This content is not available in your region

Antitrust europea accusa Google per la posizione dominante di Android

Access to the comments Commenti
Di Arianna Sgammotta
Antitrust europea accusa Google per la posizione dominante di Android

A un anno dall’apertura ufficiale dell’indagine, l’antitrust europeo ha consegnato a Google la lettera ufficiale di obiezione. Sotto la lente della Commissaria Vestager, è finito questa volta il sistema operativo Android. Con oltre il 70% di presenza nel mercato europeo, Android è accusato di abuso di posizione dominante.

Attraverso incentivi economici e accordi sul divieto di espansione di Android, di base un software open source e quindi potenzialmente migliorabile, Il gigante di Mountain View violerebbe la normativa europea per la concorrenza. Per la danese responsabile dell’Antitrust europeo, sono soprattutto i consumatori a farne le spese.

Per la responsabile dell’Antitrust europeo, sono soprattutto i consumatori a farne le spese. “A volte capita di comprare prodotti più economici e su questi è installato Android. Se Google consiglia su questi di usare il Play Store per accedere alle app, e se per cercare le app si deve usare google search e google chrome , allora è evidente che diventa difficile poter utilizzare altri motori di ricerca o browser. Con il risultato che il settore si innova di meno e i consumatori ne risentono” dichiara Margrethe Vestager.

L’invio della lettera ufficiale di obiezione permetterà a Google di avviare la sua difesa legale. Il gigante di Mountain View rischia di vedersi addebitata una multa da 7 miliardi di euro. Pari cioè al 10% del suo fatturato annuale.