EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Italia, inizia la vendemmia (assai diversa, causa pandemia)

Italia, inizia la vendemmia (assai diversa, causa pandemia)
Diritti d'autore أ ب
Diritti d'autore أ ب
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lavoratori sparpagliati per la vigna, allineati in file per mantenere il distanziamento sociale ed indossando mascherine mentre tagliano grappoli d'uva per trasformarli in vino

PUBBLICITÀ

Gli addetti ai lavori italiani hanno iniziato la vendemmia, che quest'anno sembra assai differente rispetto agli anni passati, causa pandemia.

Coloro che vi si dedicano sono sparpagliati per la vigna, allineati in file per mantenere il distanziamento sociale ed indossando mascherine, mentre tagliano grappoli d'uva per trasformarli in vino.

"Anche se siamo all'aperto - dice Antonia Palma, vignaiola - dobbiamo mantenere le distanze e indossare la mascherina".

Secondo la Coldiretti, l'industria vinicola italiana vale 11 miliardi di euro l'anno e dà lavoro a 1,3 milioni di persone, nonostante sia stata tra le prime a subire un duro colpo dal blocco per Covid-19.

Le vendite di vino italiano sono diminuite del 4% quest'anno, ed è la prima volta che capita in 30 anni.

"È stato un momento terribile per tutti - dice Antonio Santarelli, titolare di un'azienda agricola - è stato molto difficile perché abbiamo avuto un crollo delle vendite, fortunatamente le cose stanno tornando alla normalità, c'è stata una lenta ripresa perché molto lentamente stanno riaprendo i ristoranti e le enoteche, nostri clienti principali".

Terry Chea/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoTerry Chea/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Troppo caldo, vendemmia anticipata in Germania

Euro in ribasso dopo la vittoria della sinistra alle legislative francesi

L'Ue vuole imporre dazi doganali sui prodotti a basso costo veduti da piattaforme come Temu e Shein