EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'addio ai 500 euro: "banconota Bin Laden" che divide Parigi e Berlino

L'addio ai 500 euro: "banconota Bin Laden" che divide Parigi e Berlino
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Francia parla di taglio che alimenta criminalità e attività illecite. Dalla Germania si bolla lo stop alla stampa dal 2018 come "liberticida"

PUBBLICITÀ

Un addio quasi inosservato, eccetto che per malviventi e rivalità sopite dalla storia. Decidendo di sospendere la stampa dei 500 euro dal 2018, la Banca Centrale Europea ha sposato la tesi francese secondo cui alimenterebbero il crimine organizzato, ma inferto uno smacco ai tedeschi, affezionatissimi ai pagamenti in liquidi.

ECB ends production and issuance of €500 banknote https://t.co/J8P2yAEDin

— ECB (@ecb) 4 maggio 2016

Invisibili e destinate a finanziamenti illeciti: le “banconote Bin Laden”

In alcuni paesi, invisibilità e supposto impiego per loschi fini sono valsi ai 500 euro il soprannome di “banconota Bin Laden”. Salvo trafficanti di valuta e di droga, neanche la metà di noi ha in effetti avuto l’occasione di maneggiarli: le statistiche della BCE sembrano oggi confermare la tesi del Ministro delle finanze francese Michel Sapin, che già a febbraio lo bollava come taglio utilizzato più per nascondere attività illecite, che per fare acquisti alla luce del sole.

#BCE : la lente mort d’un gros billet. La chronique de @PhilippeEscandehttps://t.co/wIr2nSkIPr

— LeMondeEcoEnt (@LeMondeEcoEnt) 5 maggio 2016

Opposta la visione sull’altra sponda del Reno, dove si parla di misura liberticida per i consumatori o, come il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, se ne mette in dubbio l’impatto sul contrasto alla criminalità.

Yves Mersch, Direktoriumsmitglied der Europäischen Zentralbank, in einem Gastbeitrag über die Zukunft des Bargelds: https://t.co/okysfWyqr8

— SPIEGEL ONLINE (@SPIEGELONLINE) 5 maggio 2016

Prossima destinazione: il museo dei tagli scomparsi. Con i 10.000 dollari americani e di Singapore

Con buona pace di Berlino, ai 500 euro non resterà tuttavia che raggiungere nel museo dei tagli scomparsi i 10.000 dollari americani e di Singapore, tagli da collezione ma ancora in corso, dal valore nominale ben superiore ai 6,000 euro.

Les grosses coupures n'ont plus la cote https://t.co/JDjutQ9u7Qpic.twitter.com/BDEdFLFxpv

— Les Echos (@LesEchos) 4 maggio 2016

All’incirca lo stesso il valore dei 10.000 dollari del Brunei, che invece resistono al pari dei 1.000 franchi svizzeri, oggi quotati oltre 900 euro. Il consiglio è quindi di correre al bancomat per aggiudicarsi la banconota da 500: già oggi rara, domani potrebbe valere ancora di più.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Auto elettriche, litio inquinante e costoso: dal manganese allo zinco, ecco le alternative

Elezioni europee: le sfide per le banche europee

La Bce taglia i tassi di interesse di 25 punti base