Spese di restituzione: ecco come pagare meno i tuoi resi online

Sempre più rivenditori applicano spese di reso. Ecco come pagare meno
Sempre più rivenditori applicano spese di reso. Ecco come pagare meno Diritti d'autore Canva/AZemdega
Di Kimberly Palmer, NerdWallet, via AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Se volete risparmiare, ecco qui qualche idea per pagare meno i resi degli acquisti online.

PUBBLICITÀ

Se siete abituati a restituire i regali ricevuti a Natale dopo le feste, preparatevi: quest'anno le restituzioni potrebbero essere un po' diverse. "Per i consumatori sarà difficile orientarsi", ha dichiarato l'esperta di shopping Trae Bodge, "le politiche di restituzione sono molto diverse tra i vari siti". Il cambiamento più evidente, secondo l'esperta, è che un numero sempre maggiore di rivenditori ha deciso di fare pagare al cliente le spese per la merce restituita.

Secondo David Morin, vicepresidente della strategia per i clienti di Narvar, che gestisce le informazioni sulla spedizione, la tracciabilità e i resi dopo l'acquisto per i rivenditori online, quest'anno **circa il 40% dei rivenditori online e nei negozi applica tariffe per i resi, rispetto al 31% dell'anno scorso.**Le spese di spedizione per i resi o di rifornimento sono generalmente comprese tra 3,99 e 9,99 dollari.

La buona notizia è che ci sono molti modi per ridurre al minimo le spese di reso e, in alcuni casi, per evitarle del tutto. Ecco cosa consigliano gli esperti.

Esaminare in anticipo le politiche di reso

Dato che le politiche di reso dei rivenditori variano molto e molte sono cambiate di recente, Morin consiglia di controllare le politiche di reso prima di effettuare qualsiasi acquisto, anche se si tratta di un negozio in cui si è già acquistato in precedenza.

"Molti rivenditori offrono una finestra di restituzione più ampia durante le festività natalizie, ma è bene controllare sempre le clausole".

In molti casi, secondo Samantha Gordon, deals editor di Consumer Reports, le finestre di restituzione sono più brevi rispetto agli anni precedenti: "Molti rivenditori hanno esteso le loro politiche di restituzione a causa della pandemia e ora queste agevolazioni stanno scomparendo", ha affermato.

Per gli acquirenti, l'esperienza del reso è una parte fondamentale per capire se si trovano bene con il rivenditore e se diventano clienti abituali, aggiunge Spencer Kieboom, cofondatore e amministratore delegato di Pollen Returns, che collabora con i rivenditori per aiutarli a gestire i resi.

Aderire al programma fedeltà

Uno dei modi più semplici per evitare le spese è quello di aderire a un programma di fidelizzazione di un rivenditore o di un marchio, che spesso offre vantaggi come il reso gratuito.

Molti rivenditori hanno esteso le loro politiche di restituzione a causa della pandemia e ora queste agevolazioni stanno scomparendo.
Samantha Gordon
Consumer Report

L'unico inconveniente? Significa ricevere e-mail promozionali su saldi e sconti. Se volete limitare la quantità di marketing che arriva al vostro account e-mail principale, Bodge suggerisce di creare un'e-mail separata per i messaggi relativi allo shopping.

Per Bodge, i vantaggi dell'adesione ai programmi di fidelizzazione superano gli svantaggi: "Si possono guadagnare punti per ottenere omaggi e si ha accesso a vendite esclusive e a merce gratuita. È una buona pratica", ha spiegato.

Fare il lavoro da soli

Spesso gli acquirenti possono anche evitare le spese di restituzione portando personalmente l'articolo in negozio.

"La maggior parte dei brand è contenta che i consumatori vadano in negozio", ha detto Morin, per cui in genere i resi in negozio sono gratuiti. I punti di consegna sono diventati sempre più diffusi, ha aggiunto.

Conservate sempre le ricevute, i cartellini e l'imballaggio originale finché non sapete se dovrete effettuare un reso.

Se non siete sicuri di qualcosa, andate in negozio per non correre rischi.
Trae Bodge
Esperta di shopping

Ricercare gli articoli prima di acquistarli

Bodge ha affermato che, se ci si prende il tempo necessario per scegliere l'articolo giusto, si può evitare del tutto la necessità di restituirlo.

"Se non siete sicuri di qualcosa, andate in negozio per non correre rischi", ha detto.

"Prima di comprare, assicuratevi di volerlo. Non comprate solo quello che è in saldo", ha aggiunto Gordon. E se state acquistando un regalo, pensate bene alla taglia e alle preferenze del destinatario prima di fare la vostra scelta.

Prevedere spese extra

Le spese di reso sono destinate a rimanere per un po', quindi Bodge consiglia di prepararsi ad affrontarle e a metterle in conto nel budget.

"In definitiva, potreste dover pagare ogni volta tra i 5 e i 10 dollari per il reso", ha affermato Bodge, "e possiamo aspettarci di dover pagare per il reso per la maggior parte dei rivenditori".

PUBBLICITÀ

Morin ha espresso un'opinione simile: "Il reso gratuito per tutti è probabilmente una proposta insostenibile", ha detto, soprattutto se si considera la diffusione dello shopping online. Tenere conto di queste spese al momento dell'acquisto può aiutare a ridurre le sorprese sgradevoli.

Potreste dover pagare ogni volta tra i 5 e i 10 dollari per il reso. Possiamo aspettarci di dover pagare per il reso per la maggior parte dei rivenditori.
Trae Bodge
Esperta di shopping

Considerate invece la possibilità di vendere o regalare

Andrea Woroch, esperta di risparmio, sostiene che se non è possibile effettuare un reso o se si vuole evitare la tassa di restituzione, un'altra opzione è quella di regalare l'articolo o venderlo online.

Ormai è possibile vendere abbigliamento e accessori su Poshmark, gadget su eBay e giocattoli o altri beni su OfferUp o Facebook Marketplace.

Se si sceglie di regalare l'oggetto in questione, è bene assicurarsi che piaccia davvero alla persona che lo riceve.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco l'"auto dell'anno 2024": la Renault Scenic E-Tech

L'aspetto fisico dei vostri genitori può avere conseguenze sul vostro portafoglio. Ecco come

Ecco chi è l'uomo più ricco del mondo. Ha superato Elon Musk