Gli eredi di Sinéad O'Connor chiedono a Donald Trump di smettere di usare le sue canzoni

Donald Trump ha ordinato di smettere di usare la canzone di Sinéad O'Connor. Nella foto: La O'Connor si esibisce al Gala per l'indipendenza del Primo Ministro a Kingston, Giamaica - 2005.
Donald Trump ha ordinato di smettere di usare la canzone di Sinéad O'Connor. Nella foto: La O'Connor si esibisce al Gala per l'indipendenza del Primo Ministro a Kingston, Giamaica - 2005. Diritti d'autore AP Photo/Collin Reid
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo gli eredi della defunta artista, l'uso di "nothing compares 2 U" nei comizi del candidato Trump l'avrebbe "disgustata".

PUBBLICITÀ

Cosa hanno in comune Adele, Bruce Springsteen, Linkin Park, Johnny Marr, Neil Young, R.E.M., Rolling Stones e The White Stripes? Hanno tutti dovuto chiedere a Donald Trump di smettere di usare le loro canzoni durante i comizi politici.

Ogni volta che la stagione delle elezioni bussa, si può scommettere che un politico cercherà di salire sul palco con un brano che considera entusiasmante, nel tentativo di ravvivare la sua immagine e la sua campagna elettorale. Spesso ciò avviene senza l'approvazione dell'artista.

Trump, che è in corsa per la rielezione e sta per ottenere la nomination repubblicana, nonostante sia stato messo sotto impeachment due volte e incriminato in diversi Stati per reati come manipolazione di documenti riservati, cospirazione e racket, è un esperto in questo campo.

"Non usare la nostra musica o la mia voce per la tua stupida farsa di campagna elettorale", ha chiesto in modo chiaro e conciso il frontman dei R.E.M. Michael Stipe. Nel 2020, Neil Young ha fatto causa alla campagna di rielezione di Trump per l'uso di "Rockin' in the Free World" per quella che ha definito una "campagna antiamericana di ignoranza e odio".

Come custodi della sua eredità, chiediamo che Donald Trump e i suoi collaboratori smettano immediatamente di utilizzare la sua musica.
Eredi di Sinéad O'Connor

Ora arriva l'ultimo caso, che riguarda gli eredi di Sinéad O'Connor, che hanno chiesto a Trump di smettere di usare la sua canzone di successo del 1990 "Nothing Compares 2 U" durante i suoi comizi politici.

La cantante è morta lo scorso luglio all'età di 56 anni per cause naturali e i suoi eredi hanno dichiarato che "non è esagerato dire che Sinéad sarebbe stata disgustata, ferita e insultata dal fatto che il suo lavoro sia stato travisato in questo modo da qualcuno che lei stessa ha definito un 'diavolo'".

La dichiarazione congiunta degli eredi della O'Connor e della sua etichetta discografica, la Chrysalis Records, continua: "Nel corso della sua vita, è ben noto che Sinéad O'Connor ha vissuto secondo un rigido codice morale definito dall'onestà, dalla gentilezza, dalla correttezza e dalla decenza verso il prossimo. Abbiamo quindi appreso con indignazione che abbiamo appreso che Donald Trump ha utilizzato la sua iconica interpretazione di Nothing Compares 2 U nei suoi comizi politici".

Sinéad sarebbe stata disgustata, ferita e insultata dal fatto che il suo lavoro sia stato travisato in questo modo da qualcuno che lei stessa ha definito un 'diavolo'.
Eredi di Sinéad O'Connor

Il comunicato poi conclude: "Come custodi della sua eredità, chiediamo che Donald Trump e i suoi collaboratori smettano immediatamente di utilizzare la sua musica".

Purtroppo, molti politici statunitensi hanno un certo margine di manovra dal punto di vista legale.

In effetti, **i politici statunitensi non hanno sempre bisogno del permesso degli artisti, in quanto le campagne possono acquistare pacchetti di licenze dalle organizzazioni per i diritti musicali, che danno loro accesso legale a milioni di canzoni per i comizi politici.**Gli artisti, però, hanno comunque il diritto di rimuovere la loro musica da quell'elenco.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Taylor Swift entra nella classifica dei miliardari di Forbes: chi altro c'è nella lista?

Roma, annunciato il progetto di una nuova passeggiata archeologica nel cuore dei Fori

Musica: a 40 anni dalla morte di Marvin Gaye la scoperta di decine di brani inediti