This content is not available in your region

Dubai: giovani talenti e stelle affermate alla decima edizione di InClassica

euronews_icons_loading
Dubai: giovani talenti e stelle affermate alla decima edizione di InClassica
Diritti d'autore  euronews
Di Euronews

Il festival musicale InClassica, a Dubai, è considerato uno dei principali osservatori musicali del mondo. Ogni anno ospita alcuni tra i musicisti più brillanti, attirando appassionati del genere e strizzando l'occhio a un nuovo pubblico. Giunto alla decima edizione, il festival internazionale InClassica è organizzato dalla Fondazione europea per il sostegno della cultura: quest'anno 37 solisti, 12 direttori d'orchestra e 7 orchestre si sono alternati sul palco.

"Credo che quello che mi diverte di più, ogni volta che sono sul palco, è tradurre le idee in musica e comunicarle - dice il pianista e compositore Kit Armstrong -. In un certo senso, è la cosa più gratificante che abbia provato fino ad ora. Condividere la mia musica con persone di tutto il mondo è probabilmente la cosa più importante dello sforzo artistico, perché la musica è qualcosa che accade solo quando sono coinvolte due parti: qualcuno che fa musica e qualcuno che la ascolta. Non è un tipo di arte che può stare in piedi da sola. Quindi si tratta davvero di qualcosa che riguarda le persone.

InClassica è un festival conosciuto anche perché affianca musicisti di fama mondiale a giovani talenti in rampa di lancio. Daniel Lozakovich, violinista svedese di vent'anni già molto ricercato, era tra i musicisti più attesi di questa edizione

"Credo che le performance dal vivo possano contribuire a far sentire le persone in modo diverso - dice Lozakovich -. Può essere stimolante. Voglio far provare al pubblico le emozioni che il compositore intendeva esprimere con la sua musica. Se sono ricettivi e disposti ad ascoltare potranno vivere un'esperienza che ricorderanno per sempre".

Nel concerto finale, Lozakovich ha eseguito il Concerto per violino e orchestra in si minore di Alexey Shor, compositore che ha legato il suo nome al festival. "Questa è un'opportunità unica di sentire la mia musica suonata da alcune delle più grandi star e da alcune delle migliori orchestre del mondo - dice Shor -. È un sogno che si avvera".

Il festival ospita ogni anno alcuni dei più grandi musicisti e talenti del settore, attratti dalla possibilità di esibirsi davanti a un nuovo pubblico. "Ho scelto questo strumento perché è come un'estensione del tuo corpo - dice Maxim Vengerov -. Il violoncello va tenuto a una certa distanza, lo stesso vale per il pianoforte, ma il violino è vicino al tuo cuore e l'arco è un'estensione del braccio. Il violino mi ha sempre ricordato una voce umana che posso imitare. E questo è stato uno dei motivi per cui ho scelto questo strumento: per la sua bellezza e per le possibilità di disegnare con colori sorprendenti".