Lo stallo degli Stati Uniti sugli aiuti all'Ucraina sta "già" avendo conseguenze sul campo di battaglia, avverte Stoltenberg

Il Congresso degli Stati Uniti è impegnato in una battaglia legislativa su una proposta di legge per gli aiuti all'estero che stanzia 60 miliardi di dollari per l'Ucraina.
Il Congresso degli Stati Uniti è impegnato in una battaglia legislativa su una proposta di legge per gli aiuti all'estero che stanzia 60 miliardi di dollari per l'Ucraina. Diritti d'autore J. David Ake/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore J. David Ake/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'impasse al Congresso degli Stati Uniti sulla nuova assistenza all'Ucraina "ha già avuto conseguenze" sul campo di battaglia, ha avvertito Jens Stoltenberg.

PUBBLICITÀ

Lo stallo sugli aiuti destinati a Kiev "sta già avendo un impatto sul flusso di sostegno", ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg mercoledì pomeriggio dopo una riunione di due giorni dei ministri della Difesa a Bruxelles.

"In una certa misura, questo può essere compensato da un maggiore sostegno da parte di altri alleati. E gli alleati europei e il Canada si stanno facendo avanti, stanno facendo di più. Se mettiamo insieme il sostegno militare, economico e umanitario, in realtà il Canada e gli alleati europei stanno fornendo più sostegno degli Stati Uniti", ha proseguito.

"Ma gli Stati Uniti sono di gran lunga il più grande alleato, è ovviamente fondamentale che continuino a fornire il loro sostegno e quindi continuo ad aspettarmi che siano in grado di prendere una decisione il prima possibile".

Lo stallo sugli aiuti al Congresso statunitense

Per settimane i legislatori democratici e repubblicani sono stati impegnati in un'aspra battaglia legislativa su una proposta di legge che avrebbe sbloccato denaro fresco per Kiev, che ha un disperato bisogno di armi avanzate per rifornire le sue scorte esaurite e affrontare l'avanzata delle truppe russe di invasione.

L'ultimo pacchetto approvato dal Senato prevede 60 miliardi di dollari (55,7 miliardi di euro) per il sostegno militare e finanziario all'Ucraina, 14 miliardi di dollari per Israele, 9,2 miliardi di dollari per gli aiuti umanitari, compresi ulteriori aiuti per la Striscia di Gaza, e 8 miliardi di dollari per la regione indo-pacifica.

Ma non è detto che il sostegno bipartisan in Senato sia replicato alla Camera dei Rappresentanti, dove i repubblicani della linea dura, galvanizzati dalla speranza di un ritorno di Trump alla Casa Bianca, hanno giurato di bloccare la misura.

Lo speaker repubblicano Mike Johnson ha dichiarato mercoledì che la Camera non avrebbe avuto "fretta" di portare avanti il pacchetto da 95,2 miliardi di dollari, che non contiene fondi per il controllo delle frontiere e la gestione dell'immigrazione, una priorità irrinunciabile per il suo partito durante i negoziati.

In assenza di un percorso chiaro a Washington, Stoltenberg ha lanciato da Bruxelles un appello affinché lo stallo venga superato "in un modo o nell'altro" nei prossimi giorni.

Il segretario generale ha poi ribadito che impedire la vittoria di Vladimir Putin è un obiettivo nell'interesse di tutte le nazioni democratiche.

"Se il Presidente Putin vince in Ucraina, è una sfida anche per noi. Sarà un messaggio ai leader autoritari, non solo a Putin ma anche al presidente Xi Jinping, che quando usano la forza militare ottengono ciò che vogliono", ha detto Stoltenberg ai giornalisti.

"Quello che accade oggi in Ucraina può accadere domani a Taiwan. Quindi questo è importante per la nostra sicurezza e per la sicurezza degli Stati Uniti".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra ibrida, l'Institute for the study of war: possibili attacchi russi

Guerra in Ucraina, nave russa affondata nel Mar Nero: Kiev ha utilizzato il drone Magura V5

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica