EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Norvegia, Svizzera e Regno Unito impreparati ad affrontare il caldo

Il sole sorge dietro la BT Tower con un uccello in volo in primo piano, mentre continua il caldo a Londra.
Il sole sorge dietro la BT Tower con un uccello in volo in primo piano, mentre continua il caldo a Londra. Diritti d'autore REUTERS/Toby Melville
Diritti d'autore REUTERS/Toby Melville
Di Rosie Frost
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo una ricerca dell'università di Oxford, gli edifici in Nord Europa "si comportano come serre" e non sono progettati per i picchi di temperatura

PUBBLICITÀ

La Svizzera, il Regno Unito e la Norvegia sono "pericolosamente impreparati" a mantenere le persone a una temperatura fresca se il riscaldamento globale supererà la soglia di 1,5°C.

Una nuova ricerca dell'Università di Oxford ha rivelato che otto dei dieci Paesi in cui si registrerà il maggior aumento dei giorni di caldo a livello globale saranno quelli del Nord Europa.

E senza misure adeguate per un raffreddamento sostenibile, si assisterà a un forte aumento dell'uso di sistemi di condizionamento dell'aria che consumano molta energia.

Infatti, se si utilizzano combustibili fossili per combattere il caldo, le emissioni di gas serra aumentano e accelerano il tasso di riscaldamento globale.

Dove si verificherà il maggior aumento di giornate "fastidiosamente" calde?

Lo studio utilizza un concetto chiamato "giorni di raffreddamento". Si tratta di giorni in cui la temperatura sarà superiore alla media della regione e sarà necessario un sistema di raffreddamento per mantenere la popolazione a suo agio.

Se il riscaldamento globale supererà 1,5ºC, l'Irlanda sarà in cima alla lista con il 38 per cento in più di giorni in cui si registreranno "temperature problematiche per la popolazione".

La Svizzera e il Regno Unito metteranno a segno un aumento del 30 per cento, mentre la Norvegia del 28 per cento.

REUTERS/Toby Melville
A woman drinks water during the hot weather in the City of London financial district.REUTERS/Toby Melville

Finlandia e Svezia seguono con un aumento del 28 per cento; ci sono poi Austria (25 per cento), Canada, Danimarca e Nuova Zelanda (24 per cento).

I ricercatori affermano che si tratta di stime "conservative" che non includono gli eventi estremi, come le ondate di calore. 

Gli edifici del Nord Europa non sono progettati per il caldo

Secondo la coautrice dello studio, Nicole Miranda,il Regno Unito ha subito enormi disagi durante le ondate di calore da record del 2022 . Il caldo estremo comporta anche il rischio di disidratazione, esaurimento e persino di morte, soprattutto per le popolazioni vulnerabili come gli anziani o le persone con disabilità.

"È un imperativo sanitario ed economico prepararsi a giornate più calde", spiega Miranda.

Parte del problema è che gli edifici in luoghi come il Nord Europa sono progettati meglio per mantenere il calore durante l'inverno che per mantenere il fresco durante i mesi estivi.

Adattare gli edifici significherebbe non dover aumentare l'uso dell'aria condizionata, spiega dal canto suo Jesus Lizana, altro coautore dello studio. 

"Attualmente, in Paesi come il Regno Unito, i nostri edifici si comportano come serre: nessuna protezione esterna dal sole, finestre chiuse, nessuna ventilazione naturale e nessun ventilatore a soffitto. I nostri edifici sono preparati esclusivamente per le stagioni fredde", conclude.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stoltenberg: "Iran e Hezbollah non aumentino le tensioni in Medio Oriente"

Svizzera, scioglimento da record dei ghiacciai: in soli due anni perso il 10% del volume

Il maltempo causa il crollo parziale di una diga nel sud della Norvegia