Musica: un album per l'anniversario della guerra in Ucraina

Il compositore ucraino Oleh Shpudeiko, in arte Heinali
Il compositore ucraino Oleh Shpudeiko, in arte Heinali Diritti d'autore Courtesy: Heinali
Di Anca Ulea
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Kyiv Eternal è la lettera d'amore alla sua città del compositore ucraino Heinali

PUBBLICITÀ

Chiudi gli occhi e pensa al luogo in cui sei cresciuto. Che suoni senti?

A seconda di dove ti trovi, questi potrebbero includere traffico, campanelli di biciclette, musica, cani che abbaiano, gente che ride. Un paesaggio sonoro è parte integrante dell'identità di un luogo, l'anima di un paese o di una città, la colonna sonora dei nostri ricordi.

Queste le sensazioni che il compositore ucraino Oleh Shpudeiko ha voluto catturare e condensare nel suo nuovo album, uscito il 24 febbraio (Injazero Records). È un compito difficile, soprattutto perché la sua città natale è Kiev.

"Sono cresciuto in città e vi ho trascorso 37 anni", ha detto a Euronews Culture. "Non mi sono reso conto, fino a quando non sono stato costretto ad abbandonarla, che è una parte forte della mia identità".

Shpudeiko, in arte Heinali, era a Kiev quando l'esercito russo ha assaltato la città il 24 febbraio 2022. Dopo aver evacuato la sua famiglia ed essersi trasferito a Lviv in Occidente, è tornato un mese dopo, per poco tempo, per trovare la sua prospettiva della città. Lui stesso è cambiato. I suoi sensi si sono acuiti, ha detto. 

"Ho provato la sensazione che la città fosse viva", ha spiegato Shpudeiko. “Noi residenti di Kiev volevamo preservarla, abbracciarla in qualche modo, fare qualcosa per prevenire i danni. Allora non sapevo cosa fare al riguardo, e solo dopo aver raggiunto una sorta di distanza, ho capito che questo album era il modo in cui poter aiutare la mia città in modo artistico".

Kyiv Eternal è la sua lettera d'amore a Kiev, pubblicata nel primo anniversario dell'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia

L'album è ciò che lui definisce un "passo laterale" rispetto al suo lavoro abituale, incentrato sulla musica antica e sulla musica elettronica contemporanea. Per Kyiv Eternal, Shpudeiko ha combinato le registrazioni sul campo effettuate negli ultimi 10 anni in città (prima dell'invasione) con loop ambient presi dal suo archivio musicale dello stesso periodo.

"Questo è il mio personale modo di affrontare il trauma di non poter tornare al mio passato pacifico e anche di ricordare il mio e il nostro passato e di sperare in un futuro migliore", ha detto.

Mentre la guerra continua, Shpudeiko afferma che è estremamente importante continuare a far luce sulla cultura ucraina e che vorrebbe che il suo governo offrisse maggiore sostegno agli artisti ucraini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Al via l'Eurovision song contest: cosa è successo nella prima semifinale

L'attrice francese Judith Godrèche contro le violenze sessuali nel mondo del cinema

Vaticano: iniziati i lavori di restauro del baldacchino della Basilica di San Pietro