EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nestlé ammette: casi di lavoro forzato tra i nostri fornitori thailandesi

Nestlé ammette: casi di lavoro forzato tra i nostri fornitori thailandesi
Diritti d'autore 
Di Giacomo Segantini Agenzie:  Thomson Reuters Foundation
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Al termine dell’indagine da lei stessa commissionata dopo i casi mediatici e le cause, Nestlé è stata costretta ad ammettere: nella nostra filiera

PUBBLICITÀ

Al termine dell’indagine da lei stessa commissionata dopo i casi mediatici e le cause, Nestlé è stata costretta ad ammettere: nella nostra filiera del pesce in Thailandia si annidano casi di lavoro forzato.

D’altra parte il rapporto di Verité parla chiaro: dalle centinaia di interviste con pescatori, allevatori di gamberi e fornitori del colosso svizzero, la ONG ha ricavato un quadro agghiacciante: misure di sicurezza inesistenti, marinai scomparsi, stipendi da fame e lavoratori stranieri comprati e venduti come schiavi.

Our work with @Nestle & our assessment of their shrimp supply chain in Thailand is featured in the @nytimes: https://t.co/s7k8L7rcdW

— Verite News (@VeriteNews) 24 Novembre 2015

L’ammissione, accompagnata da un piano per migliorare la trasparenza, è stata ben accolta dagli attivisti che si battono contro questi fenomeni. I quali però, chiedono ora a tutti i colossi che si riforniscono in Thailandia di fare pressioni sul governo perché intervenga.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cercare un appartamento: in quale parte d'Europa vi costerà di più?

La Bce lascia invariati i tassi di interesse: il controllo dell'inflazione resta fondamentale

Il sentimento economico per la Germania scende più del previsto: ripresa a rischio?