EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

State of the Union: AAA cercasi Commissario UE

State of the Union: AAA cercasi Commissario UE
Diritti d'autore Cecilia Fabiano/ LaPresse/LaPresse
Diritti d'autore Cecilia Fabiano/ LaPresse/LaPresse
Di Elena Cavallone
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le dimissioni di Phil Hogan a seguito dello scandalo "golfgate" aprono la strada a un rimpasto nel collegio di Ursula Von der Leyen

PUBBLICITÀ

A fine agosto il Parlamento europeo è ancora vuoto eppure il lavoro non manca. La crisi in Bielorussia, le tensioni nel Mediterraneo orientale la lotta al Coronavirus non hanno mai smesso di tenere occupate le cancellerie europee e i funzionari UE durante tutta l'estate.

Di certo se c'è un uomo che non tornerà a lavoro dopo la pausa estiva è l'irlandese Phil Hogan: il Commissario europeo al commercio si è dimesso questa settimana dopo aver infranto ripetutamente le restrizioni anti coronavirus per recarsi a una cena di gala in un club di golf in Irlanda.

“Sono profondamente dispiaciuto che il mio viaggio in Irlanda negli ultimi tempi abbia causato così tanto turbamento, rabbia e preoccupazione alle persone. Le persone hanno sofferto molto durante la quarantena: ci sono stati morti, preoccupazioni e danni economici. La società in generale è stata sconvolta a causa di questa pandemia. Ovviamente non ho infranto nessuna legge quando sono andato in Irlanda, non ho infranto nessun regolamento ma avrei potuto aderire meglio alle linee guida", ha ammesso il politico.

Ma le scuse non sono bastate e, davanti alla pressione politica in patria e fuori, ha preferito dare le dimissioni, lasciando quindi la Presidente della Commissione europea Ursula Von Leyen in cerca di un suo sostituto.

Il governo irlandese dovrà presentare un nuovo candidato, mentre nel frattempo il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis assumerà responsabilità ad interim per le questioni commerciali. Tuttavia la presidente non esclude un rimpasto di portafogli in una fase successiva.

Non sarà facile venire a capo della questione in tempi brevi e eppure per Ursula Von der Leyen è di vitale importanza trovare un nuovo responsabile per il commercio: la Brexit e i negoziati con gli Stati Uniti non aspettano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

State of the Union: Von der Leyen e Metsola rieletti, Trump nominato e il caldo record in Europa

State of the Union: Il Fronte popolare in Europa, la Nato e l'Ucraina, i viaggi di Orbán

Sudan: la tragedia della guerra e la crisi umanitaria nell'ultima puntata di State of the Union