EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Brasile, caldo e siccità provocano tremila incendi in quindici giorni

Il Brasile è devastato dagli incendi
Il Brasile è devastato dagli incendi Diritti d'autore screenshot iva AP
Diritti d'autore screenshot iva AP
Di Andrea Barolini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Migliaia di roghi sono divampati dall'inizio di novembre in Brasile, alimentati dalle ondate di caldo estremo e dalla siccità

PUBBLICITÀ

Il governo dello Stato brasiliano di Mato Grosso ha dichiarato l'emergenza ambientale per 60 giorni a causa delle temperature roventi. L'obiettivo è tentare di rafforzare le azioni di lotta contro i devastanti incendi che stanno colpendo il bioma del Pantanal, la più grande zona umida del mondo. 

I pompieri lavorano su otto fronti per fronteggiare gli incendi

Secondoil Laboratorio di applicazioni satellitari ambientali dell'università di Rio de Janeiro, nei soli primi 15 giorni di novembre sono divampati ben 3.024 roghi. Circa 100 militari stanno monitorando in tempo reale, proprio con l'aiuto delle immagini satellitari, l'evoluzione degli incendi, con i vigili del fuoco sono divisi su otto fronti. Mobilitati anche due aerei, unelicottero, undici imbarcazioni, numerose autocisterne e altri mezzi. Ma nelle zone maggiormente colpite, i pompieri contano anche sull'aiuto dell'esercito e delle popolazioni indigene

A contribuire a causare i roghi sono state le ondate di caldo estremo che si sono abbattute sul Paese sudamericano. Basti pensare che a Rio de Janeiro la temperatura massima nei giorni scorsi ha toccato i 42,5 gradi, con un valore percepito di ben 58 gradi a causa dell'umidità.

Siccità e caldo estremo in Brasile: condizioni ideali per gli incendi

La siccità ha poi reso ancor più complicata la situazione, rendendo il terreno arido e perfetto per il diffondersi delle fiamme: "Con le alte temperature e la scarsità di pioggia, gli animali stavano già morendo. Ora arriva il fuoco che uccide tutto ciò che era finora riuscito a sopravvivere ai cambiamenti climatici", ha commentato il veterinario Enderson Barreto, che coordina le operazioni a terra di un'organizzazione chiamata Grad (Rescue Group of Animals in Disasters), che cerca di proteggere la fauna delle zone umide.

Le ondate di caldo estremo sono diventate sette volte più frequenti negli ultimi 70 anni, secondo uno studio pubblicato questa settimana dall'Istituto nazionale per la ricerca spaziale, un'agenzia federale brasiliana. Quella attuale è l'ottava a colpire il Brasile quest'anno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Australia accoglie i migranti climatici di Tuvalu

Cambiamento climatico: gli oceani più caldi hanno sbiancato i coralli anche a profondità-record

Crisi climatica: caldo record, in Europa è ancora estate