EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Per contrastare il traffico di rifiuti serve una maggiore cooperazione internazionale

Per contrastare il traffico di rifiuti serve una maggiore cooperazione internazionale
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Cyril Fourneris
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il 20 maggio è entrata in vigore una nuova normativa europea sul trasporto transfrontaliero di rifiuti: prevede regole più severe sulle esportazioni di rifiuti al di fuori dell'Ue e mira a favorire il riciclaggio all'interno degli Stati membri.

Nel porto di Genova la Dogana italiana e l'Ufficio europeo antifrode (Olaf) sottolineano l'importanza della cooperazione internazionale nella lotta al traffico illegale di rifiuti. Il 20 maggio è entrata in vigore una nuova normativa europea sul trasporto transfrontaliero di rifiuti: prevede regole più severe sulle esportazioni di rifiuti al di fuori dell'Unione Europea e mira a favorire il riciclaggio all'interno degli Stati membri. Si stima che un terzo delle spedizioni internazionali di rifiuti sia illegale.

"L'importante non è bloccare un singolo container, ma ampliare l'indagine e trovare l'organizzazione che vi sta dietro - dice Andrea Biggi, responsabile dell'Ufficio antifrode Genova2 -. Ma per farlo, abbiamo bisogno della collaborazione di tutte le forze di polizia: non solo quelle nazionali, ma soprattutto europee. È proprio l'Unione delle forze di polizia europee che ci permetterà di fermare questo tipo di traffico, e in questo senso l'Olaf può dare un enorme contributo".

Per Luigi Garruto, investigatore dell'Olaf, gli obiettivi principali sono due. "Il primo è indagare la rete, ma anche prevenire le esportazioni - dice Garruto -. Per i casi ambientali è un punto chiave. Questo perché, quando il danno è fatto, è molto complicato recuperare tutto. È fondamentale creare una consapevolezza generale, armonizzare il livello dei controlli a livello europeo e coordinare il controllo con i Paesi di destinazione. Se riusciamo a mettere insieme questi tre punti principali, possiamo raggiungere l'obiettivo di affrontare il fenomeno".

Condividi questo articolo