EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La forza della campionessa iraniana Mitra Hejazipour: "Il regime non può più fermare la voglia di libertà"

Mitra Hejazipour
Mitra Hejazipour Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews Farsi Agenzie:  David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Mitra Hejazipour: "La morte di Mehsa Amini è stata l'inizio della fine di questo regime. Sappiamo che in questi anni molte persone sono state uccise e imprigionate da questo regime, ma questo è stato un punto di svolta per l'Iran"

PUBBLICITÀ

Mitra Hejazipour è una campionessa di scacchi iraniana che nel 2020 è stata espulsa dalla squadra nazionale femminile per essersi rifiutata di indossare l'hijab obbligatorio. 

Ora vive a Parigi, di recente è diventata campionessa, vincendo anche una grane battaglia. Da pochi mesi ha la cittadinanza francese e probabilmente in futuro giocherà nella nazionale femminile francese. Attualmente Hejazipour lavora per una società di ingegneria a Parigi, dopo aver studiato Ingegneria in Francia.

Abbiamo incontrato Mitra Hejazipour a Parigi per parlare della sua decisione di abbandonare l'hijab obbligatorio e di come Vida Movahed - la ragazza che cinque anni fa decise di appendere il velo a un bastone vicino alla Piazza della Rivoluzione di Teheran - abbia avuto un impatto sulla sua vita personale.

Può parlarci del suo primo incontro con l'hijab obbligatorio?

Mitra Hejazipour: "Essendo cresciuta in una famiglia religiosa e tradizionale, accettare l'hijab era una cosa normale per me. Ma la prima volta che mi è stato detto che bisognava indossare questa sorta di maschera, non mi è piaciuto e mi sono sentita male. Quando abbiamo lasciato il Paese e abbiamo viaggiato in altri Stati, ho visto che le atlete a volte rimanevano indietro a causa dell'hijab obbligatorio e dovevano lavorare di più per recuperare i punti persi. Certo, negli scacchi l'hijab è il male minore, ma quando ti viene imposto allora ti dà sui nervi."

L'hijab obbligatorio è una doppia pressione, soprattutto quando non credi in qualcosa dal profondo del cuore e pensi di dover accettare ciò che non accetti.

Ricordo anche che a nove anni ero seconda al torneo mondiale di scacchi per ragazze under 10. Un giovane tedesco della mia età, che giocava a scacchi voleva stringermi la mano per congratularsi, ma il mio manager mi disse che non era giusto".

L'hijab obbligatorio è una doppia pressione, soprattutto quando non credi in qualcosa dal profondo del cuore e pensi di dover accettare ciò che non accetti.
Mitra Hejazipour - Instagram
Mitra Hejazipour's parents are of great supportMitra Hejazipour - Instagram

I suoi viaggi sono stati spesso monitorati dalle forze di sicurezza. Può parlarci di queste esperienze?

Mitra Hejazipour: "La sorveglianza era ovunque, erano addestrati per stare con noi e monitorare tutto. Continuavano a metterci in guardia. Ricordo il mio primo viaggio all'estero con la squadra giovanile, quando le forze di sicurezza controllavano che mangiassimo cibo halal e che indossassimo abiti larghi. Continuavano a ricordarmi di indossare l'hijab. Non potevamo nemmeno lasciare l'albergo senza il loro permesso. Ovunque ci si girasse, erano presenti e tutti i nostri comportamenti erano monitorati."

Ci parli della sua decisione di partecipare al torneo di scacchi di Mosca senza l'hijab obbligatorio?

Mitra Hejazipour: "Nel dicembre 2019 ho partecipato alla competizione di Mosca senza hijab. Naturalmente, prima di allora avevo scritto un testo su Instagram sostenendo la protesta della ragazza di Elkhebal Street e di altre donne iraniane. Quando le donne della rivoluzione si sono tolte il velo, molte persone le hanno criticate. Questo mi ha fatto arrabbiare e volevo sostenerle. Ma hanno chiamato me e la mia famiglia a nome della Federazione e mi hanno minacciato".

Che tipo di minacce?

Mitra Hejazipour: "Mi hanno detto di cancellare subito questo post. Ma io avevo preso la mia decisione, ero arrabbiata e non ho risposto al telefono. Hanno chiamato mia madre, che in lacrime, mi ha detto che avrebbero potuto arrestarmi. Erano molto spaventati. Per questo ho dovuto rimuovere quel post."

Euronews
Mitra HejazipourEuronews

Come è arrivata alla decisione di presentarsi al torneo di scacchi di Mosca del 2019 senza hijab?

Mitra Hejazipour: "All'epoca giocavo in un club in Francia e sono andata a Mosca direttamente dalla Francia. Dall'inizio della competizione, viaggiavo ovunque senza hijab. Probabilmente i compagni di squadra erano in contatto con la Federazione e la storia arrivò alle loro orecchie.

Per prima cosa, mi hanno chiamato dicendo che dovevo indossare l'hijab e che se non l'avessi fatto, mi avrebbero boicottato. Il direttore mi mandò un messaggio in cui mi diceva che dovevo osservare la regola di indossare l'hijab. Mi disse: "È molto importante per noi, altrimenti ti cacceremo dal torneo e non potrai più giocare". Ma avevo preso la mia decisione e volevo sostenere Vida Movahed, la ragazza **di Elkhebal Street e la protesta di altre donne iraniane,**e affrontare la questione dell'hijab obbligatorio.

Dopo che ho giocato senza hijab, il direttore della Federazione ha rilasciato una dichiarazione e ha detto che ero stata espulsa dalla squadra nazionale e che non avrei potuto mai pià giocare per il resto della mia vita."

Ha informato la sua famiglia che non avrebbe indossato l'hijab?

PUBBLICITÀ

Mitra Hejazipour: "No, è stata una decisione personale. Come ho detto, non ho parlato con la mia famiglia. Sapevo che questa decisione avrebbe avuto delle conseguenze, ma avevo paura che mi bloccassero."

Qual è stata la reazione delle altre giocatrici di scacchi iraniane?

Mitra Hejazipour: "Non mi hanno sostenuto, almeno tra le mie compagne. Hanno quasi interrotto i contatti con me. Ho mantenuto i rapporti di amicizia solo con Sara Khadim al-Sharia, ci parlavamo. Recentemente Sara ha deciso di partecipare alle stesse competizioni senza hijab e ha lasciato il Paese."

Quando Vida Movahed è andata alla cabina vicino a Piazza della Rivoluzione a Teheran, si è tolta l'hijab e ha legato il velo a un bastone, la sua decisione ha avuto un grande impatto su di me
Euronews
Mitra HejazipourEuronews

E per quanto riguarda gli stereotipi al di fuori dell'Iran, come vive la sua vita in Francia?

Mitra Hejazipour: "Sebbene questi stereotipi siano presenti anche qui, l'esperienza che ho avuto mi ha fatto uscire da questi schemi e pensare con più facilità, ponendomi obiettivi più alti ed essendo sicura di poterli raggiungere. Qui si pensa che volere sia potere. Qui le donne non sono considerate meno degli uomini. Qui posso raggiungere obiettivi importanti per me stessa o almeno cercare di raggiungerli."

PUBBLICITÀ

Qual è stato l'impatto di Vida Mowahed e della protesta delle donne di Elkhebal Street sul suo approccio alla questione dell'hijab?

Mitra Hejazipour: "Quando Vida Movahed è andata alla cabina vicino a Piazza della Rivoluzione a Teheran, si è tolta l'hijab e ha legato il velo a un bastone, la sua decisione ha avuto un grande impatto su di me. Quello che ha fatto mi ha colpito molto. Mi sono chiesta perché non ho protestato contro questa pressione forzata per tutti questi anni, obbedendo come tutti gli altri. Il suo coraggio è stato molto ammirevole per me. Sono rimasta molto colpita da Vida Movahed.

Once you have tasted the feeling of freedom, you will never go back. The regime can no longer stop this movement.
Social Networks
Vida MowahedSocial Networks

Che effetto le ha fatto la morte di Mahsa Amini?

Mitra Hejazipour: "La morte di questa giovane ragazza è stato un episodio molto triste. È stata un dolore enorme per la sua famiglia e per il popolo iraniano. Ma credo che l'uccisione di questa ragazza sia stata un punto di svolta per l'Iran. La morte di Mahsa Amini è stata l'inizio della fine di questo regime. Sappiamo che in questi anni molte persone sono state uccise e imprigionate da questo regime, ma questo è stato un punto di svolta per l'Iran."

Come vede il ritorno della della polizia morale nelle strade?

PUBBLICITÀ

Mitra Hejazipour: "Non ho dubbi che questo regime non esiti a prendere qualsiasi misura per reprimere le persone e impedire loro di muoversi. Ma allo stesso tempo credo che il cambiamento sia avvenuto. Le donne iraniane hanno assaporato il senso di libertà dalla Repubblica islamica, e ormai non si può tornare indietro. Una volta assaporata la sensazione di libertà, non si torna più indietro. Il regime non può più fermare questo movimento."

Se potesse dire qualcosa a Vida Movahed, cosa direbbe?

Mitra Hejazipour: "Direi che le sono molto grata. Che apprezzo il suo coraggio. La sua azione ha creato una scintilla nella mente di persone come me. Per molti anni siamo state abituate a indossare l'hijab obbligatorio. Non ci siamo chieste perché dovevamo indossarlo se non lo sentivamo come un credo. Vida Movahed mi ha fatto capire che non dobbiamo abbassare la testa di fronte alle parole forti. Ci ha fatto capire che possiamo protestare. Il suo lavoro è stato molto prezioso per me e non lo dimenticherò mai."

Video editor • Doloresz Katanich

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cannes 2024: Palma d'Oro ad 'Anora' di Sean Baker, Sorrentino a mani vuote

Alla poetessa romena Ana Blandiana il Premio Principessa delle Asturie 2023 per la letteratura

Risolto un mistero di quattromila anni fa: come sono state costruite le piramidi di Giza