EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Donald Trump ora ha tecnicamente una carriera musicale

Donald Trump now technically has a music career   -
Donald Trump now technically has a music career - Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di David Mouriquand
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Si pensava che tutte le cose che Trump ha fatto non potessero diventare più bizzarre, ma l'ex presidente degli Stati Uniti ha diffuso un singolo canoro

PUBBLICITÀ

Il famoso scrittore spagnolo Miguel de Cervantes una volta scrisse: "Dove c'è musica, non può esserci il male".

Potrebbe aver sentito il bisogno di rivedere quell'affermazione, se avesse ascoltato questa particolare canzone...

Proprio quando si pensava di aver dato fondo a tutte le bizzarrie, l'ex presidente degli Stati Uniti ha diffuso un singolo canoro: avete letto bene: Donald Trump ora ha tecnicamente una carriera musicale.

Non che presto si sentirà la sua armoniosa voce baritonale, intendiamoci: in effetti, un nuovo singolo pubblicato da un coro di uomini che sono in prigione per la loro partecipazione all'attacco al Campidoglio il 6 gennaio 2021 presenta una registrazione dell'ex presidente come backtrack.

La canzone "Justice for All" di Donald J Trump e il J6 Prison Choir è ora disponibile su piattaforme di streaming tra cui Spotify, Apple Music e YouTube e presenta i carcerati - indicati come "J6 Prison Choir" - che cantano The Star -Spangled Banner dal carcere, mescolato con Trump che recita il giuramento di fedeltà.

Ascoltala qui.

Per quelli che salvaguardano ancora le loro orecchie delicate, sono solo 2 minuti e 21 secondi di slang "patriottici" intervallati da una voce che solo una madre potrebbe amare, seguiti da ulteriori strofe inneggianti agli STATI UNITI D'AMERICA.

Difficilmente diventerà una hit coinvolgente: Forbes, che per primo ha riportato la notizia, ha affermato che è stata "prodotta da un importante artista discografico rimasto ignoto".

Il singolo di Trump ha lo scopo di raccogliere fondi per le famiglie dei detenuti e il progetto non "gioverà alle famiglie di persone che hanno aggredito un agente di polizia".

Forbes ha affermato che il coro era composto da circa 20 detenuti nel carcere di Washington DC che sono stati registrati tramite un telefono del carcere.

Robert Maguire, direttore della ricerca per Citizens for Responsibility and Ethics a Washington, ha dichiarato: “Non sono mai stato più disgustato dalla semplice esistenza di una canzone di quella cantata da un presidente che ha cercato di fare un colpo di Stato assieme ad un 'coro' di insurrezionalisti che hanno cercato di aiutarlo”.

Barb McQuade, professore di Diritto dell'Università del Michigan ed ex avvocato, ha descritto la canzone come "una tattica di disinformazione", aggiungendo che Trump sta "dicendo bugie camuffate nel patriottismo".

Trump ha ripetutamente espresso simpatia per coloro che sono stati incarcerati per le loro azioni il 6 gennaio 2021 e ha affermato che coloro che hanno compiuto l'insurrezione sono perseguitati dallo Stato. 

Prima di annunciare la sua terza campagna presidenziale a novembre, ha affermato che, se avesse vinto, avrebbe preso in considerazione la grazia completa per i rivoltosi.

La rivolta del Campidoglio ha provocato nove morti: più di 1.000 persone sono state accusate per il loro coinvolgimento e quasi 500 di loro si sono dichiarate colpevoli.

Risorse addizionali per questo articolo • FORBES

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump tuona contro le lobby di Washington e si veste da colomba della pace

Vandalizzata una parete a Pompei: fermato un turista del Kazakistan

Donald Sutherland è morto. L'Oscar alla carriera e attore di Quella sporca dozzina aveva 88 anni