EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I cani potrebbero diventare più aggressivi con il riscaldamento del pianeta

Climate change could make dog bites more frequent, new research has warned.
Climate change could make dog bites more frequent, new research has warned. Diritti d'autore canva
Diritti d'autore canva
Di Charlotte EltonNicolò Arpinati
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le aggressioni da parte dei cani potrebbero diventare più comuni nelle giornate calde e inquinate, come avverte una nuova preoccupante ricerca.

PUBBLICITÀ

Secondo una nuova ricerca, i cambiamenti climatici potrebbero rendere più frequenti le aggressioni e i morsi da parte dei cani.

Secondo uno studio della Harvard Medical School, i cani hanno l'11% di probabilità in più di attaccare le persone nei giorni in cui i livelli di raggi UV sono più elevati.

Studi precedenti avevano già collegato le alte temperature e l'inquinamento atmosferico a un aumento dell'aggressività negli esseri umani, nei ratti e nelle scimmie.

Ora, sembra che il riscaldamento del clima possa mettere anche il "migliore amico dell'uomo" contro di noi.

"I cani sono più ostili nelle giornate calde, soleggiate e con smog", concludono gli autori dello studio: “Dunque, le interazioni tra uomini e cani saranno più conflittuali”.

"L'onere sociale del caldo estremo e dell'inquinamento atmosferico comprende anche i costi dell'aggressione animale".

In che modo il cambiamento climatico renderà i cani più aggressivi?

Lo studio - pubblicato questo mese sulla rivista Nature - ha esaminato i dati relativi ai morsi di cane in otto città statunitensi tra il 2009 e il 2018. Il set di dati comprendeva 69.525 segnalazioni di aggressioni, per una media di tre morsi al giorno in dieci anni.

È emerso che i morsi di cane sono aumentati dell'11% nei giorni con livelli di raggi UV più elevati, del 4% nei giorni più caldi e del 3% nei giorni con livelli di ozono più elevati.

I morsi di cane sono leggermente diminuiti (dell'1%) nei giorni in cui le precipitazioni sono state abbondanti.

Lo studio non includeva informazioni su altri fattori, come la razza del cane, il sesso o se l’animale fosse stato castrato o sterilizzato.

2019 (Canva)
Proprio come gli esseri umani, anche gli animali domestici sono soggetti a sentimenti di maggiore aggressività durante i periodi di caldo.2019 (Canva)

Per questo, i ricercatori hanno ipotizzato che il caldo renda i cani più aggressivi, proprio come accade ai loro padroni.

Se vi è mai capitato di sentirvi ribollire il sangue quando il mercurio sale, non siete i soli.

Le alte temperature possono aumentare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la sudorazione e rendere più difficile la respirazione, contribuendo ad aumentare la sensazione di stress. Le ondate di calore possono anche causare un'impennata della produzione di testosterone, aumentando il senso di aggressività.

Secondo uno studio americano durato 45 anni, gli attacchi violenti aumentano negli anni e nelle stagioni calde. I crimini non violenti non sono invece influenzati dalla temperatura.

L'aggressività stagionale si ripercuote in tutti i settori della società.

Con il caldo, i giornalisti sono più inclini a usare un linguaggio negativo nei loro servizi e le persone sono più propense a lasciare il lavoro.

Quanto aumenterà la temperatura globale a causa dei cambiamenti climatici?

Con il cambiamento climatico, il globo si sta riscaldando.

Il riscaldamento indotto dall'uomo ha raggiunto circa 1°C nel 2017. Siamo sulla buona strada per raggiungere 1,5 gradi nel 2024.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che gli impegni esistenti in materia di clima non forniscono "alcun percorso credibile" per evitare aumenti di temperatura superiori a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali.

Con un riscaldamento di 1,5 gradi Celsius, circa il 14% della popolazione terrestre sarà esposto a gravi ondate di calore almeno una volta ogni cinque anni, mentre con un riscaldamento di 2 gradi questo numero salirà al 37%.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rete Copernicus: 'Il surriscaldamento avanza velocemente'

Biodiversità e lotta al cambiamento climatico nella foresta pluviale del bacino del Congo

I cani anti-covid non sbagliano un colpo