L'Italia perde il titolo di maggior produttore di vino al mondo. La colpa è dei cambiamenti climatici

Vigneti
Vigneti Diritti d'autore Andrea Cairone
Di Rebecca Ann Hughes
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le condizioni climatiche estreme e le malattie fungine hanno devastato i vigneti. La produzione è scesa sotto i 44 milioni di ettolitri nel 2023

PUBBLICITÀ

Addio al grande primato. L'Italia ha perso la sua amata corona di maggior produttore di vino al mondo.

Quest'anno è stata un'annata davvero difficile per i viticoltori italiani e la produzione è scesa del 12% rispetto al 2022.

Le condizioni climatiche estreme e le malattie fungine hanno devastato i vigneti, facendo scendere la produzione sotto i 44 milioni di ettolitri nel 2023. I viticoltori ora si aspettano il raccolto più scarso degli ultimi sei anni.

La situazione è leggermente migliore nelle regioni del Nord Italia, tra cui il Piemonte, che ha registrato un piccolo aumento della produzione dello 0,8%, secondo le lobby italiane del vino UIV e Assoenologi, un'associazione di esperti del settore.

Tuttavia, il calo complessivo significa che la Francia si riprenderà il primo posto per la prima volta in nove anni.

Il crollo del vino italiano nel 2023

Secondo i dati di previsione della vendemmia, la produzione calerà del 20% nelle regioni dell'Italia centrale e di circa il 30% nelle regioni meridionali come la Sicilia e la Basilicata.

Il crollo è dovuto all'effetto combinato del maltempo e dei danni causati da un fungo chiamato plasmopara viticola.

Il fungo causa una delle malattie più devastanti della vite ed è noto anche come peronospora della vite.

Andrea Cairone
Winemakers are expecting the smallest harvest in six years.Andrea Cairone

In condizioni di caldo e umidità, la crescita del fungo bianco si diffonde sulle foglie e sui frutti, causando spesso la morte di alcune parti della pianta.

Quest'anno ha colpito in particolare le regioni centrali e meridionali dell'Italia a causa dell'aumento delle precipitazioni.

"Il raccolto che stiamo affrontando è molto complesso, caratterizzato soprattutto dagli effetti dei cambiamenti climatici che alla fine della primavera e all'inizio dell'estate hanno causato malattie patogene come la peronospora, alluvioni, grandinate e siccità", ha dichiarato Riccardo Cotarella, responsabile di Assoenologi, in un comunicato.

Il calo della produzione non influirà comunque sulla qualità del vino, ha aggiunto Cotarella: "Dalla vendemmia 2023 otterremo sicuramente vini di buona qualità, con punte di eccellenza".

La Francia alle prese con la sovrapproduzione

La Francia ha conquistato il primo posto come maggior produttore di vino al mondo, ma non è stata necessariamente una vittoria per i viticoltori.

A causa di una triplice serie di problemi - la crisi del costo della vita, i cambiamenti nelle abitudini di consumo e i postumi della Covid - il Paese ha registrato un calo della domanda di vino.

Il governo francese ha recentemente annunciato uno stanziamento di 200 milioni di euro per lo smaltimento delle eccedenze di produzione vinicola, nel tentativo di sostenere i viticoltori in difficoltà finanziarie.

Il denaro è stato stanziato "per impedire il crollo dei prezzi e per consentire ai viticoltori di trovare nuovamente fonti di reddito", ha dichiarato il ministro dell'Agricoltura Marc Fesneau alla stampa nel mese di agosto.

Ha tuttavia sottolineato che il settore deve anche "guardare al futuro, pensare ai cambiamenti dei consumatori e adattarsi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlino, il grido dei Fridays for future per il clima

Un ristorante argentino elimina dal menu i piatti a tema Olocausto

Regno Unito, si brinda al whisky gallese che diventa di origine protetta