La fine del "Secret Santa"? Così il caro vita cambia le tradizioni natalizie al lavoro

Un'immagine di Babbo Natale si trova fuori da un centro commerciale a Berlino il 24 dicembre 2021\. John MACDOUGALL / AFP
Un'immagine di Babbo Natale si trova fuori da un centro commerciale a Berlino il 24 dicembre 2021\. John MACDOUGALL / AFP Diritti d'autore AFP
Di Indrabati Lahiri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Quest'anno la tradizione del "Babbo Natale segreto" potrebbe essere difficile da mantenere per i consumatori europei che sentono il peso dell'inflazione sui loro risparmi.

PUBBLICITÀ

Il Secret Santa, o Babbo Natale segreto, è un rituale natalizio amato da molti, ma quest'anno molti consumatori potrebbero decidere di spendere meno per questa tradizione dei regali sul posto di lavoro o in famiglia, se non addirittura di rinunciarvi del tutto.

Secondo un sondaggio condotto da Love2shop su 1.000 professionisti del Regno Unito, circa il 27% dei lavoratori britannici ritiene che questa tradizione sul posto di lavoro sia uno spreco di denaro e di tempo.

Questa iniziativa sembra non convincere in particolare gli insegnanti, le persone che lavorano nel settore legale e dei media e i professionisti dell'IT, con una percentuale compresa tra il 25% e il 36%.

Is Secret Santa the real Grinch this Christmas?
Is Secret Santa the real Grinch this Christmas?Canva/pixelshot

Solo il 25% circa dei lavoratori britannici sembra apprezzare veramente il rituale sul posto di lavoro, mentre la maggior parte degli altri sembra assecondare l'iniziativa a causa della pressione dei colleghi o per evitare di essere considerati come il guastafeste dell'ufficio.

Circa un terzo delle donne sembra impegnarsi di più per il Babbo Natale segreto e, forse senza sorpresa, sono anche quelle che si preoccupano di più di cosa regalare ai destinatari. D'altra parte, solo il 12% degli uomini si è preoccupato.

I londinesi sono i più inclini a sentirsi stressati per i regali nel Regno Unito, con circa il 25% che si sente oppresso, rispetto al 21% nel Nord-Ovest del Paese. Gli scozzesi sembrano non gradire particolarmente il gioco: solo il 5% circa che dichiara di apprezzarlo.

Forse ad aggravare la situazione c'è il fatto che, anche dopo tante riflessioni, la maggior parte dei regali di Babbo Natale Segreto non sono davvero considerati come molto utili, pratici o piacevoli dai destinatari.

Infatti, il 20% dei lavoratori britannici ritiene che una carta regalo sia più apprezzata, mentre il 25% ha ammesso di non utilizzare mai i regali ricevuti durante il Secret Santa.

Anche il sondaggio condotto da Appreciate Business Services su 10.000 clienti conferma questo dato, con circa il 76% degli intervistati che ritiene che un buono o una carta regalo siano i doni più apprezzati.

Quanto spendere e cosa regalare?

Un altro sondaggio condotto da Love2shop su 2.000 lavoratori del Regno Unito ha rivelato che l'importo medio speso per il Babbo Natale Segreto è relativamente ragionevole: 14 sterline (16,26 euro).

Alcuni però decidono di spendere di più, specialmente nella fascia di età compresa tra i 18 e i 24 anni, che spende in media 23 sterline. La maggior parte delle persone nella fascia d'età compresa tra i 55 e i 64 anni, invece, ha speso in media 9 sterline.

Ma qual è il regalo ideale ? Secondo il sondaggio condotto dalla società di cartoleria e stampa Instaprint su 1.000 lavoratori del Regno Unito, **la maggior parte delle persone vorrebbe ricevere cioccolatini o dolci, alcolici, regali originali, buoni e regali fatti a mano.**Tuttavia, la maggior parte delle persone concorda sul fatto che giocattoli di peluche, profumi e candele possono tranquillamente essere tralasciati.

I regali di seconda mano potrebbero alleviare il problema del costo della vita?

Negli ultimi anni, anche i regali di seconda mano sono diventati una tendenza: Adevinta ha intervistato 5.000 persone in Spagna, Francia, Paesi Bassi, Italia, Belgio e Germania. Secondo i risultati, circa il 64% prenderebbe in considerazione l'idea di fare un regalo di seconda mano questo Natale.

Una delle ragioni principali è il risparmio, dato che negli ultimi due anni l'inflazione è aumentata in diversi Paesi europei. L'abbigliamento e gli articoli per la casa sono stati tra gli acquisti più frequenti.

Questo potrebbe anche spiegare perché quest'anno i regali fatti a mano sembrano essere i preferiti dei destinatari, in quanto possono essere oggetti che essi stessi potrebbero considerare di regalare.

Dato che la maggior parte degli intervistati nel Regno Unito vuole risparmiare sui regali di Babbo Natale, **il mercato dell'usato potrebbe avere un peso sempre maggiore.**Questo potrebbe anche contribuire a ridurre notevolmente gli sprechi, dato che la maggior parte dei regali indesiderati viene buttata, rivenduta o regalata a qualcun altro.

People wearing face masks walk past decorated shop windows of a department store in Paris on December 24, 2020, on Christmas Eve, amid the Covid-19 pandemic, caused by the nov
People wearing face masks walk past decorated shop windows of a department store in Paris on December 24, 2020, on Christmas Eve, amid the Covid-19 pandemic, caused by the novAFP

È ora di ripensare le feste sul posto di lavoro?

In realtà, secondo Love2shop l'83% dei lavoratori britannici preferirebbe di gran lunga una gratifica natalizia invece di una festa.

Questo sembra essere sempre più vero in un momento in cui anche la maggior parte delle aziende sente il peso dell'inflazione, costringendole a decidere tra bonus e feste. Per questo motivo, **molte aziende scelgono di organizzare un momento di festa, per promuovere la coesione tra i collaboratori. Senza però riuscirci:**circa il 45% dei lavoratori ha sottolineato che il comportamento inappropriato dei colleghi ubriachi e le chiacchiere inutili sono tra i motivi principali per cui preferiscono tenersi alla larga dalle cene aziendali.

PUBBLICITÀ

Un altro 24% preferisce addirittura non socializzare con i colleghi al di fuori del lavoro. Un certo numero di lavoratori ritiene inoltre che i luoghi di lavoro non dovrebbero organizzare eventi di "divertimento obbligatorio", come sessioni di team building, al di fuori dell'orario di lavoro.

Nel caso in cui questi eventi si prolunghino, molti lavoratori ritengono di dover essere compensati per il tempo aggiuntivo dedicato a questi impegni para-lavorativi.

I dipendenti chiedono soprattutto di potersi esprimere: il 92% dei lavoratori vuole poter scegliere se ricevere un bonus o organizzare una festa aziendale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

La Commissione taglia le previsioni di crescita dell'Ue e dell'Italia: in calo anche l'Inflazione

La Germania scalza il Giappone: è la terza economia mondiale