Regali di Natale di seconda mano? Sì, per il 64% degli europei

Pacchetto avvolto in carta marrone
Pacchetto avvolto in carta marrone Diritti d'autore Canva
Di Doloresz Katanich
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo uno studio, la maggior parte degli europei è pronta a comprare e regalare oggetti di seconda mano per Natale.

PUBBLICITÀ

Secondo una nuova ricerca del gruppo di annunci online Adevinta, i clienti dei mercati dell'usato in tutta Europa dovrebbero aumentare in questi giorni. Infatti, i consumatori europei, il cui potere d'acquisto è stato notevolmente ridotto da mesi di inflazione e caro vita, stanno cercando di tagliare il più possibile i costi per queste feste natalizie.

L'indagine condotta dal gruppo su 5.000 consumatori europei in Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna ha rilevato che la metà degli intervistati ha intenzione di spendere meno a Natale, a causa del caro vita.

L'azienda, che annovera tra i suoi mercati europei di re-commercio anche i mercati dell'usato come il francese leboncoin, il tedesco Kleinanzeigen DE e lo spagnolo Milanuncios, ha inoltre misurato che il 64% dei consumatori europei sta prendendo in considerazione l'idea di fare acquisti di seconda mano in questo periodo festivo.

I motivi più citati per cui i consumatori stanno pensando di acquistare articoli di seconda mano sono la necessità di risparmiare (47%) e il desiderio di fare acquisti più sostenibili (37%). Si tratta di un aumento netto rispetto al 2022: in confronto, l'anno scorso solo un terzo (32%) dei consumatori europei si è rivolto al mercato dell'usato per i propri acquisti natalizi.

Un quarto dei consumatori che si rivolgono al mercato dell'usato quest'anno ha dichiarato di voler regalare articoli retrò o nostalgici e altrettanti intervistati hanno dichiarato di voler reperire gli articoli a livello locale.

Tuttavia, alcuni europei nutrono ancora delle riserve nei confronti dei regali di seconda mano. Più di un terzo (35%) di coloro che l'anno scorso non hanno acquistato oggetti di seconda mano ha dichiarato di preferire l'acquisto di oggetti nuovi.

Come dimostrano questi dati, alcune persone acquistano ancora seguendo l'idea che "nuovo è meglio". "C'è ancora tanto lavoro da fare per cambiare la percezione dei consumatori e incoraggiare ulteriormente i comportamenti più sostenibili ed economici", ha dichiarato Paul Heimann, responsabile del re-commerce di Adevinta.

Dove vanno a finire tutti i regali indesiderati?

I regali indesiderati sono uno degli aspetti più spiacevoli del periodo delle feste. Due terzi dei consumatori dichiarano di aver ricevuto un regalo nuovo di zecca che non è stato utilizzato o semplicemente non è piaciuto.

È incoraggiante notare che solo il 6% degli intervistati dichiara di aver gettato via gli oggetti indesiderati.

C'è ancora tanto lavoro da fare per cambiare la percezione dei consumatori e incoraggiare ulteriormente i comportamenti più sostenibili ed economici.
Paul Heimann
Responsabile del re-commerce di Adevinta

Le persone sono più propense a conservare questi regali indesiderati. Mentre il 28% ha conservato gli oggetti sapendo che non li avrebbe mai usati, meno di un quarto (23%) ha venduto gli oggetti indesiderati online.

Un terzo (33%) ha dichiarato di aver conservato un oggetto nel caso in cui fosse diventato utile, e una percentuale analoga ha regalato nuovamente gli oggetti indesiderati in un secondo momento (30%).

"Invece di tenere i regali indesiderati, i mercati di re-commerce permettono ai consumatori di dare una seconda vita a questi articoli e di eliminare il disordine, offrendo anche l'opportunità di generare un po' di denaro extra nel periodo successivo alle vacanze, quando i budget sono limitati", ha dichiarato Heimann.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco l'"auto dell'anno 2024": la Renault Scenic E-Tech

L'aspetto fisico dei vostri genitori può avere conseguenze sul vostro portafoglio. Ecco come

Ecco chi è l'uomo più ricco del mondo. Ha superato Elon Musk