European Film Awards: chi vincerà il premio per il miglior film?

Premi cinematografici europei 2023: Chi vincerà il premio per il miglior film europeo di quest'anno?
Premi cinematografici europei 2023: Chi vincerà il premio per il miglior film europeo di quest'anno? Diritti d'autore  The Match Factory – Diaphana Films / A24 / Le Pacte / Venice Film Festival / 01 Distribution
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I cinque film nominati come miglior film europeo del 2023 agli European Film Awards sono tra i più belli dell'anno. Ecco i pronostici di Euronews.

PUBBLICITÀ

Gli European Film Awards, che premiano i più grandi successi del cinema europeo, sono alle porte. La cerimonia, che si terrà questo sabato 9 dicembre a Berlino, sarà trasmessa in livestreaming su Euronews Cultura, e noi saremo sul posto per tenervi aggiornati su tutti i risultati.

Quest'anno la competizione è particolarmente interessante. Tra i film candidati quest'anno al prestigioso premio per il miglior film europeo, tre sono stati presentati in anteprima mondiale a Cannes e hanno vinto premi importanti: Anatomia di una caduta ha vinto la Palma d'Oro, The Zone of Interest il Gran Premio di Cannes e Premio FIPRESCI, e Fallen Leaves ha conquistato il Premio della Giuria. Gli altri due candidati, Green Border e Me Captain, sono stati presentati in anteprima a Venezia, dove hanno vinto rispettivamente il Premio Speciale della Giuria e Miglior Attore.

La competizione è serrata e ogni film potrebbe vincere il premio principale. Diamo un'occhiata più da vicino ai nominati, prima di iniziare a fare qualche pronostico...

Anatomia di una caduta (Anatomie d'une chute)

Regia di Justine Triet (Francia)

Il vincitore della Palma d'Oro di quest'anno racconta l'avvincente storia di un omicidio ad alta quota che si trasforma in un avvincente dramma giudiziario, alimentato da un'interpretazione stellare di Sandra Hüller (che quest'anno è candidata due volte come miglior attrice, per Anatomia di una caduta e La zona d'interesse).

Il film non convenzionale della regista francese Justine Triet affronta i temi della paternità e il peso delle responsabilità nelle relazioni. Soprattutto quando la relazione viene sezionata in pubblico per essere vista da tutti, cosa che a sua volta permette alla regista di usare il sistema giudiziario come spunto per mettere a nudo i pregiudizi misogini. La protagonista, Sandra (Hüller), non è la vittima ideale che lotta per far valere la propria innocenza; parla in modo semplice dell'imperfezione delle sue relazioni e si sente un essere umano a tutto tondo, al contrario della figura stereotipata della martire irreprensibile che lotta per la sopravvivenza.

L'aspetto più impressionante della sceneggiatura è che, invece di seguire la strada del polveroso Basic Instinct (Sandra, una scrittrice bisessuale accusata di omicidio, potrebbe sembrare sulla carta la Catherine Tramell di Sharon Stone), il film si concentra soprattutto su riflessioni più profonde sulla percezione e sulla narrazione. Il senso di incertezza che pervade tutte le scene del film lo rende particolarmente coinvolgente.

Il film si sta già affermando come uno dei favoriti per i premi, e ci sono tutte le ragioni per credere che vincerà in tutte le categorie agli European Film Awards: miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatore e miglior attrice. Inoltre, gli EFA sono soliti assegnare più premi allo stesso film, come è successo l'anno scorso con Triangle of Sadness, che ha vinto quattro premi: Miglior film, regia, sceneggiatura e attore. Attenzione... Tuttavia, sebbene Anatomy of a Fall sia un dramma che fa riflettere e che ha un'adeguata profondità emotiva, non sembra avere lo stesso impatto dei precedenti vincitori di Cannes. Osiamo dire che è già un po' troppo pubblicizzato. Detto questo, il pubblico internazionale lo adora e un suo trionfo non sarebbe affatto una sorpresa.

Foglie cadute (Kuolleet Lehdet)

Regia di Aki Kaurismäki (Finlandia, Germania)

Aki Kaurismäki ha offerto al Festival di Cannes di quest'anno uno dei suoi migliori film in concorso. Fallen Leaves ha vinto il terzo premio della giuria ed è stato selezionato come candidato finlandese agli Oscar 2024 come miglior film internazionale.

Per il suo primo film dopo sei anni, il quarto capitolo della sua "trilogia della classe operaia"(Ombre in paradiso, Ariel, La ragazza della fabbrica di fiammiferi), il maestro finlandese del deadpan ha realizzato quella che potrebbe essere la più calda e cupa commedia romantica del 2023. E sembra che il mood finlandese crei una strana dipendenza.

La storia di base, quella di due anime perdute che stringono uno strano e bellissimo legame nonostante le difficoltà, è un po' la solita storia hollywoodiana. Tuttavia, la malinconia tragicomica funziona a meraviglia, perché il regista crea una storia d'amore della classe operaia che si sviluppa come una farsa gioiosa con tutti gli inconfondibili tratti distintivi di Kaurismäkian: un silenzioso distacco che riflette le emozioni profonde che i personaggi non riescono a esprimere; commenti ironici e gag spiritose; diversi tributi sornioni ai suoi eroi cinematografici (qui Ozu e Bresson in particolare). Il film è ricco di ritratti composti con precisione, ombreggiati e con schemi di colore accentuati che decretano la continua collaborazione del regista con il direttore della fotografia Timo Salminen.

I fan del regista non troveranno nulla di nuovo qui, ma il film è comunque un piacere da guardare. Serve a ricordare che arrendersi agli incontri casuali e abbracciare l'amore è l'unica cosa sana da fare quando il mondo intorno a te si sgretola. 

È candidato come miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatore, miglior attore e miglior attrice. In qualsiasi altra edizione, avrebbe potuto vincerle tutte senza problemi. Tuttavia, abbiamo il vago sospetto che sarà eclissato da Anatomia di una caduta...

Confine verde (Zielona Granica)

Regia di Agnieszka Holland (Polonia, Francia, Repubblica Ceca, Belgio)

Green Border è un atto d'accusa emotivamente devastante, oltre che uno dei migliori film di Agnieszka Holland.

Il titolo si riferisce alle foreste che costituiscono la terra di nessuno tra Bielorussia e Polonia. Lì, i rifugiati provenienti dal Medio Oriente e dall'Africa cercano disperatamente di raggiungere l'Unione europea, ritrovandosiperòintrappolati in un assurdo tira e molla tra i governi bielorusso e polacco. I rifugiati vengono attirati al confine con la promessa di un passaggio sicuro verso l'Ue, ma in realtà sono pedine politiche in un gioco truccato orchestrato dal dittatore bielorusso Alexander Lukashenko; vengono brutalmente rimbalzati tra le due parti, nessuna delle quali rivendica alcuna responsabilità e continua a condannarli a un limbo infinito.

Green Border è uno dei film più avvincenti che vedrete l'anno prossimo (non è ancora uscito nelle sale europee). È un cri-du-coeur incisivo e cinematograficamente potente che dà voce a chi non ha voce.

PUBBLICITÀ

Come afferma la regista stessa,  "viviamo in un mondo in cui ci vuole grande immaginazione e coraggio per affrontare tutte le sfide dei tempi moderni. La rivoluzione dei social media e l'intelligenza artificiale hanno reso sempre più difficile far sentire le voci autentiche. Secondo me, non ha senso impegnarsi nell'arte se non si lotta per quella voce, se non si lotta per porre domande su questioni importanti, dolorose, a volte irrisolvibili, che ci mettono di fronte a scelte drammatiche".

Il film è la nostra scelta per il premio principale di quest'anno, non solo per il suo messaggio incredibilmente attuale, ma perché sono rari i film che riescono a fondere in modo così abile la giusta rabbia e una riflessione intelligente, raccontando una storia umana che non degenera in un'arringa.

Il film denuncia le politiche disumane della Polonia e pone domande vitali sulla responsabilità collettiva dell'Europa, e per questo è stato bersaglio di molto odio. Ad esempio, il ministro della Giustizia polacco Zbigniew Ziobro ha etichettato Green Border come "propaganda del Terzo Reich", senza aver visto il film. Per Holland però è presto arrivato il sostegno della Federazione dei registi europei (FERA) e dell'Accademia del cinema europeo (EFA).

Io Capitano

Diretto da Matteo Garrone (Italia, Belgio)

Un altro titolo forte della Mostra del Cinema di Venezia di quest'anno è Io Capitano del regista italiano Matteo Garrone, che dà un volto alla crisi dei migranti.

PUBBLICITÀ

Lo fa concentrandosi su Seydou (Seydou Sarr), che avrebbe potuto essere un vero e proprio concorrente nella categoria Miglior Attore. L'uomo, che non ha alcuna esperienza di navigazione, viene incaricato da un trafficante di uomini di assumere il ruolo di capitano e di guidare un'imbarcazione che trasporta 250 persone attraverso il Mediterraneo.

Io Capitano è ispirato a fatti realmente accaduti ed è uno sguardo terribile sulla realtà dei migranti e sul pericoloso viaggio che molti scelgono di intraprendere verso l'Europa, sognando di crearsi una vita migliore.

Come Green Border, il film è incredibilmente attuale. Tuttavia, sembra il più debole dei cinque film nominati come miglior film. Anche se vale la pena guardarlo, dubitiamo che quest'anno si aggiudicherà il premio principale.

La zona d'interesse

Regia di Jonathan Glazer (Regno Unito, Polonia, USA)

Lo straziante dramma sull'Olocausto di Jonathan Glazer_, The Zone of Interest_, è in testa alle nomination degli EFA di quest'anno ed è stato selezionato come candidato ufficiale del Regno Unito agli Oscar 2024 nella categoria Miglior film internazionale. È un film profondamente inquietante e audace che vi lascerà sconvolti, quando lo vedrete nelle sale a gennaio.

PUBBLICITÀ

Liberamente basato sul romanzo di Martin Amis del 2014, La zona d'interesse è il primo lungometraggio di Glazer da 10 anni, dopo Under The Skin del 2013. Il film segue il comandante del campo di Auschwitz Rudolf Höss (Christian Friedel) e sua moglie Hedwig (Sandra Hüller), che costruiscono una vita da sogno per la loro famiglia nella loro casa situata dall'altra parte del muro del campo di concentramento. Lo spettatore osserva la vita quotidiana della famiglia: le visite degli amici, le attività dei domestici, Hedwig che cura il suo "giardino paradisiaco": una vita costruita a pochi passi dalla morte.

Centinaia di film hanno affrontato il tema dell'Olocausto, ma pochi hanno raggiunto l'obiettivo che il regista britannico Jonathan Glazer ha ottenuto con La zona d'interesse. Molti, come Schindler's List e Son of Saul, hanno evocato gli orrori inimmaginabili di ciò che accadeva tra le mura dei campi di concentramento e altri hanno descritto quella che Hannah Arendt definiva la "banalità del male". Pochi, tuttavia, hanno preso questo concetto e lo hanno portato sullo schermo in modo così agghiacciante, esplorando non solo la banalità del male, ma anche l'umanità inquietantemente identificabile dietro le vite di coloro che perpetrano i crimini più indicibili.

Il film di Glazer è, a livello formale, un audace colpo da maestro che rompe le aspettative convenzionali. Gli studenti di cinema lavoreranno su questo film per gli anni a venire, analizzando il modo in cui l'inquadratura trasmette così tante emozioni, così come l'effetto creato dalle improvvise schermate monocromatiche con i suoni dell'allarme della compositrice Mica Levi, che sembrano emanare dalle viscere più profonde dell'Ade.

C'è molto da apprezzare e da approfondire nell'audace rappresentazione di Glazer della Soluzione Finale. È già entrato nella nostra classifica dei migliori film europei del XXI secolo e, se fosse uscito nelle sale europee quest'anno, è molto probabile che si sarebbe aggiudicato il primo posto tra i migliori film del 2023. C'è la possibilità che sia un po' troppo audace per gli spettatori, e saremmo entusiasti se sabato si aggiudicasse il premio per il miglior film e la migliore regia.

Pronostici

Tiriamo fuori le nostre sfere di cristallo e pronostichiamo i vincitori della 36a edizione degli European Film Awards. Come si può intuire, è un anno in cui i pronostici sono particolarmente difficili, poiché molti film meritano di essere premiati.

PUBBLICITÀ

Film europeo:

Vincerà: ANATOMIA DI UNA CADUTA (ANATOMIE D'UNE CHUTE) - Regia di Justine Triet (Francia)

Dovrebbe vincere: GREEN BORDER (ZIELONA GRANICA) - Regia di Agnieszka Holland (Polonia, Francia, Repubblica Ceca, Belgio)

Regista europeo:

Vincerà: Agnieszka Holland per GREEN BORDER

PUBBLICITÀ

Dovrebbe vincere: Jonathan Glazer per LA ZONA D'INTERESSE

Attrice europea:

Vincerà: Sandra Hüller in ANATOMIA DI UNA CADUTA / LA ZONA D'INTERESSE

Dovrebbe vincere: Sandra Hüller in ANATOMIA DI UNA CADUTA / LA ZONA D'INTERESSE

Attore europeo:

PUBBLICITÀ

Vincerà: Josh O'Connor in LA CHIMERA

Dovrebbe vincere: Mads Mikkelsen in LA TERRA PROMESSA

Sceneggiatore europeo:

Vincerà: Justine Triet & Arthur Harari per ANATOMIA DI UNA CADUTA

Dovrebbe vincere: Aki Kaurismäki per FALLEN LEAVES

PUBBLICITÀ

Documentario europeo:

Vincerà: FOUR DAUGHTERS (LES FILLES D'OLFA) - Regia di Kaouther Ben Hania (Francia, Tunisia, Germania, Arabia Saudita)

Dovrebbe vincere: FOUR DAUGHTERS (LES FILLES D'OLFA) - Regia di Kaouther Ben Hania (Francia, Tunisia, Germania, Arabia Saudita)

Scoperta europea - Premio FIPRESCI

Vincerà: HOW TO HAVE SEX diretto da Molly Manning Walker (Regno Unito, Grecia)

PUBBLICITÀ

Dovrebbe vincere: VINCENT MUST DIE (VINCENT DOIT MOURIR) diretto da Stéphan Castang (Francia)

I vincitori degli European Film Awards 2023 saranno annunciati a Berlino sabato 9 dicembre. Seguite Euronews Cultura per il racconto completo della serata e per le interviste esclusive.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il "mese del cinema europeo": tutta l'Europa sul grande schermo

Vaticano: iniziati i lavori di restauro del baldacchino della Basilica di San Pietro

Cinema, Martin Scorsese riceve l'Orso d'oro alla carriera alla Berlinale