che voglia sviluppare un kit di strumenti autonomi in situazioni in cui altri paesi agiscono per così dire manifestamente al di fuori del quadro delle regole internazionali. Agiremo in modo multilaterale ogni volta possiamo ma siamo pronti ad agire in autonomia se dobbiamo ".

Questa strategia mira a rispondere alla crisi economica causata dal covid-19. Attraverso il suo progetto, la Commissione vuole anche proiettarsi nella transizione ecologica su scala globale.

"Per prima cosa andremo avanti nel quadro dell'Organizzazione mondiale del commercio - continua Dombrovskis- in quella che chiamiamo iniziativa per il commercio e il clima. Servirà a facilitare il commercio di beni e servizi ambientali per garantire che non vi siano ostacoli indebiti per le merci rispettose dell'ambiente. E poi faremo dell'adesione all'accordo di Parigi un elemento essenziale per i nostri negoziati di libero scambio ".

Questa nuova direzione non segna una rottura nella politica commerciale europea. C'è molta continuità sulle questioni veramente importanti come il sostegno all’Organizzazione mondiale del commercio, il forte rapporto con gli Stati Uniti, l'attenzione agli accordi bilaterali.

La politica commerciale sostiene 35 milioni di posti di lavoro nell'Unione europea, un numero destinato ad aumentare in futuro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky: assenza di Biden alla conferenza di pace sarebbe una "standing ovation" per Putin

L'Europa che voglio: allevamento e agricoltura, cosa farei da europarlamentare

La Spagna riconosce formalmente la Palestina: Sanchez, non adottiamo questa decisione contro nessuno