Italia: la carne coltivata potrebbe atterrare ancor prima di decollare, veto del governo

A meatball made using genetic code from a mammoth is seen at the Nemo science museum in Amsterdam.
A meatball made using genetic code from a mammoth is seen at the Nemo science museum in Amsterdam. Diritti d'autore Mike Corder/AP
Di Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo è sul punto di approvare una legge per vietare i cosiddetti "cibi sintetici" prodotti in laboratorio

PUBBLICITÀ

In Italia, la carne coltivata potrebbe atterrare ancor prima di decollare: il governo si pone "di traverso" rispetto alla discussa questione e si accinge ad approvare una legge per vietare i cosiddetti "cibi sintetici", prodotti in laboratorio.

Una mossa, secondo il ministro delle Politiche agricole e della sovranità alimentare, volta a tutelare la salute degli italiani.

"Pensiamo che i prodotti realizzati in laboratorio non garantiscano qualità né benessere - dice Francesco Lollobrigida - inoltre non garantiscono, diciamolo con orgoglio, la salvaguardia della nostra cultura e della nostra tradizione, visto che parte della nostra società e il nostro modello sono legati anche alla produzione enogastronomica e agricola".

Pro e contro

I sostenitori del cibo coltivato in laboratorio sottolineano invece sia benefico per l'ambiente, poiché prodotto da cellule animali senza uccidere il bestiame.

Diverse start-up in tutto il mondo hanno coltivato di tutto, dai filetti di salmone ad una polpetta ricavata dalla carne di un animale estinto, come il mammut.

Mike Corder/AP
A meatball made using genetic code from a mammoth is seen at the Nemo science museum in Amsterdam.Mike Corder/AP

"Volevamo che le persone fossero entusiaste del fatto che il futuro del cibo fosse diverso da quello che potenzialmente avevamo prima - dice Tim Noakesmith, fondatore della startup australiana Vow - che ci fossero cose uniche e migliori delle carni che stiamo mangiando ora.

Così abbiamo pensato che la polpetta di mammut avrebbe potuto rappresentare un inizio e rendere le persone entusiaste di questo nuovo futuro".

Gli agricoltori italiani difendono il veto imposto, che potrebbe portare a multe sino a 60.000 euro per i trasgressori.

Sinora, Singapore è l'unico Paese ad aver approvato il consumo di carne derivante da cellule.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Carne coltivata, l'Italia dice no. Il disegno di legge vieta produzione e distribuzione

Silvio Berlusconi ricoverato in terapia intensiva a Milano. Le condizioni sarebbero stabili

La Francia vieta le denominazioni "bistecca" e "prosciutto" per i prodotti vegetali