EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Yuja Wang suona Rachmaninov: "La musica più sensuale e appassionata che esista"

In collaborazione con
Yuja Wang suona Rachmaninov: "La musica più sensuale e appassionata che esista"
Diritti d'autore 
Di Andrea Buring
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Piena di energia e virtuosismo, la brillante pianista Yuja Wang esegue il concerto per pianoforte di Rachmaninov sotto la direzione di Yannick Nézet-Séguin con l'Orchestra Filarmonica di Rotterdam

Yuja Wang è un'ex bambina prodigio. Ha cominciato a suonare il piano a sei anni, e un anno dopo teneva il suo primo concerto. Oggi trentunenne, la musicista cinese è una delle pianiste più apprezzate del nostro tempo.

Nella sala da concerto De Doelen ha incantato il pubblico eseguendo con l' Orchestra Filarmonica di Rotterdam il Concerto per pianoforte e orchestra numero 4 di Rachmaninov. Un'opera che il compositore russo ha rielaborato più volte.

Potenza e sogno

"Sentite che musica! - esclama entusiasta Yuja Wang. - È la più sensuale e appassionata che esista. Non so da dove l'abbia presa. Ogni volta che suono la sua musica vado in estasi... È un dono!"

Un'estasi anche per il direttore principale dell'orchestra di Rotterdam, Yannick Nézet-Séguin: "Colpisce che ci sia sì della potenza, ma anche molti momenti di sogno, in cui sembra che tutto si perda nell'atmosfera, comme lucciole, come qualcosa che si accende e poi - puf! - in un attimo è già spento. È un concerto che per me è un segreto".

Il mosaico di una vita e di un'opera

"Il secondo movimento comincia come un'introduzione", spiega l'artista facendo una dimostrazione al piano, e continua: "È come trovarsi in un Jazz club a New York... anzi a Los Angeles! Ci sono suggerimenti e citazioni da tutti i suoi altri pezzi. Questo - dice continuando a suonare - è il concerto numero 2... Per cui davvero, è come una cipolla. Uno strato dopo l'altro si scopre dove l'autore stia arrivando a un'età avanzata".

Frammenti della sua intera opera e delle diverse tappe della sua vita. Subito prima della Rivoluzione d'Ottobre, Rachmaninov fuggì nell'Europa occidentale e più tardi si stabilì negli Stati Uniti.

Anche Yuja ha lasciato la sua terra d'origine, ma per inseguire l'arte. A 14 anni già viveva negli Stati Uniti.

"Ho visitato la casa di Rachmaninov in Svizzera - racconta -. È stato esaltante. Ho potuto toccare il suo piano, c'erano tutte le foto e tutto il resto. È da lì che traeva la sua ispirazione. Se n'è dovuto andare durante la seconda guerra mondiale. E ha composto tutti questi pezzi in America. Non è mai tornato indietro, e probabilmente lo sapeva quando è partito. Per cui c'è questa sensazione 'non si sa mai che cosa accadrà nella vita'..."

Un'energia che viene dalla musica

"Yuja è piena di energia - sorride Nézet-Séguin. - Un'energia che viene dalla musica, penso. Quando sei musicista, vuoi fare musica, mangiarla e berla a tutte le ore. Non è una professione, è una vocazione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra

Con "Champion" il Met vuole conquistare un pubblico più ampio