EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il colosso cinese cresce ancora (ma su piedi d'argilla?)

Il colosso cinese cresce ancora (ma su piedi d'argilla?)
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ad agosto, produzione industriale e vendite al dettaglio superano le aspettative. A trainare è però soprattutto la spesa pubblica

PUBBLICITÀ

Le vendite di auto ai massimi da tre anni e mezzo regalano uno sprint alla produzione industriale cinese, ma sulle performance di Pechino pesa l’ombra di un gigante dai piedi d’argilla. Se a crescere più del previsto, nel mese di agosto, sono state anche le vendite al dettaglio, a sollevare interrogativi sono i fattori all’origine di questa inattesa accelerazione.

Qui il dettaglio dei dati, nella sintesi proposta da Bloomberg

China's economy shows signs of rebounding https://t.co/laTNVrrDQ2pic.twitter.com/m5d3dpA2sU

— Bloomberg (@business) 13 settembre 2016

Crescita sì, ma su che basi? Il modello cinese che spaventa l’Occidente

Determinanti appaiono infatti soprattutto il solido mercato immobiliare, abbinato alle forti spese governative nel settore delle infrastrutture. Elementi che, insieme ai deboli investimenti – soprattutto nel manifatturiero – mettono in luce lo squilibrio fra spesa privata e pubblica e sollevano interrogativi sulla sostenibilità del modello cinese. Per il terzo trimestre le cifre suggeriscono performance in linea con le aspettative, sostengono gli esperti, il momento è propizio per intraprendere le riforme strutturali necessarie a consolidare la crescita nel lungo termine.

I dati incoraggianti allontanano l’intervento sui tassi

Strong data from China ease fears of a sharp slowdown in global growth https://t.co/SzxFjySw8fpic.twitter.com/OVYyr4dRM8

— Financial Times (@FT) 13 settembre 2016

I dati sembrano allontanare la prospettiva di un intervento sui tassi della Banca centrale cinese, volto a consolidare la crescita. Interpretazione diffusa è che le nuove cifre confermino l’efficacia delle misure di stimolo adottate nei primi mesi dell’anno, allontanando anche le preoccupazioni internazionali in merito a un possibile impatto sulla crescita globale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative

Elezioni europee: le sfide per le banche europee

La Bce taglia i tassi di interesse di 25 punti base