"Un disastro ecologico". Il disegno di legge francese per una stretta sul fast fashion

In Europa, il consumatore medio butta via 11 chili di tessuti all'anno.
In Europa, il consumatore medio butta via 11 chili di tessuti all'anno. Diritti d'autore AP Photo/Mahmud Hossain Opu, File
Diritti d'autore AP Photo/Mahmud Hossain Opu, File
Di Angela Symons
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La moda "usa e getta" ha un impatto ecologico molto pesante. Questa proposta di legge francese potrebbe dare un giro di vite all'abbigliamento non sostenibile.

PUBBLICITÀ

Le pubblicità del fast fashion potrebbero essere presto vietate in Francia, grazie a una nuova proposta di legge che mira a reprimere questa industria super-inquinante. La proposta di legge, presentata dalla deputata Anne-Cécile Violland, mira anche a imporre sanzioni sull'abbigliamento a basso costo per coprire il suo impatto ambientale.

La proposta sarà presentata in commissione Sviluppo sostenibile il 14 marzo, dopodiché potrebbe passare al Senato.

"La moda ultraveloce è un disastro ecologico: i vestiti sono fabbricati mali, molto acquistati, raramente indossati e rapidamente buttati", ha scritto martedì il ministro della Transizione ecologica Christophe Béchu su X, a seguito di un dibattito con gli operatori del settore.

Béchu sostiene la proposta di vietare la pubblicità dei prodotti di fast fashion, anche attraverso gli influencer dei social media, e di stabilire sanzioni ecologiche sui capi di abbigliamento.

Béchu si è anche espresso a favore di una maggiore informazione dei consumatori da parte dei marchi di fast fashion sull'impatto ambientale dei loro capi di abbigliamento e ha affermato che i marchi stessi dovrebbero incoraggiare i consumatori a riutilizzare gli articoli.

Shein nel mirino della legge francese contro il fast fashion

Il rivenditore cinese-singaporeano di fast fashion Shein è citato apertamente dalla proposta di legge. "Shein offre un numero di prodotti 900 volte superiore a quello di un marchio francese tradizionale", si legge nel testo, aggiungendo che il marchio propone più di 7.200 nuovi modelli di abbigliamento al giorno, per un totale di 470.000 prodotti diversi disponibili.

**Ciò consente al marchio di attrarre un'ampia gamma di clienti, di realizzare "vaste economie di vendita" e di praticare "prezzi sempre più bassi", si legge.**Questo a sua volta costringe i marchi di moda europei ad aumentare la loro produzione per poter competere.

Shein offre un numero di prodotti 900 volte superiore a quello di un marchio francese tradizionale.
Proposta di legge francese

Il mese scorso Shein ha preso in considerazione la possibilità di quotarsi alla Borsa di Londra. Il marchio di moda ultraveloce, che vende in più di 150 Paesi in tutto il mondo, punterebbe a una valutazione di circa 90 miliardi di dollari, secondo Bloomberg. Si tratterebbe della più grande offerta pubblica iniziale (IPO) di sempre sul mercato londinese, ma una quotazione potrebbe costringere il marchio a subire controlli sulla sua produzione.

L'impatto ambientale del fast fashion

Secondo l'Agenzia francese per l'ambiente e la gestione dell'energia (ADEME), **ogni anno nel mondo vengono venduti più di 100 miliardi di capi di abbigliamento.**In Francia, nell'arco di un decennio, il numero di abiti venduti ogni anno è aumentato di un miliardo, raggiungendo i 3,3 miliardi di prodotti o più di 48 pro capite, osserva l'organizzazione ecologica Refashion.

A livello mondiale, l'industria tessile e dell'abbigliamento è responsabile di circa il 10% delle emissioni di gas serra, secondo il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP). Questo rappresenta più del totale dei trasporti aerei e marittimi. L'industria tessile contribuisce anche all'inquinamento delle acque, il 20% del quale è attribuibile alla tintura e alla lavorazione dei tessuti, oltre che alle microplastiche rilasciate dai materiali sintetici quando vengono lavati.

L'abbigliamento a basso costo è inoltre associato a ben documentate violazioni dei diritti umani e del lavoro.

Cosa si sta facendo per combattere l'inquinamento da fast fashion in Europa?

L'Ue sta gradualmente introducendo diverse leggi per limitare l'impatto delle industrie inquinanti. La legge sul clima e la resilienza, ad esempio, prevede di rendere obbligatoria l'indicazione di informazioni ambientali su prodotti come l'abbigliamento. La legge mira inoltre a contrastare le etichette ambientali ingannevoli, a ridurre gli imballaggi e a promuovere la riparazione e il riutilizzo dei prodotti.

Il disegno di legge francese va oltre e propone di rafforzare l'informazione e la consapevolezza dei consumatori sull'impatto ambientale del fast fashion. Cerca inoltre di incoraggiare il riutilizzo e la riparazione degli indumenti per combattere la cultura dell'usa e getta.

Per responsabilizzare maggiormente i produttori, propone multe basate sull'impatto ambientale e sulla produzione di carbonio dei prodotti, simili a quelle già imposte nell'industria automobilistica. Tenendo conto di aspetti come la sostenibilità e la riciclabilità**, le multe verrebbero applicate su una scala progressiva e potrebbero arrivare fino a 10 euro per articolo** venduto o al 50% del prezzo di acquisto entro il 2030, ha dichiarato Violland a Radio France.

Infine, la proposta di legge proibirebbe la pubblicità per i marchi e i prodotti del fast fashion, in modo analogo a quanto vietato dalla legge sul clima e la resilienza per i combustibili fossili.

La proposta di legge ha ottenuto il sostegno di varie voci importanti del settore, tra cui lo stilista francese di abbigliamento maschile e capo della Fédération Nationale de l'Habillement (Federazione Nazionale dell'Abbigliamento) Pierre Talamon, secondo cui dovrebbero essere penalizzati i marchi che si impegnano in "tecniche di marketing commerciale e di sovrapproduzione che spingono a comprare vestiti per indossarli sette o otto volte e poi gettarli nella spazzatura". Questi marchi "non creano posti di lavoro ma li distruggono", aggiunge lo stilista.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'inquinamento atmosferico influenza la concentrazione dei bambini

Quanto sono verdi i programmi dei partiti in lizza alle elezioni europee

Svezia, il futuro del clima e dell'energia rinnovabile passa dalle turbine eoliche in legno