EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il rapporto tra arte e impegno al centro della 25° edizione di Art Paris

Il rapporto tra arte e impegno al centro della 25° edizione di Art Paris
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Frédéric Ponsard
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La fiera si è affermata negli anni come uno degli eventi imperdibili nel campo dell'arte contemporanea. Più di 130 gallerie francesi e internazionali si danno appuntamento fino al 2 aprile sotto la cupola del Grand Palais, ai piedi della Tour Eiffel

PUBBLICITÀ

Art Paris celebra quest'anno il suo 25° anniversario: la fiera si è affermata negli anni come uno degli eventi imperdibili nel campo dell'arte contemporanea. Più di 130 gallerie francesi, europee e internazionali si danno appuntamento sotto la cupola del Grand Palais, ai piedi della Tour Eiffel. Per il direttore Guillaume Piens è arrivato il momento del riconoscimento pubblico e professionale

"Stiamo vivendo una svolta storica in cui gallerie straniere di grande fama vengono a Parigi. Prima era Londra il luogo ideale, ora è Parigi - dice Piens -. Credo che l'importanza di Art Paris sia che si tratta di una fiera aperta a tutti i tipi di pubblico: mette in risalto la scena francese, perché il 60% degli espositori è francese, ma ci sono anche molte gallerie straniere: sono il 40% e alcune di loro vengono da molto lontano".

L'evento è stato inaugurato dal ministro della Cultura francese Rima Abdul Malak, che qui ha ritrovato le opere di Anas Albraehe, già ammirate durante una visita ad una galleria di Beirut. Le opere di Albraeh, un rifiugiato siriano, fanno parte della mostra "Esilio: espropriazione e resistenza", organizzata dalla curatrice Amanda Abi Khalil.

"Dove ci collochiamo per parlare di esilio, qual è la nostra identità, qual è il nostro colore, qual è il nostro genere, qual è il nostro posizionamento? - dice Khalil -. Ed è questo sguardo critico che mi è piaciuto portare con artisti francesi, artisti che vivono in Francia, ma anche con artisti che hanno appena lasciato la Birmania, Cuba, il Brasile e la Palestina".

Gallerie di 25 Paesi e artisti di tutto il mondo sono presenti a questa edizione, più grande rispetto agli anni precedenti e per cui è stato invitato un secondo curatore, Marc Donnadieu, che ha gettato uno sguardo sulla scena artistica francese interrogandosi sui legami tra arte e impegno. "Mi sembrava importante che il pubblico di Art Paris mostrasse come gli artisti potessero rispondere alle realtà di oggi, del mondo che ci circonda, e per le quali è necessario impegnarsi", dice Donnadieu.

"The Pill" è la prima galleria turca presente ad Art Paris: lo stretto legame tra arte e impegno sociale è uno dei suoi pilastri. "La galleria ha un programma che ruota intorno alle questioni dello spostamento, dell'espropriazione, dell'identità femminista, della questione del corpo, della sua prigionia o del suo potenziamento, alle questioni della violenza, della sua rappresentazione - dice Suela J. Cennet, fondatrice e direttrice della galleria -. È anche una galleria che porta con sé una generazione, che porta con sé un gruppo di artisti che sono amici, che si parlano, che si conoscono".

Art Paris è aperta al pubblico fino a domenica 2 aprile al Grand Palais di Parigi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arte a duemila metri, Saype invita le persone a contemplare la natura

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024