EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Come mai i biglietti per i concerti di Taylor Swift e dei Coldplay sono diventati così costosi?

Taylor Swift si esibisce durante l'apertura del suo Eras tour allo State Farm Stadium di Glendale
Taylor Swift si esibisce durante l'apertura del suo Eras tour allo State Farm Stadium di Glendale Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Jonny Walfisz
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I prezzi dei biglietti per i concerti pop sono sfuggiti di mano: sembra che tutto sia iniziato con le complessità che impediscono ai fan di acquistare facilmente i biglietti per l'attuale tour di Taylor Swift, ma il problema ha ormai travolto quasi tutti gli artisti pop da stadio

PUBBLICITÀ

Un tempo, vedere il proprio artista preferito esibirsi davanti a migliaia di persone era alla portata di tutti.

Fate un viaggio nella memoria, cercando il vostro leggendario artista pop preferito e la "matrice del biglietto" su eBay: provate con Elton John - che ha tenuto il suo ultimo concerto a Stoccolma lo scorso luglio - e scoprirete che nel 1975 era possibile vederlo al Wembley Stadium di Londra per sole 3,50 sterline.

Elton si è esibito in un evento chiamato Mid Summer Music, che comprendeva artisti come i Beach Boys, gli Eagles e Rufus & Chaka Khan.

L'idea di poter vedere una serie così incredibile di artisti nel loro periodo di massimo splendore a una cifra così accessibile sembra oggi immaginaria. 

Ticketmaster contro i fan

Taylor Swift nel 2023 è un'analogia ragionevole rispetto all'Elton John del 1975: quando i biglietti sono stati messi in vendita per la tappa nordamericana del tour Eras della Swift nel 2022, la domanda è stata così alta che Ticketmaster è andato in tilt.

Quando Ticketmaster funzionava, però, il suo algoritmo di "dynamic pricing" ha spinto il valore dei biglietti a prezzi del tutto astronomici.

I fan sono rimasti sconvolti dalla situazione: molti sono rimasti senza biglietti e molti altri li  hanno pagati molto di più del previsto per avere la possibilità di vedere la cantante. 

Un gruppo di 26 fan ha addirittura intentato una class action civile contro Ticketmaster accusandola di frode e violazione delle norme antitrust.

La stessa Swift si è infuriata con Ticketmaster: "È davvero incredibile che 2,4 milioni di persone abbiano ottenuto i biglietti, ma mi fa davvero arrabbiare che molti di loro si sentano come se avessero subito l'attacco di un orso per ottenerli", ha scritto su Instagram, aggiungendo che la società di distribuzione le aveva assicurato di essere in grado di far fronte alla domanda.

Quando è arrivato il momento di vendere i biglietti per la tappa europea del tour, Swift ha cercato di risolvere il problema. 

Questa volta i fan potevano registrarsi in anticipo per i biglietti cui erano interessati: coloro che avevano acquistato il decimo album della star, "Midnights", avrebbero avuto accesso a un codice speciale per la prevendita. 

Per chi non l'ha fatto, tuttavia, il giorno della vendita assomigliava di nuovo ad una scena di James Bond,  in cui un numero troppo esiguo di corpi vivi viene dato in pasto a una vasca di voraci piranha.

Se siete stati abbastanza fortunati da riuscire ad accedere alla schermata di vendita dei biglietti, potreste non aver avuto la possibilità di scegliere un biglietto a prezzi accessibili, ma di rimanere confinati a quelli al di fuori del vostro budget.

Ci sono persone che hanno pagato circa 350 sterline (410 euro) per i biglietti ordinari nelle grandi aree a sedere: alcuni di coloro che hanno ottenuto biglietti a prezzi accessibili hanno poi scoperto di essere seduti nell'area dietro il palco, bloccati a guardare il retro dell'impianto di amplificazione!

Prezzi stracciati

PUBBLICITÀ

Taylor Swift è stata al centro dell'attuale dibattito sui prezzi esorbitanti dei biglietti: è importante sottolineare che questo fenomeno non è esclusivo di questa cantante.

Come già detto, i biglietti per i tour negli stadi di Beyoncé, Coldplay, Madonna e persino per l'ultimo tour di Elton John sono stati tutti afflitti da processi di prenotazione complicati e prezzi proibitivi.

Vale anche la pena di notare che le tournée non sono mai state così costose per i musicisti: la crisi globale dell'inflazione colpisce ogni settore dell'evento, dall'energia ai trasporti. 

Gli artisti britannici che effettuano tournée nell'Ue hanno dovuto anche tenere conto dell'aumento della burocrazia dovuta alla Brexit.

PUBBLICITÀ

Un'altra considerazione è che sono pochi gli artisti che guadagnano in modo significativo dalle vendite dei dischi: grazie ai servizi di streaming come Spotify, che a malapena forniscono agli artisti i diritti residuali, le tournée e il merchandising sono le principali fonti di guadagno. 

Questo però non vale per la Swift, la cui popolarità ha reso "Midnights" il vinile più venduto del secolo.

Un ultimo punto a favore degli artisti: molti di questi tour su larga scala hanno valori di produzione incredibili. 

Chiunque abbia visto gli innumerevoli video dell'Eras tour della Swift o del Renaissance tour di Beyoncé potrà testimoniare l'impressionante qualità di oggetti di scena, coreografie e abiti.

PUBBLICITÀ

Eppure, si ha ancora l'impressione che queste grandi pop star pretendano troppo dai loro fan dal punto di vista economico. 

Ci sono ragioni comprensibili per cui i prezzi dei biglietti sono aumentati, ma aspettarsi di pagare diverse centinaia di euro per avere la possibilità di assistere a uno spettacolo è un ordine di grandezza ben più costoso di quanto non fosse in passato. 

Prima della pandemia, era possibile vedere i Muse allo stadio di Wembley per 45 sterline nel 2009, a fronte delle 68 sterline (79 euro) oggi. 

I Radiohead nel 2012 costavano 70 sterline, 95 sterline (110 euro) oggi.

PUBBLICITÀ

Più di recente, l'anno scorso Kendrick Lamar si è esibito ad Amsterdam con altrettanti numeri coreograficamente impressionanti, ma i biglietti costavano 89,60 euro per i posti in piedi e 78,40 euro per i migliori posti non premium. 

Allo stesso modo, Robert Smith dei Cure ha preso posizione contro i prezzi gonfiati dei biglietti: l'ultimo tour della leggendaria band è stato il più venduto e il più redditizio della sua storia. 

Per ottenere questo risultato, però, i Cure non hanno dovuto ricorrere a prezzi stracciati: infatti, la band ha collaborato con Ticketmaster per offrire ai clienti un rimborso fino a 10 dollari (9 euro). 

Inoltre, Smith ha fatto in modo che i biglietti del tour fossero tutti accessibili, con un costo medio di 68,54 dollari (62,32 euro), circa il 37% in meno rispetto ad altri artisti simili.

PUBBLICITÀ

Probabilmente, molti di questi prezzi ingigantiti sono il risultato di una cosa al di sopra di tutti i fattori attenuanti: l'avidità.

Prendendo come esempio la Swift, il suo tour è uno dei più venduti della storia: ha uno dei dischi più venduti del secolo, continua a ristampare i suoi album, pubblica regolarmente nuove edizioni degli stessi (molte di queste edizioni speciali sono l'unico modo per garantirsi i biglietti per il tour) ed è probabilmente una delle poche artiste in grado di guadagnare con gli stream di Spotify.

AP Photo
Taylor Swift performs during "The Eras Tour" on Friday, May 5, 2023, at Nissan Stadium in Nashville, Tenn.AP Photo

Definire tutto questo come una macchina aziendale progettata per accumulare denaro nelle tasche della Swift e del suo team non è poi così azzardato. 

La parte peggiore di tutto questo è che i fan ci rimettono: quelli che riescono a procurarsi i biglietti spendono una cifra che, in un periodo di crisi del costo della vita, probabilmente non permetterà loro di vedere un altro artista di quella portata per molto tempo. 

PUBBLICITÀ

Qual è la soluzione? O i fan si rifiutano categoricamente di spendere, oppure ci vorranno più artisti che prendano la posizione di Smith.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Record Taylor Swift: è la cantante con più album primi in classifica

La pop star Swift vince in tribunale contro il dj che l'ha palpeggiata

Francia, il Japan Expo 2024 ha aperto i battenti a Parigi