Prezzi delle case: chi ride e chi piange in Europa

Prezzi delle case: chi ride e chi piange in Europa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
PUBBLICITÀ

Il mercato immobiliare in Europa ha vissuto alti e bassi nei primi 17 anni del 21esimo secolo e i dati dell’Eurostat sulla fluttuazione dei prezzi nel 2016 riflettono questa situazione. Sono stati 17 anni positivi per i proprietari di case in paesi come Malta e Svezia. Di tutt’altro segno l’andamento del mercato in paesi come Polonia e Romania, dove i prezzi sono calati del 9% dal 2009. Un dato influenzato dal crollo del 2009 (-27%), anche se nel 2015 e 2016 è stata registrata un’inversione di tendenza.

La crisi del 2008 si è ovviamente riflessa sui prezzi delle case in tutta Europa. La Germania è stata tra i paesi che hanno gestito meglio la crisi, tanto da registrare una crescita, seppur modesta, dell’1,2% nel 2009. Anche Malta, il paese in cui si è registrato il maggior rialzo dei prezzi dal 2001 (+6,1%), ha visto calare il valore degli immobili nell’anno in cui la crisi è deflagrata. In Grecia, dove le proteste anti-austerity continuano ad essere all’ordine del giorno, il calo dei prezzi non è stato così drastico come ci si sarebbe potuto attendere. Nonostante i prezzi siano calati in ogni anno dal 2008, il tasso di declino è stato relativamente basso e si è sempre tenuto al di sotto del 5%.

La nazioni dove la crescita è stata più stabile sono state Svezia e Lussemburgo. Come Malta, anche la Svezia ha visto i prezzi calare solo nel 2008 (-2%). Dal 2008 in poi la crescita non è stata costante: dal +6,4% del 2010 si è passati a due anni di crescita zero per poi registrare una nuova impennata nel 2013 (+4,7%). Nei prossimi anni il mercato immobiliare in Svezia e negli altri paesi nordici dovrebbe continuare a crescere. A perdere di valore nei prossimi anni saranno gli immobili della Gran Bretagna post-Brexit. Secondo un recente sondaggio:https://www.pwc.com/gx/en/industries/financial-services/asset-management/emerging-trends-real-estate/europe-2017.html sulle imprese paneuropee il il 92% degli intervistati ritiene che gli investimenti sul mercato britannico crolleranno. Un’inversione di tendenza causata in gran parte dal referendum per l’uscita dall’Unione Europea.

A beneficiarne sarà soprattutto la Germania dove, sempre secondo gli imprenditori intervistati, si registrerà un boom del mercato immobiliare. Berlino, Amburgo e Francoforte sono in testa alla classifica delle città dove il mercato ha prospettive di crescita maggiori, mentre Londra è solo 27esima, davanti solo ad Istanbul, Atene e Mosca. Birmingham, Manchester ed Edimburgo precedono la capitale inglese: un dato che lascia pensare che la chiave per sostenere la crescita del Regno Unito post-Brexit potrebbe essere quella di spostare gli investimenti al di fuori della capitale.

Nell’Europa continentale e nell’Eurozona il tema dei prezzi delle case è tra i più delicati. Nonostante le cifre più recenti siano positive (i dati del 2016 vedono solo Italia e Grecia in difficoltà), funzionari e regolatori restano cauti:https://www.bloomberg.com/news/articles/2016-11-04/europe-s-housing-market-is-simmering-not-bubbling. Gli attori principali sono ancora vigili sullo sviluppo dei mercati, con il collasso di Spagna e Italia ancora fresco nella memoria collettiva. Un umore colto nel 2016 dalla Banca Centrale Europea, secondo cui le vulnerabilità devono essere monitorate con attenzione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?