Glastonbury 2024, annunciati gli artisti. Ecco perché è una notizia storica

Glastonbury 2024 vedrà la partecipazione di Dua Lipa (a sinistra), SZA (al centro) e Shania Twain come "leggenda"
Glastonbury 2024 vedrà la partecipazione di Dua Lipa (a sinistra), SZA (al centro) e Shania Twain come "leggenda" Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dua Lipa, Coldplay e SZA campeggiano in cima al cartellone del Glastonbury di quest'anno, che si annuncia memorabile. Per la prima volta in assoluto due dei tre artisti principali saranno donne

PUBBLICITÀ

Sebbene ci sia chi si lamenta di Glastonbury e della possibilità di fruirne senza farsi venire un grande mal di testa, resta indiscutibile la quantità di talenti che l'evento ospita. E gli annunci giunti oggi in merito all'edizione 2024 è da far strabuzzare gli occhi.

Gli artisti di punta, tutti uomini, dell'anno scorso - Arctic Monkeys, Guns 'N' Roses ed Elton John - hanno lasciato molto a desiderare e hanno persino scatenato polemiche sul fatto che la co-organizzatrice del festival più importante del Regno Unito, Emily Eavis, avesse evidenziato un problema serio quando si era trattato di trovare artiste donne di alto livello. Tuttavia, quest'anno non solo si è trovato il modo di riequilibrare la bilancia, ma l'asticella è stata posta davvero in alto.

La cantante pop Dua Lipa, la sensazionale cantante R&B SZA e i Coldplay saranno i protagonisti dell'iconico Pyramid Stage quest'estate. Shania Twain, invece, si esibirà nell'ambito "slot delle leggende". Sarà la prima volta che due dei tre artisti principali saranno donne.

La cantante Dua Lipa
La cantante Dua LipaAlberto Pezzali/Invision/AP

Sarà il debutto di Dua Lipa sul Pyramid Stage e la notizia arriva dopo le esibizioni ai BRIT e ai Grammy di quest'anno. La notizia arriva anche il giorno dopo che la cantante ha rivelato i dettagli del suo primo nuovo album dopo quattro anni.

La cantante ha infatti svelato i dettagli del suo terzo disco, "Radical Optimism", che uscirà il 3 maggio. Si dice che sia ispirato all'energia della città natale di Dua Lipa, Londra, e alla "crudezza, onestà, fiducia e libertà del Britpop degli anni Novanta".

SZA ai Grammy Awards nello scorso febbraio
SZA ai Grammy Awards nello scorso febbraioChris Pizzello/Invision/AP

Sarà anche il debutto di SZA, che è "probabilmente l'artista hip-hop/r&b più in voga del Pianeta", hanno dichiarato gli organizzatori. È così in effetti.

Per quanto riguarda i Coldplay, la loro esibizione nel 2024 li renderà il primo gruppo a guidare il cartellone per cinque volte, dopo essere stati presenti nel 2002, 2005, 2011 e 2016. La loro performance, tuttavia, deluderà chi sperava in Madonna per completare uno storico trio tutto femminile. Ma c'era anche chi attendeva sul palco Bruce Springsteen.

Inutile lamentarsi però. Anche perché c'è Shania Twain.

Shania Twain al Pre-Grammy Gala a febbraio
Shania Twain al Pre-Grammy Gala a febbraioRichard Shotwell/Invision/AP

La star canadese, vincitrice di cinque Grammy, ha condiviso un video su Instagram in cui affermava di prepararsi con scarpe da ginnastica, impermeabile e cappello da cowboy. "Un altro gioiello per la mia corona!", ha scritto, "Mi sento così onorata ed emozionata! Sto già pensando a cosa indossare... Facciamo la storia di questa estate con questa performance da sogno".

La Twain segue le orme delle "leggende" Diana Ross, Dolly Parton e Kylie Minogue: la sua esibizione costituirà certamente uno dei momenti più importanti dell'edizione di quest'anno.

Quali altri artisti si esibiranno?

Ma la scaletta è ricca anche di altre artiste, a dimostrazione del fatto che il messaggio è stato chiaramente recepito da Eavis & Co. Ci saranno Little Simz e Jessie Ware, l'impareggiabile PJ Harvey (che si sta dando da fare per i festival di quest'estate), la leggendaria Cyndi Lauper e le sempre brillanti Janelle Monáe, Corinne Bailey Rae e Arlo Parks. Little Simz ha condiviso il poster di Glastonbury e ha dichiarato: "Il solo e unico festival a cui parteciperò quest'estate. Ci vediamo lì".

Tra gli altri artisti di quest'anno figurano LCD Soundsystem, Michael Kiwanuka, The National, Justice, Danny Brown, Black Pumas, Nitin Sawhney, Fontaines DC, The Breeders, Bonobo, Kneecap...

Guardate voi stessi: l'elenco è davvero impressionante.

Emily Eavis ha condiviso i nomi e ha dichiarato che "nelle prossime settimane ne arriveranno ancora di più". Considerando che il festival è noto per aggiungere talenti a sorpresa di prima grandezza e tenere segreti fino all'ultimo i nomi degli artisti, gli spettatori non rimarranno certamente delusi.

Purtroppo, come sempre accade a Glastonbury - ed è una delle principali lamentele, soprattutto se si paragona l'evento ad altri festival europei - i biglietti per l'edizione di quest'anno sono già esauriti. Quando sono stati messi in vendita a novembre, prima che venissero rivelati i nomi, sono andati a ruba in meno di un'ora. La rivendita dei tagliandi restituiti è prevista per aprile. Quindi, in bocca al lupo a chi vorrà provare. L'anno scorso i biglietti per la rivendita dell'edizione 2023 sono finiti in soli sei minuti...

E se non riuscite nell'impresa, non temete: abbiamo pensato a voi con una carrellata dei migliori festival musicali europei a cui potete ancora andare.

Notizie meno buone per la scena dei festival del Regno Unito

Mentre Glastonbury domina i titoli dei giornali, vale la pena ricordare che 21 festival del Regno Unito sono stati cancellati o rinviati e che cento sono a rischio permanente se non si interviene. Come riportato dall'Associazione dei festival indipendenti (AIF): "La tempistica suggerisce che il numero di cancellazioni di festival quest'anno supererà di gran lunga il 2023, quando 36 festival sono stati cancellati".

La dichiarazione prosegue: "Senza un intervento, si prevede che nel 2024 il Regno Unito potrebbe veder scomparire oltre cento festival a causa dell'aumento dei costi. Senza aver avuto una sola stagione stabile dopo la pandemia per riprendersi, i festival del Paese sono più che mai sotto pressione finanziaria".

PUBBLICITÀ

All'inizio di quest'anno, l'AIF ha lanciato una campagna - Il 5% per i festival - che mirava a una riduzione dell'IVA sui biglietti dei festival che avrebbe salvato molti promotori di eventi dalla chiusura. L'amministratore delegato dell'associazione, John Rostron, ha dichiarato in un comunicato stampa: "È con grande preoccupazione che lanciamo ancora una volta l'allarme al governo. I festival del Regno Unito stanno scomparendo a un ritmo preoccupante e noi, come nazione, stiamo assistendo all'erosione di uno dei nostri settori culturali di maggior successo".

Ha quindi proseguito: "Abbiamo fatto delle ricerche: una riduzione dell'IVA al 5% sui biglietti dei festival per i prossimi tre anni è una misura conservativa, mirata e temporanea, che salverebbe quasi tutte le imprese di festival che rischiano di fallire quest'anno e molte altre negli anni a venire. Abbiamo bisogno di questo intervento ora".

Quindi, mentre vi affannate a cercare i biglietti, tenete presente che al momento c'è uno stato di cose più ampio e allarmante quando si tratta di salvare la scena musicale del Regno Unito.

Glastonbury si terrà dal 26 al 30 giugno alla Worthy Farm di Pilton, nel Somerset.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

FIFDH, a Ginevra il Festival cinematografico per i diritti umani

Vi spieghiamo la polemica di questa edizione del Festival del Cinema di Berlino

Giappone: in novemila al tradizionale festival dell'uomo nudo