EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il Coronavirus affonda la cultura

Il Coronavirus affonda la cultura
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Cosa fanno gli artisti non famosi dentro casa durante il lockdown? L'Ue stanzia aiuti, ma la cultura sarà l'ultimo settore a risollevarsi.

PUBBLICITÀ

La ripartenza di cui si discute in questi giorni in Europa, non riguarda i teatri e altri luoghi aggregativi. Cosa accade nelle mura domestiche degli artisti non famosi allora? Per loro prendere gli aiuti statali non è cosa semplice. Lavorare da casa ancora meno.

La questione è tutt'altro che marginale: il settore dell'arte creativa nell'Unione europea impiega quasi 9 milioni di persone.

"Per allenarmi ho bisogno di uno spazio specifico – si racconta dal suo appartamento Júlia Campistany, trapezista e ginnasta olandese -. Ma anche di strumenti specifici e misure di sicurezza. Certo, stare a casa non significa smettere del tutto di lavorare perché posso usare questo tempo per la pianificazione e la scrittura delle coreografie. Ma la verità - aggiunge - è che la parte più importante del nostro lavoro si svolge a contatto con gli altri."

Il 95 % degli artisti sono liberi professionisti o titolari di piccole e medie imprese di spettacolo. Il pubblico può utilizzare Internet per accedere a film, musica e altre forme d'arte durante il lockdown. Ma questo non versa alcun contributo economico agli artisti indipendenti. 

**Taglio delle inserzioni pubblicitarie **

"Per quanto riguarda il mondo delle emittenti televisive e radiofoniche - spiega Pauline Durand-Vialle della Federazione europea dei registi - le perdite più preoccupanti sono quelle legate al calo delle inserzioni pubblicitarie. Ma anche alla difficoltà di creare nuovi contenuti durante i prossimi mesi se tutto continua ad essere chiuso. Questo – dettaglia Pauline - si traduce anche in una riduzione delle royalties versate agli autori. Senza dimenticare l'aggravante di non sapere quando potremmo tornare a lavorare normalmente."

Gli aiuti delle Commissione europea

Per ora la Commissione europea ha proposto diverse misure di auto: 

. 2 milioni di euro per il programma degli mobilità degli artisti tra gli stati membri

. Accesso al fondo SURE 

. 5 milioni di euro per il cinema

. Flessibilità per i progetti finanziati dal programma europeo creative Europe.

Nel bilancio dell'UE dal 2014 al 2020, il programma creative Europe aveva assegnato stanziato circa un miliardo e mezzo di euro alla cultura indipendente.

Le proposte del Parlamento europeo

"Dobbiamo pensare a diversi modi per avviare nuovi programmi di sostegno agli artisti – propone l'eurodeputata tedesca del PPE, Sabine Verheyen, a capo della commissione Cultura -. Così come esiste il fondo SURE che garantisce la cassa integrazione ai lavoratori e c'è il fondo per lo sviluppo regionale per le aree più povere. Allo stesso modo si potrebbe creare un fondo specifico per garantire un reddito agli artisti e alle persone che lavorano nel settore creativo, penso soprattutto a quello digitale. " 

Prima della pandemia, quasi il 4 % del PIL europeo era prodotto dal mondo della cultura. il settore che purtroppo impiegherà più tempo di tuti a risollevarsi a causa del distanziamento sociale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Festival della bellezza, Lella Costa: "a mancare è il senso della realtà"

Afd: Maximilian Krah si è dimette. Salvini e Le Pen rompono col partito tedesco

Slovacchia, i parlamentari si impegnano a contrastare l'odio politico