EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Senzatetto in Europa: le case modulari possono aiutare a togliere le persone dalla strada?

Modular housing units in Cambridge run by the homelessness charity Jimmy's.   -
Modular housing units in Cambridge run by the homelessness charity Jimmy's. - Diritti d'autore Jimmy's Cambridge
Diritti d'autore Jimmy's Cambridge
Di Anca Ulea
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sebbene le cifre siano difficili da ottenere, la Commissione europea ha rilevato che il numero di persone che dormono all'aperto sta aumentando in quasi tutte le Nazioni europee

PUBBLICITÀ

Sebbene le cifre siano difficili da ottenere, poiché i Paesi hanno definizioni diverse di senzatetto e non tutti tengono traccia di quante persone rientrano in questa definizione, la Commissione europea ha rilevato che il numero di persone che dormono all'aperto sta aumentando in quasi tutti gli Stati membri.

La Finlandia è una delle rare eccezioni: il Paese nordico ha visto diminuire la sua popolazione di senzatetto dal 2008, quando ha iniziato a concentrarsi su una strategia 'Housing First': quest'ultima si basa sul principio che, una volta che una persona ha una casa permanente e sicura, è più facile andare avanti con la propria vita.

Mentre nel lungo periodo è stato dimostrato che questo tipo di approccio fa risparmiare denaro ai governi, i costi iniziali sono elevati, il che ha scoraggiato molti Paesi dal seguire l'esempio della Finlandia.

Una delle soluzioni proposte per ridurre i costi nel frattempo è l'edilizia abitativa modulare, che è stata utilizzata come trampolino di lancio nel percorso verso l'indipendenza abitativa.

Cosa sono le case modulari?

Le case modulari sono unità abitative su misura progettate per un uso temporaneo: possono essere spostate e installate in diversi siti e sono generalmente prestate a basso costo o gratuitamente.

Sono stati lanciate come una soluzione abitativa ad alta qualità per i senzatetto, nonché soluzione temporanea per le vittime di disastri naturali e rifugiati.

Jimmy's Cambridge
A man stands on the porch of a modular home in a community set up by the charity Jimmy's Cambridge.Jimmy's Cambridge

Sono meno costose rispetto alla costruzione di nuovi alloggi a prezzi accessibili: le case modulari generalmente costano il 15-20% in meno rispetto alle tradizionali case. 

Le comunità di case modulari sono spesso accompagnate da servizi di supporto di enti di beneficenza, che aiutano i senzatetto a rimettersi in sesto.

A Cambridge, nel Regno Unito, la prima comunità di case modulari è stata istituita nel 2020 dall'ente di beneficenza Jimmy's Cambridge in collaborazione con l'organizzazione no profit Allia Future Homes e l'organizzazione di costruzione etica New Meaning Foundation.

Le case sono state progettate da architetti per soddisfare le esigenze dei senzatetto, utilizzando le intuizioni di enti di beneficenza e persone che hanno vissuto da senzatetto, secondo Lewis Herbert, manager di Allia Future Homes.

"I residenti di case modulari non hanno un gran numero di beni - dice ad Euronews Culture - e hanno bisogno di qualcosa che sia facile da gestire, quindi essenzialmente avevamo bisogno di un design molto semplice e abbastanza compatto, di un soggiorno principale con una cucina nell'angolo, un bagno con doccia e poi la camera da letto sul retro.

Le case modulari sono lì perché è un trampolino di lancio per le persone che prima andavano avanti e indietro tra gli ostelli e la strada".

Ogni unità è di 25 mq e ha un piccolo portico con giardino, generalmente non ci sono più di 6 unità in una comunità.

In che modo le case modulari aiutano i residenti?

Un nuovo studio pubblicato dal Center for Housing and Planning Research dell'Università di Cambridge e da Jimmy's ha rilevato che le case modulari possono aiutare alcuni senzatetto ad iniziare il loro viaggio verso una soluzione abitativa più permanente.

"Le case modulari sono una soluzione innovativa per debellare i senzatetto e hanno portato a risultati positivi per i residenti", ha concluso lo studio.

Ma la ricerca suggerisce che l'alloggio da solo non risolverà il problema e che "l'utilizzo di soluzioni modulari come alloggi temporanei per preparare le persone a vivere in modo indipendente funziona meglio dove l'offerta abitativa è combinata con il supporto".

Alcune delle testimonianze dei residenti hanno rivelato che avere il proprio spazio li ha aiutati a trovare la fiducia necessaria ad affrontare le dipendenze e riconnettersi con i familiari.

"È una lenta ripresa - ha detto il CEO di Jimmy's Mark Allan a Euronews Culture - ma se riesci a parlare con la tua famiglia e se riesci a smettere di bere, se puoi ricominciare a pensare al lavoro e a trovare un impiego, allora questo è un grande passo avanti".

PUBBLICITÀ

Le case modulari sono diverse dagli altri tipi di alloggi temporanei offerti da Jimmy's, a causa della privacy che ne deriva, che Allan ritiene sia fondamentale per il recupero.

"Dà a qualcuno il proprio spazio e la propria porta d'ingresso in modo che possano tornare a casa, chiudere la porta ed essere soli - ha detto - questo è abbastanza importante per qualcuno che si sta riprendendo da qualunque cosa li abbia portati a diventare senzatetto, perché possono semplicemente avere uno spazio per se stessi".

Uno dei residenti ha detto ai ricercatori che "la privacy è la cosa migliore, puoi fare quello che vuoi, a volte è difficile interagire con altre persone e devi stare da solo".

Jimmy's Cambridge
A man stands on the porch of a modular home in a community set up by the charity Jimmy's Cambridge.Jimmy's Cambridge

Sfide da perseguire

Durante la pandemia, il governo del Regno Unito ha fissato l'obiettivo ambizioso di porre fine ai senzatetto nel Paese entro il 2024, ma l'aumento del costo della vita ne ha visto aumentare il numero nell'ultimo anno.

Alcuni dei punti negativi sollevati dai residenti che vivevano nelle case modulari di Jimmy's riflettevano le loro difficoltà ad accedere ai servizi di supporto per la salute mentale e la dipendenza.

PUBBLICITÀ

Tutti i residenti intervistati per lo studio di Cambridge hanno affermato che trovare un lavoro è rimasto difficile, anche se avere un indirizzo ha aiutato, ed anche per i servizi di salute mentale c'erano difficoltà di accesso in modo tempestivo.

"Lunghi tempi di attesa per ricevere supporto per la salute mentale o supporto per droghe e alcol sono stati segnalati da alcuni dei residenti come un ostacolo alla possibilità di migliorare la propria salute", secondo lo studio.

Allan ha aggiunto che mentre le case modulari erano un'ottima soluzione provvisoria per togliere le persone dalla strada, non hanno risolto il problema di fornire alloggi economici a lungo termine: "È positivo che esistano come soluzione provvisoria e conveniente, ma non è una soluzione permanente sufficiente, questo è il problema: non ci sono abbastanza alloggi a prezzi accessibili in costruzione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria: il progetto di Vienna per dare una casa ai senzatetto

Arizona, la realtà di vivere in un accampamento di senzatetto durante il luglio più caldo di sempre

Il boom del mercato immobiliare di Dubai