Vi spieghiamo la polemica di questa edizione del Festival del Cinema di Berlino

Ancora dalla pagina Panorama hackerata della Berlinale - La polemica sul Festival del Cinema di Berlino 2024 spiegata
Un'immagine della pagina Panorama della Berlinale violata - La controversia sul Festival di Berlino 2024 spiegata Diritti d'autore X
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Lo scorso fine settimana si è conclusa un'edizione molto politicizzata del Festival internazionale del cinema di Berlino, ma le polemiche continuano. La Berlinale è ora coinvolta in una controversia che ne offusca gravemente la reputazione. Ecco perché.

PUBBLICITÀ

Il Festival di Berlino è sempre stato un festival cinematografico politicamente attivo, ma forse non era questo il suo obiettivo. La 74ª edizione del festival ha sollevato polemiche oltre ogni aspettativa.

La Berlinale ha dichiarato ieri di aver sporto denuncia dopo che l'account Instagram della sezione Panorama è stato hackerato e utilizzato per pubblicare messaggi "antisemiti".

In un comunicato, la Berlinale ha dichiarato che il canale Instagram della sezione Panorama è stato brevemente violato durante il fine settimana, dopo la premiazione, e che "sono state pubblicate immagini contenenti testi antisemiti sulla guerra in Medio Oriente con il logo della Berlinale".

Le infografiche caricate dagli hacker includevano affermazioni come "Il genocidio è un genocidio. Siamo tutti complici" e che i tedeschi devono "liberarsi dell'idea che il senso di colpa tedesco ci assolva dalla storia del nostro Paese o dai nostri attuali crimini". Hanno anche chiesto un "cessate il fuoco immediato e permanente" a Gaza.

Un post recitava: "Dal nostro passato nazista irrisolto al nostro presente genocida, siamo sempre stati dalla parte sbagliata della storia. Ma non è troppo tardi per cambiare il nostro futuro".

Gli organizzatori hanno dichiarato che le dichiarazioni non provengono dalla Berlinale né rappresentano la posizione del festival sul conflitto in corso in Medio Oriente. "La Berlinale condanna questo atto criminale con la massima fermezza, ha cancellato i post e ha avviato un'indagine. Inoltre, la Berlinale ha sporto denuncia penale contro ignoti. L'Ufficio penale di Stato (LKA) ha avviato un'indagine", conclude il comunicato.

Dopo un'edizione particolarmente intensa dal punto di vista politico, gli organizzatori del festival hanno anche cercato di prendere le distanze dalle posizioni assunte da alcuni dei vincitori dei premi.

Una cerimonia di premiazione controversa

Il palestinese Basel Adra (a destra) e l'israeliano Yuval Abraham (a sinistra) ricevono il premio documentario per "No Other Land"
Il palestinese Basel Adra (a destra) e l'israeliano Yuval Abraham (a sinistra) ricevono il premio documentario per "No Other Land"Markus Schreiber/AP

La cerimonia di premiazione è stata utilizzata da alcuni registi per rilasciare dichiarazioni. La vincitrice dell'Orso d'Oro, Mati Diop, che ha vinto per il suo documentario Dahomey, ha fatto una dichiarazione politica diretta quando ha ritirato il premio: "Io sto dalla parte della Palestina".

Prima del suo discorso di vittoria, il regista statunitense Ben Russell, che ha ritirato il premio per il suo film della sezione Encounters , Direct Action, ha indossato una kefiah, un segno di solidarietà palestinese.

Più le persone cercano di convincersi che c'è una guerra giusta, più commettono un grottesco atto di autoinganno.
Eliza Hittman
Regista americana

Anche la regista americana Eliza Hittman ha usato il suo tempo sul palco per chiedere un cessate il fuoco a Gaza. "Sono una regista ebrea e ho vinto l'Orso d'argento nel 2020, è importante per me essere qui", ha detto la Hittman. "Non esiste una guerra giusta, e più le persone cercano di convincersi che c'è una guerra giusta, più commettono un grottesco atto di autoinganno".

Guillaume Cailleau e Ben Russell posano con il premio Encounters come miglior film per "Azione diretta"
Guillaume Cailleau e Ben Russell posano con il premio Encounters come miglior film per "Azione diretta"Nadja Wohlleben/AP

Uno dei discorsi più intensi della serata è stato quello di Basel Adra e Yuval Abraham, un duo di registi palestinesi-israeliani che ha creato il documentario vincitore del premio della Berlinale , No Other Land. Durante il suo discorso di premiazione, Adra ha dichiarato che era difficile festeggiare mentre i suoi compatrioti palestinesi a Gaza venivano "massacrati", invitando la Germania a "rispettare gli appelli delle Nazioni Unite e a smettere di inviare armi a Israele".

Questa situazione di apartheid tra noi, questa disuguaglianza, deve finire.
Yuval Abraham
Regista palestinese

Poi è salito sul palco Abraham: "Siamo entrambi di fronte a voi. Abbiamo la stessa età. Io sono israeliano, Basel è palestinese. E tra due giorni torneremo in una terra dove non siamo uguali", ha dichiarato Abraham. Ha proseguito: "Io sono sotto la legge civile; Basel è sotto la legge militare. Viviamo a 30 minuti l'uno dall'altro, ma io ho diritto di voto, lui no. Sono libero di muovermi dove voglio in questa terra, mentre lui, come milioni di palestinesi, è rinchiuso nella Cisgiordania occupata. Questa situazione di apartheid tra noi, questa disuguaglianza, deve finire".

Dopo il suo discorso, Abraham ha iniziato a ricevere minacce di morte.

Il sindaco di Berlino interviene

I discorsi di Abraham e Adra sono stati criticati dal sindaco di Berlino, Kai Wegner, del partito dell'Unione Cristiano-Democratica, che su X ha scritto: "L'antisemitismo non ha posto a Berlino, e questo vale anche per la scena artistica. Mi aspetto che la nuova direzione della Berlinale faccia in modo che tali incidenti non si ripetano".

Wegner non ha specificato esattamente a quale aspetto della cerimonia si riferisse, aggiungendo: "Berlino ha una posizione chiara quando si tratta di libertà. Berlino è fermamente dalla parte di Israele. Non c'è dubbio su questo. La piena responsabilità per le profonde sofferenze in Israele e nella Striscia di Gaza è di Hamas. Solo Hamas ha il potere di porre fine a questa sofferenza liberando tutti gli ostaggi e deponendo le armi. Non c'è spazio per la relativizzazione".

Gli organizzatori delle Berlinale hanno insistito sul fatto che "le dichiarazioni a volte unilaterali e attiviste dei vincitori del premio erano espressione di opinioni personali individuali, che non riflettono in alcun modo la posizione del festival", hanno aggiunto, prendendo ancora una volta le distanze dai commenti a sostegno della Palestina.

"Comprendiamo l'indignazione per il fatto che le dichiarazioni di alcuni dei vincitori del premio siano state percepite come troppo di parte e, in alcuni casi, inappropriate", ha aggiunto la direttrice esecutiva uscente della Berlinale Mariëtte Rissenbeek nella sua dichiarazione.

Le dichiarazioni a volte unilaterali e attiviste dei vincitori del premio erano espressione di opinioni personali individuali.
Organizzatori della Berlinale

"Nel periodo precedente e durante il nostro festival, abbiamo chiarito molto bene qual è il punto di vista della Berlinale sulla guerra in Medio Oriente e che non condividiamo posizioni unilaterali", ha aggiunto. "Tuttavia, la Berlinale si considera, oggi come in passato, una piattaforma di dialogo aperto tra culture e Paesi. Dobbiamo quindi tollerare anche opinioni e dichiarazioni che contraddicono le nostre opinioni, a patto che queste dichiarazioni non discriminino persone o gruppi di persone in modo razzista o similmente discriminatorio o che non oltrepassino i limiti legali".

PUBBLICITÀ
Comprendiamo l'indignazione per il fatto che le dichiarazioni di alcuni dei vincitori del premio siano state percepite come troppo di parte e, in alcuni casi, inappropriate.
Mariëtte Rissenbeek
Direttrice esecutiva della Berlinale

Quella di quest'anno è stata l'ultima edizione della Berlinale affidata a Carlo Chatrian e Mariette Rissenbeek. La prossima edizione, invece, sarà guidata dall'ex direttrice del London Film Festival Tricia Tuttle, che era presente alla cerimonia di chiusura.

Una brutta figura per la Berlinale

Questa polemica però solleva importanti questioni sulla libertà di parola e su come un festival che pretende di celebrare il dialogo aperto possa prendere le distanze dalle opinioni degli artisti che ha invitato.

Questi artisti si sono espressi pacificamente, e sentire il sindaco di Berlino descrivere le espressioni di solidarietà e le richieste di cessate il fuoco dei premiati come "antisemite" è particolarmente sorprendente. Ecco alcune delle reazioni sui social.

"Un'indagine su cosa? Santo cielo, qui siamo completamente impazziti".

"Alcuni artisti, che non sono dipendenti del festival e non sono legati ad esso, hanno pacificamente detto la loro sulla Palestina. Cosa c'è da indagare? È spaventoso".

PUBBLICITÀ

"Imbarazzante per un festival un tempo vivace".

"Vigliacco e patetico. Se la Berlinale non è in grado di difendere a gran voce l'opposizione dei suoi registi a un genocidio in corso, allora qual è lo scopo della Berlinale?".

"80 anni dopo e siete ancora un festival nazista, vedo".

"Vergognatevi. L'anno prossimo vedrò se boicottare questo festival".

Questi incidenti di fine festival non hanno solo fatto arrabbiare gli addetti ai lavori, i critici e i fan della Berlinale, ma hanno anche riaperto il dibattito sul ruolo e sulle responsabilità delle istituzioni culturali quando si tratta di affrontare questioni di natura politica.

PUBBLICITÀ

Gli eventi culturali globali, soprattutto quelli che promuovono uno spazio per il dibattito politico oltre che per l'espressione artistica, devono fare meglio. E mentre l'indagine sul post non autorizzato continua, la Berlinale dovrà cercare di migliorare la reputazione di un festival che cerca di mantenere non solo il suo ruolo all'interno della comunità cinematografica internazionale, ma anche come luogo della libertà di parola.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Omicidio sul set di Rust: condannata l'armaiola, attesa per il processo ad Alec Baldwin

Taylor Swift entra nella classifica dei miliardari di Forbes: chi altro c'è nella lista?

Roma, annunciato il progetto di una nuova passeggiata archeologica nel cuore dei Fori