Gli inverni più caldi fanno sparire la neve e minacciano le riserve idriche europee

Il fiume Vistola in Polonia in inverno.
Il fiume Vistola in Polonia in inverno. Diritti d'autore Canva
Di Seth Borenstein and Brittany Peterson Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il manto nevoso in Europa sta scomparendo a causa di inverni sempre più caldi: che cos'è il manto nevoso e perché è importante?

PUBBLICITÀ

Secondo un nuovo studio i bacini fluviali di tutto il mondo che un tempo erano regolarmente innevati vedono sempre più spesso ridursi il loro manto nevoso e la colpa è del cambiamento climatico. "Molti dei bacini più popolosi del mondo hanno visto una rapida diminuzione della neve", conclude uno studio sulle quantità di neve dal 1981, pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

Lo studio ha individuato una soglia chiave per il futuro dei manti nevosi nell'emisfero settentrionale: -8° Celsius. Nei luoghi in cui la temperatura media invernale è più fredda il manto nevoso spesso sopravvive perché fa abbastanza freddo. Ma le aree con una temperatura media invernale superiore a -8°C tendono a veder sciogliere la neve che si è accumulata. E sta accadendo rapidamente.

"Siamo potenzialmente in un regime di perdite molto rapide e in accelerazione con il riscaldamento", afferma l'autore principale Alexander Gottlieb, scienziato dei sistemi terrestri presso il Dartmouth College negli Stati Uniti.

Cos'è il manto nevoso e perché è importante?

La maggior parte degli studi passati ha esaminato la copertura nevosa, che è una semplice misurazione della presenza o meno di neve sul terreno. Quest'ultima ricerca ha esaminato il manto nevoso, una misura più ampia che comprende la profondità e la quantità, al suo picco generale in marzo. Il manto nevoso primaverile è fondamentale per garantire una fornitura costante di acqua potabile e per l'irrigazione a miliardi di persone.

Elizabeth Burakowski, scienziata dei sistemi terrestri dell'Università del New Hampshire, che non ha partecipato alla ricerca, afferma che lo studio dimostra "oltre ogni ragionevole dubbio che l'uomo è responsabile della diminuzione del manto nevoso in decine di bacini fluviali dell'emisfero settentrionale" e che lo scioglimento della neve "aumenterà di grado in grado".

"Lo studio dimostra che il nostro futuro nevoso dipende dalla strada che prenderemo per agire sul clima", scrive Burakowski in una e-mail.

Cosa sta causando la scomparsa del manto nevoso?

Gottlieb e lo scienziato climatico di Dartmouth Justin Mankin hanno esaminato 169 bacini fluviali dell'emisfero settentrionale, riscontrando una tendenza significativa alla diminuzione nell'arco di 40 anni in 70 bacini fluviali, una tendenza all'aumento in una decina di bacini e nessuna tendenza negli altri.

In 23 di questi bacini nevosi in diminuzione, Mankin e Gottlieb, utilizzando variazioni delle tecniche scientifiche standard, sono stati in grado di dimostrare che il cambiamento climatico ha chiaramente contribuito allo scioglimento. In otto bacini fluviali, tutti nella Siberia orientale, hanno scoperto che il cambiamento climatico ha contribuito alla formazione del manto nevoso, poiché le precipitazioni sono aumentate ma le temperature sono rimaste abbastanza fresche da preservarlo.

In Europa e in Nord America si sono verificate alcune delle maggiori perdite di manto nevoso primaverile, tra cui i bacini fluviali della Neva e del Don in Russia, il Dnieper in Russia, Bielorussia e Ucraina, la Vistola in Polonia, e il Danubio, che attraversa o confina con Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Romania, Bulgaria, Moldavia e Ucraina.

Winter on the Danube river.
Winter on the Danube river.Canva

Negli Stati Uniti i bacini fluviali più colpiti sono il Grande Lago Salato nello Utah, il Merrimack nel New Hampshire e nel Massachusetts, il Connecticut, il Susquehanna a New York e nel Maryland, l'Hudson a New York e il Delaware.

Secondo Gottlieb un buon esempio di riduzione del manto nevoso è il tratto superiore del bacino del fiume Colorado, in Colorado e in parte del Wyoming. Lì la temperatura media invernale è di circa -5° Celsius, apparentemente abbastanza fredda per la neve perché è sotto lo zero, ma in realtà non è così.

"Questo è un luogo in cui abbiamo iniziato a vedere emergere questo tipo di accelerazione delle perdite - dice Gottlieb -. Vediamo un quadro molto chiaro della perdita di neve antropogenica nelle foreste negli ultimi 40 anni circa".

Gottlieb e Mankin hanno documentato le impronte digitali del riscaldamento causato dall'uomo utilizzando il metodo standard di attribuzione del clima, che consiste nel confrontare ciò che è realmente accaduto negli ultimi 40 anni a causa del riscaldamento globale con migliaia di modelli computerizzati che mostrano cosa accadrebbe a questi bacini fluviali su un pianeta immaginario senza cambiamenti climatici.

I luoghi più freddi di -8°C rappresentano l'81% del manto nevoso dell'emisfero settentrionale, ma non ospitano molte persone, solo 570 milioni, secondo Mankin. Più di 2 miliardi di persone vivono in aree in cui l'inverno ha una media tra -8°C e 0°C.

Il manto nevoso è destinato a cambiare a un ritmo sempre più veloce

L'aspetto fondamentale, soprattutto per l'approvvigionamento idrico, è che "con l'accelerazione del riscaldamento il cambiamento del manto nevoso accelererà molto più di quanto non abbia fatto finora", afferma Daniel Scott, scienziato dell'Università di Waterloo che non ha partecipato allo studio.

Questo perché ciò che sta accadendo non è graduale. Al di sopra di una certa temperatura lo scioglimento avviene rapidamente. Al di sotto della soglia dei -8°C fa così freddo che l'umidità supplementare nell'aria dovuta al cambiamento climatico può provocare più neve e aumentare il manto nevoso, cosa che Gottlieb e Mankin dicono di aver visto nella Siberia orientale.

La soglia dei -8°C "ci dice più chiaramente quanto rischio c'è e dove", afferma Waleed Abdalati, scienziato dei ghiacci dell'Università del Colorado ed ex scienziato capo della Nasa che non ha partecipato allo studio.

L'industria dello sci è un esempio di come l'economia ne risentirà

L'industria sciistica - con le sue immagini di neve artificiale su un paesaggio altrimenti bruno - è stata a lungo un esempio facile da capire di un'economia che soffrirà per la mancanza di neve.

PUBBLICITÀ

Molte aree sciistiche attendono con ansia ogni anno che Madre Natura porti abbastanza neve per far funzionare gli impianti di risalita. Altre hanno chiuso del tutto dopo che le loro stagioni sono diventate troppo brevi.

Le grandi montagne gestite da aziende, come Aspen Snowmass in Colorado, sono in grado di operare in modo costante nonostante la minore quantità di neve e gli inverni più brevi.

"I giorni di apertura e chiusura rimangono costanti grazie all'innevamento, il che dimostra quanto sia importante", afferma Auden Schendler, vicepresidente senior della sostenibilità di Aspen One, la società madre di Aspen Skiing Company.

I gestori hanno anche investito nella costruzione di nuove piste da sci a quote più elevate, dove la neve è più affidabile rispetto alla base, evitando per il momento una perdita economica sostanziale.

"Questo non riduce in alcun modo l'urgenza di agire con forza e su larga scala", afferma Schendler. Aspen Snowmass fa parte di un gruppo crescente di comprensori sciistici che stanno adottando l'attivismo per il clima come nuovo standard del settore, riconoscendo l'urgente necessità di fare pressioni per politiche rispettose del clima.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La siccità potrebbe diventare la nuova normalità del Mediterraneo

Clima: verso un "punto di svolta" catastrofico per l'Europa

Ecco come possiamo ancora limitare il riscaldamento globale a 1,5°C