EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Altolà di Lagarde sulla Brexit: "Con la UE un matrimonio che non deve finire"

Altolà di Lagarde sulla Brexit: "Con la UE un matrimonio che non deve finire"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Preoccupazione, alle riunioni di primavera di Washington, anche del presidente della Banca Mondiale: "Sarebbe un ulteriore fattore di instabilità"

PUBBLICITÀ

Ottimismo poco, preoccupazione tanta, e su tutto un contesto geopolitico dominato da una crescente incertezza. È a tinte fosche lo scenario che emerge dagli interventi che a Washington hanno inaugurato le tradizionali riunioni primaverili tra Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale.

Lagarde, Brexit preoccupa,spero matrimonio non si rompa - Direttore generale del Fmi, ripresa indebolita, pesan... https://t.co/dISPnWMjwv

— Ansa Economia (@ansa_economia) April 14, 2016

“Abbiamo senza dubbio elevato la Brexit al rango di uno tra i più seri rischi che si profilano all’orizzonte della crescita globale – ha detto il direttore generale dell’FMI, Christine Lagarde -. Quello tra i membri dell’Unione Europea è un matrimonio di vecchia data. E la mia sentita e personale speranza è che non si concluda con un divorzio. Come in tutti i matrimoni, un serio dialogo può essere d’aiuto. E spero che questo dialogo prosegua”.

“Poche le schiarite”, le ha fatto eco il presidente della Banca Mondiale che, pur dimostrandosi più misurato, non ha nascosto la sua inquitetudine. “La Brexit è di competenza degli elettori britannici – ha detto Jim Yong Kim -. Sta a loro decidere. Viste le nostre stime sulla crescita di quest’anno è tuttavia certo che l’impatto non sarebbe positivo e che aggiungerebbe un ulteriore fattore di instabilità”.

World Bank and IMF chiefs: tax dodging is grave concern for global economy https://t.co/fbSiK5q1Jc

— Guardian Business (@BusinessDesk) April 14, 2016

In primo piano, anche il tema dell’evasione fiscale, rilanciato dai Panama Papers: “un fronte – ha detto Lagarde – su cui “bisogna fare di più”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cercare un appartamento: in quale parte d'Europa vi costerà di più?

La Bce lascia invariati i tassi di interesse: il controllo dell'inflazione resta fondamentale

Il sentimento economico per la Germania scende più del previsto: ripresa a rischio?