Cos'è e come funzionerà l'euro digitale?

In collaborazione con The European Commission
Cos'è e come funzionerà l'euro digitale?
Diritti d'autore euronews
Di Fanny Gauret
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button

Avrà esattamente lo stesso valore del denaro contante e potrà essere utilizzato negli stessi modi: per fare degli acquisti, ad esempio, o inviare denaro per un regalo, anche oltre confine

Il 28 giugno la Commissione europea ha presentato una proposta con cui ha definito il quadro giuridico per la possibile adozione, in un futuro prossimo, dell'euro digitale, che sarà una versione digitale delle banconote e delle monete fisiche. 

Avrà esattamente lo stesso valore e potrà essere utilizzato negli stessi modi: per fare degli acquisti, ad esempio, o inviare denaro per un regalo, anche oltre confine. Si utilizzerà un codice QR per effettuare il pagamento da un'applicazione sicura sul proprio telefono, e sarà possibile farlo anche in assenza di una connessione internet.

Stando alla proposta della Commissione si potrà usare l'euro digitale senza problemi in tutta l'area dell'euro: oggi non è sempre così con le soluzioni di pagamento digitali private.

Protezione della privacy garantita

Per quanto riguarda i pagamenti offline la privacy sarà la stessa di quando si usa il contante. La banca vedrà gli stessi dati di quando si preleva denaro contante da un bancomat: nessuno sarebbe in grado di vedere per cosa si paga quando si usa l'euro digitale offline. La Banca centrale europea non avrà accesso ai vostri dati. Si potranno fare dei pagamenti anche se non si dispone di un conto bancari, senza spese aggiuntive.

Nel caso di pagamenti online la vostra banca avrà accesso solo ai dati personali necessari per eseguire i vostri pagamenti, prevenire le frodi e combattere il riciclaggio di denaro. È la stessa cosa che accade quando si paga con altri mezzi di pagamento digitali, ad esempio la carta di credito. 

Addio al denaro contante?

L'euro digitale non sostituirà il contante: sarebbe semplicemente un complemento del denaro contante e un'alternativa alle attuali soluzioni digitali private. Quando sarà pienamente operativo, i commercianti dovranno accettare l'euro digitale proprio come fanno oggi con i contanti. 

L'euro digitale è molto diverso dalle criptovalute perché è sostenuto dalla Banca centrale europea, che ne garantisce la stabilità. L'idea è che, in un mondo digitalizzato, l'euro digitale permetta a tutti di effettuare pagamenti sicuri, ovunque si trovino nell'eurozona.

Condividi questo articolo