Cina, crescita rallenta al 6,9%. Gli esperti scommettono su nuovi stimoli

Cina, crescita rallenta al 6,9%. Gli esperti scommettono su nuovi stimoli
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Poteva andare peggio, ma il timore per i destini della seconda economia mondiale non è svanito. È questo il giudizio degli analisti di fronte al

PUBBLICITÀ

Poteva andare peggio, ma il timore per i destini della seconda economia mondiale non è svanito. È questo il giudizio degli analisti di fronte al Prodotto interno lordo di Pechino. Nel terzo trimestre la crescita è stata del 6,9%: meglio delle attese, ma in frenata rispetto al +7% del secondo.

Smentiti i pessimisti che parlavano di un “atterraggio duro” dovuto alla transizione del modello di sviluppo verso i consumi. Ma il dato è comunque il peggiore dai tempi della crisi.

“L’economia è sotto pressione a causa del rallentamento della crescita ed è entrata in una fase di aggiustamento”, ha dichiarato Sheng Laiyun. “I problemi sono la capacità produttiva in eccesso ereditata e un’industria tradizionale antiquata. I fondamentali economici però sono rimasti invariati e la situazione dell’impiego è positiva”, ha aggiunto.

Sempre che si voglia credere a Pechino, dato che, di fronte alla debolezza di import ed export, alcuni parlano di cifre “gonfiate”. E mentre altri sottolineano invece la crescita di consumi e servizi, la maggioranza degli esperti guarda alla banca centrale cinese. Quasi unanime la previsione di nuove misure di stimolo: un taglio del costo del denaro e un calo dei requisiti di liquidità per le banche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?