Bruxelles torna a chiedere di riaprire frontiera meridionale turca

Bruxelles torna a chiedere di riaprire frontiera meridionale turca
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Trentacinquemila siriani continuano ad essere bloccati al confine con la Turchia. Tra loro, molti fuggono dai bombardamenti russi sulla vicina città

PUBBLICITÀ

Trentacinquemila siriani continuano ad essere bloccati al confine con la Turchia. Tra loro, molti fuggono dai bombardamenti russi sulla vicina città di Aleppo. Bruxelles è tornata a chiedere ad Ankara di riaprire la frontiera.

Mina Andreeva, portavoce della Commissione europea

“Proteggere i richiedenti asilo è un dovere morale ma anche legale, statuito dalla convenzione internazionale di Ginevra”.

La situazione in Turchia è sempre più delicata: il Paese ospita ormai più di due milioni e mezzo di rifugiati siriani – numero destinato ad aumentare ancora con i prossimi arrivi.
Firmando il piano d’azione con i 28 Paesi dell’Unione, Ankara si è poi impegnata a ridurre il flusso dei profughi verso l’Europa e a riaccogliere i migranti economici. Tre i miliardi stanziati in cambio da parte europea per l’assistenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"

Di fronte a Stati Uniti e Cina, i leader dell'Ue chiedono un accordo globale sulla competitività