EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Segno dei tempi: un rapporto rivela che la dipendenza dell'Ue dai combustibili fossili è scesa ai minimi storici

Il vapore esce dalla centrale elettrica a carbone di Neurath, in Germania, giovedì 8 giugno 2023.
Il vapore esce dalla centrale elettrica a carbone di Neurath, in Germania, giovedì 8 giugno 2023. Diritti d'autore AP Photo/Michael Probst
Diritti d'autore AP Photo/Michael Probst
Di Rosie Frost
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I combustibili fossili hanno generato solo il 33% dell'elettricità dell'Ue nei primi sei mesi di quest'anno

PUBBLICITÀ

L'energia generata da combustibili fossili nell'Ue ha toccato il minimo storico nella prima metà del 2023, secondo un nuovo rapporto.

Infatti, in detto periodo i 27 Stati membri hanno bruciato il 17% in meno di combustibili fossili per produrre elettricità, rispetto allo stesso periodo del 2022.

Lo studio del gruppo di riflessione sull'energia pulita Ember ha rilevato che, tra gennaio e giugno, i combustibili fossili hanno generato solo il 33% dell'elettricità - la quota più bassa mai raggiunta nel mix energetico dell'Unione europea.

"Il declino dei combustibili fossili è un segno dei tempi - afferma Matt Ewen, analista di Ember e autore del rapporto - il carbone e il gas sono troppo costosi, troppo rischiosi e l'Ue li sta eliminando".

Perché la produzione di energia da combustibili fossili è diminuita nell'Ue?

Secondo Ember, il calo della produzione di energia da combustibili fossili è stato determinato principalmente dalla diminuzione della domanda di elettricità.

In seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, l'Unione europea ha introdotto una serie di misure per ridurre la domanda dopo l'impennata dei prezzi del gas. 

Un inverno mite ha inoltre visto il consumo di energia diminuire del 5% nella prima metà del 2023.

Sebbene questo aumento dell'efficienza energetica possa aver determinato un crollo dell'uso di combustibili fossili, secondo Ember ciò "non è sostenibile o auspicabile".

Canva
Fossil fuel use fell as demand for electricity dropped in the first half of the year.Canva

Anche l'eolico e il solare sono cresciuti in tutto il blocco, contribuendo al calo: secondo il gruppo di esperti, però, la crescita dell'energia pulita deve accelerare, se vuole sostituire i combustibili fossili.

Il rapporto sottolinea che la domanda di energia aumenterà man mano che il blocco spingerà per elettrificare tutti i settori. 

Questo aumento, causato da iniziative come l'aumento dell'uso delle auto elettriche, deve essere coperto dalle energie rinnovabili anziché dai combustibili fossili, se l'Ue vuole raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione.

Quali sono i Paesi dell'Unione col maggior calo di energia da combustibili fossili?

Il crollo dei combustibili fossili ha interessato tutta l'Europa, con un calo della produzione di energia elettrica di almeno il 20% in 11 Paesi rispetto al 2022.

Cinque Stati membri - Portogallo, Austria, Bulgaria, Estonia e Finlandia - hanno registrato un calo di oltre il 30% nella produzione di energia da combustibili fossili.

Da gennaio a giugno di quest'anno, inoltre, la produzione di energia da combustibili fossili è stata la più bassa mai registrata in 14 Paesi dell'Ue.

Secondo Ember, durante i mesi estivi alcuni Paesi sono rimasti per lunghi periodi senza utilizzare i combustibili che tradizionalmente costituiscono la base dei loro sistemi energetici.

PUBBLICITÀ

Paesi Bassi, ad esempio, hanno utilizzato il carbone solo per cinque giorni e a giugno hanno raggiunto la cifra record di 17 giorni consecutivi senza utilizzare il carbone.

Quali sono i combustibili fossili che hanno subito il calo maggiore?

Il carbone è il combustibile che ha subito il calo maggiore nell'Ue: la produzione di energia da questo elemento è scesa del 23% nei primi tre mesi del 2023.

Nonostante i timori che l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia potesse causare un "ritorno del carbone" lo scorso inverno, ciò non si è verificato. 

A maggio, per la prima volta, il carbone ha rappresentato meno del 10% della produzione energetica dell'Ue.

PUBBLICITÀ
Frank Rumpenhorst/dpa via AP
An excavator unloads coal from a barge onto a stockpile next to a power plant, while the European Central Bank (ECB) headquarters can be seen in the background in Germany.Frank Rumpenhorst/dpa via AP

Anche la potenza del gas è diminuita del 13% e le importazioni dai gasdotti russi sono state ridotte del 75%. 

Sempre secondo Ember, l'Ue ha trovato fonti alternative di gas e ha rifornito le proprie scorte, facendo crollare i prezzi: ciò ha contribuito anche al crollo dell'energia a carbone.

L'energia pulita cresce abbastanza velocemente nell'Ue?

L'energia solare continua a crescere nell'Ue, generando il 13% in più di elettricità nei primi sei mesi dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2022.

Nel complesso, la rapida espansione delle ambizioni in materia di rinnovabili ha visto il blocco continuare a battere record. 

PUBBLICITÀ

La prima metà dell'anno non ha fatto eccezione, con l'eolico e il solare che hanno rappresentato per la prima volta il 30% della produzione di energia nei mesi di maggio e luglio.

Anche i singoli Paesi hanno registrato livelli record di energie rinnovabili: Grecia e Romania hanno superato il 50% della produzione, mentre Danimarca e Portogallo hanno superato il 75%. 

In Portogallo, il merito è soprattutto dell'eolico e del solare, che hanno rappresentato la metà della produzione di energia elettrica, sia in aprile che in maggio.

REUTERS/Miguel Pereira
Drone view of a hybrid power park with solar panels and wind turbines in Sabugal, Portugal.REUTERS/Miguel Pereira

Secondo Ewen, però, è necessario che l'energia pulita sostituisca i combustibili fossili ancora più rapidamente di quanto non faccia ora: "È urgente una spinta massiccia, soprattutto per quanto riguarda il solare e l'eolico, per sostenere un'economia resiliente in tutta Europa".

PUBBLICITÀ

Il rapporto di Ember invita i governi ad aumentare la velocità di costruzione e installazione di pannelli solari e turbine eoliche. 

Inoltre, afferma che è "urgente" migliorare le reti elettriche e lo stoccaggio delle batterie.

Il gruppo di esperti sottolinea la necessità di snellire le procedure per ottenere i permessi per la costruzione di infrastrutture per l'energia pulita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Il settore dei combustibili fossili ha schivato le tasse sugli extraprofitti", denunciano le Ong

Il predominio dei combustibili fossili, nonostante crescita delle rinnovabili

Comuni affrancati dai combustibili fossili. Il sud della Svezia dà il buon esempio