Ecco perché i millennial potrebbero diventare la generazione più ricca di sempre

La nuova banconota da 20 sterline viene mostrata durante una foto alla Tate Britain di Londra, giovedì 20 febbraio 2020.
La nuova banconota da 20 sterline viene mostrata durante una foto alla Tate Britain di Londra, giovedì 20 febbraio 2020. Diritti d'autore Frank Augstein/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Frank Augstein/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Indrabati Lahiri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nei prossimi 20 anni i Millennials potrebbero ereditare miliardi di euro di proprietà e patrimoni tramandati dalle generazioni precedenti.

PUBBLICITÀ

Secondo il Rapporto sulla ricchezza 2024 dell'agenzia immobiliare Knight Frank, i millennial potrebbero diventare la generazione più ricca di sempre. Definiti in senso lato come le persone nate dal 1981 al 1996, i Millennial, noti anche come Generazione Y, potrebbero accumulare una grande ricchezza nei prossimi venti anni, grazie alle proprietà e agli altri beni accumulati dai loro genitori e nonni. Solo negli Stati Uniti la cifra potrebbe aggirarsi intorno ai 90 trilioni di dollari (83,1 trilioni di euro).

I millennial sembrano aver recepito il messaggio quando si tratta di ridurre i consumi: l'80% degli intervistati di sesso maschile e il 79% di quelli di sesso femminile affermano di voler ridurre la propria impronta di carbonio.
Liam Bailey
Responsabile della ricerca di Knight Frank

"Quando la generazione silenziosa (nata dal 1925 al 1945), i baby boomer (dal 1946 al 1964) e i membri più anziani della Generazione X (dal 1965 al 1979) moriranno, si libereranno 2,5 trilioni di sterline (2,9 trilioni di euro) di ricchezza", si legge nel rapporto, secondo quanto riportato da Yahoo Finance.

Liam Bailey, responsabile globale della ricerca di Knight Frank, ritiene che l'afflusso di ricchezza alle nuove generazioni potrà contribuire in modo significativo all'aumento degli investimenti sostenibili e alla riduzione dell'impronta di carbonio.

"I Millennial sembrano aver recepito il messaggio quando si tratta di ridurre i consumi: l'80% degli intervistati di sesso maschile e il 79% di quelli di sesso femminile affermano di voler ridurre la propria impronta di carbonio", ha dichiarato Bailey.

L'eredità potrebbe essere sufficiente ad attutire gli shock economici in corso?

Sebbene questa maxi eredità potrebbe aggiungere un bel po' di soldi alle finanze dei millennial, la realtà attuale è molto più triste. I millennial hanno già dovuto affrontare una serie di shock come la Brexit, la pandemia, la crisi del costo della vita, la guerra tra Russia e Ucraina e la crisi energetica. Più di recente, anche la guerra tra Israele e Hamas e gli attentati nel Mar Rosso hanno contribuito ad aumentare l'incertezza economica e geopolitica.

Molti dei fattori sopra citati hanno portato anche a un aumento dell'inflazione e dei tassi di interesse. Molti millennial dichiarano di vivere mese per mese con il proprio stipendio e di non riuscire a risparmiare. 

Secondo il rapporto di verifica intergenerazionale 2023 della Resolution Foundation: "I millennial nati alla fine degli anni '80 hanno guadagnato, in media, l'8% in meno all'età di 30 anni rispetto ai lavoratori della Generazione X quando avevano la stessa età".

I millennial sono più ottimisti sulla crescita del reddito

La Next Generation Survey di Knight Frank ha evidenziato che il 75% dei millennial più ricchi prevede una crescita del proprio patrimonio nei prossimi 12 mesi. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che molti ritengono che le politiche di contenimento dell'inflazione da parte delle banche centrali abbiano finora funzionato abbastanza bene, con un processo di disinflazione che si è accelerato negli ultimi mesi. Anche la prospettiva di un taglio dei tassi di interesse da parte delle principali banche centrali nel corso dell'anno ha contribuito al sentimento positivo.

Nonostante i numerosi shock economici, anche diversi titoli azionari, in particolare quelli statunitensi, hanno ottenuto buoni risultati. Le società di intelligenza artificiale sono state tra quelle che hanno riscosso maggior successo, generando un notevole interesse, con aziende come Nvidia che hanno fatto particolarmente bene, così come i "magnifici sette" titoli statunitensi in generale.

I millennial sono anche più ottimisti riguardo all'ulteriore aumento dei prezzi delle case, il che potrebbe potenzialmente far crescere in modo significativo il valore delle loro proprietà e dei loro investimenti immobiliari una volta che li erediteranno dalle generazioni precedenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi abitativa in Irlanda: i millennial, una generazione sacrificata

Quanto sono istruiti finanziariamente gli europei? Non proprio, a quanto pare, ma chi ne sa di più?

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa