Cos'ha ucciso Beethoven? I ricercatori fanno una scoperta davvero sorprendente

New discoveries reveal the cause of Ludwig van Beethoven's death - here: the statue of the world famous composer in his birthplace Bonn   -
New discoveries reveal the cause of Ludwig van Beethoven's death - here: the statue of the world famous composer in his birthplace Bonn - Diritti d'autore AP Photo - Canva
Diritti d'autore AP Photo - Canva
Di Laiba Mubashar
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nel 1802, Beethoven scrisse una lettera ai suoi fratelli chiedendo che gli venisse eseguita un'autopsia post mortem per trovare la causa della sua malattia

PUBBLICITÀ

Nel 1802, all'età di soli 32 anni, Ludwig van Beethoven scrisse una lettera ai suoi fratelli, chiedendo che gli venisse eseguita un'autopsia post mortem per trovare la causa della sua malattia: la sua crescente sordità.

Quando il genio musicale tedesco morì all'età di 56 anni, nel 1827, era completamente sordo e soffriva di cirrosi epatica, tra le altre malattie croniche: tanto si evince dai risultati dell'autopsia e della scienza limitata di quel tempo.

Da allora, scienziati e storici della musica hanno lottato a lungo con la causa della sordità di Beethoven e della sua morte: a distanza di due secoli, un team di ricercatori che scrive sulla rivista Current Biology ha parzialmente esaudito l'ultimo desiderio di Beethoven, analizzando il DNA messo insieme dalle ciocche dei suoi capelli.

Le conclusioni della loro ricerca puntano verso diverse nuove scoperte, tra cui l'epatite B e una relazione extraconiugale tra il lignaggio paterno di Beethoven.

Il grande mistero dietro la morte di Beethoven

"Il nostro obiettivo principale era quello di far luce sui problemi di salute di Beethoven, che notoriamente includono la progressiva perdita dell'udito, iniziata tra la metà e la fine degli anni '20 e che alla fine lo ha portato a essere funzionalmente sordo nel 1818", ha affermato Johannes Krause, del Max Planck Institute per Evolutionary Anthropology a Lipsia (citato nel comunicato stampa di Current Biology).

Nonostante la sua disabilità uditiva, Beethoven ha prodotto 722 opere, tra cui 9 sinfonie, 35 sonate per pianoforte e 16 quartetti d'archi nel corso della sua vita. 

Ha continuato a produrre musica anche quando ha gradualmente perso l'udito ed è diventato completamente sordo all'età di 40 anni, con problemi di bronchite cronica e debolezza muscolare. 

Morì a Vienna il 27 marzo 1827, dopo un periodo di polmonite che aggravò le sue malattie esistenti.

Per molto tempo, tutti i suoi sintomi hanno indirizzato gli scienziati moderni verso l'avvelenamento da piombo, che è stato tuttavia smentito nel 2010, quando i ricercatori hanno scoperto che un piccolo pezzo del cranio di Beethoven non aveva più piombo del cranio di una persona media.

Martin Meissner/ AP
Axel Schmidt, co author of the study from the Institute of Human Genetics at the University Hospital - Bonn, GermanyMartin Meissner/ AP

La nuova ricerca pubblicata il 22 marzo ha scoperto una causa di morte completamente diversa.

Il team guidato dai ricercatori dell'Università di Cambridge ha individuato in modo indipendente otto ciocche di capelli attribuite a Beethoven, cinque delle quali ritenute autentiche e poi utilizzate per sequenziare il genoma di Beethoven. 

Il team si è basato sui recenti miglioramenti nell'analisi del DNA, che hanno reso possibile il sequenziamento dell'intero genoma anche da piccole quantità di follicoli storicamente conservati.

I ricercatori hanno notato che il DNA estratto dai capelli di Beethoven è geneticamente simile a quello degli abitanti dell'attuale Renania settentrionale-Vestfalia, il che corrisponde ai fatti noti sull'ascendenza tedesca di Beethoven.

"Non siamo riusciti a trovare una causa definitiva per la sordità o i problemi gastrointestinali di Beethoven - ha detto Krause - tuttavia abbiamo scoperto una serie di fattori di rischio genetici significativi per le malattie del fegato. 

Abbiamo anche trovato prove di un'infezione da virus dell'epatite B almeno nei mesi precedenti la malattia finale del compositore: quelli probabilmente hanno contribuito alla sua morte".

Una sorpresa per i ricercatori

Durante il sequenziamento del genoma di Beethoven per scoprire la causa della sua morte, i ricercatori hanno avuto una sorpresa, come spesso accade negli studi sul DNA.

Si è difatti scoperto che il cromosoma Y di Beethoven non corrisponde a nessuno dei cinque parenti moderni che portano lo stesso cognome e condividono un antenato comune con la linea paterna di Beethoven, stando ai documenti genealogici. 

Ciò indica una relazione extraconiugale, attribuibile a qualcuno incluso nella generazione di parte paterna di Beethoven.

PUBBLICITÀ

"Questa scoperta suggerisce un evento di paternità extra coppia nella sua linea paterna, tra il concepimento di Hendrik van Beethoven a Kampenhout, in Belgio, nel 1572 circa e il concepimento di Ludwig van Beethoven sette generazioni dopo, nel 1770, a Bonn, in Germania", afferma Tristan Begg, ricercatore all'Università di Cambridge, nel Regno Unito.

Il team di ricerca ha anche notato come "questo set di dati consenta inoltre numerose linee future di indagine scientifica", come quando e come Beethoven contrasse l'epatite B e come è imparentato con i suoi discendenti moderni.

Tuttavia, il mondo della scienza deve ancora soddisfare pienamente l'ultimo desiderio di Beethoven di scoprire la causa della sua sordità: per questo, si stanno facendo progressi e la richiesta del compositore non è ancora caduta nel vuoto scientifico.

Risorse addizionali per questo articolo • CURRENT BIOLOGY

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svante Pääbo, paleo-genetica da Nobel

Come convivere con una rara malattia genetica: il racconto di Caroline

Record Store Day 2024: quali sono le uscite da tenere d'occhio?