EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Esercito in Nuova Caledonia
Esercito in Nuova Caledonia Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Manuel Ribeiro
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una persona è morta durante le proteste nell'arcipelago francesce. Dura la condanna delle autorità di Parigi contro i dimostranti. L'Azerbaijan intanto nega le accuse sollevate dalla Francia per il coinvolgimento nell'insurrezione delle popolazioni locali

PUBBLICITÀ

Il numero di incidenti registrati nel territorio francese della Nuova Caledonia è leggermente diminuito venerdì, dopo che Parigi ha inviato rinforzi e imposto il coprifuoco. Nel frattempo, il ministro degli Interni francese ha accusato l'Azerbaigian di alimentare la violenza politica nel territorio.

Circa mille agenti sono stati dispiegati da Parigi per sedare i disordini iniziati martedì in Nuova Caledonia, in seguito alle nuove riforme delle liste elettorali presentate dal governo francese, che dalla metà del XIX secolo è rimasto nel territorio, che conta 270mila abitanti e la cui popolazione indigena da tempo chiede l'indipendenza.

Le autorità francesi in Nuova Caledonia e il Ministero degli Interni a Parigi hanno dichiarato che da lunedì sono state uccise sei persone, tra cui due poliziotti. L**'ultimo decesso è stato registrato nella notte tra venerdì e sabato** durante una sparatoria nei pressi di una barricata creata dai dimostranti.

L'Alto Commissario Louis Le Franc ha annunciato venerdì misure rigorose nell'ambito dello stato di emergenza, che resterà in vigore per almeno 11 giorni, con un coprifuoco dalle 18.00 alle 06.00. Le forze militari francesi sono state dispiegate per proteggere porti e aeroporti e liberare le truppe di polizia.

“Le eccezioni a questo coprifuoco includono il personale dei servizi pubblici essenziali, i viaggi medici urgenti e le attività notturne essenziali”, ha dichiarato Le Franc. Le violazioni del coprifuoco comportano pene fino a sei mesi di carcere e una multa, ha aggiunto il diplomatico francese incaricato di amministrare il territorio.

Le tensioni sono state forti per decenni tra i Kanak, che chiedono l'indipendenza, e i discendenti dei coloni, che vogliono che l'isola rimanga parte della Francia. Le persone di origine europea in Nuova Caledonia, che per lungo tempo è stata colonia carceraria della Francia e ora ha una base militare francese strategica, si distinguono tra i discendenti dei coloni e quelli che hanno ascendenze sui prigionieri inviati con la forza nel territorio. Le Franc ha annunciato che i rinforzi si concentreranno sulla ripresa del controllo delle aree intorno alla capitale territoriale, Noumea, tra cui Kamere, Montravel e parti di La Vallée du Tir. “I rinforzi controlleranno le aree che ci sono sfuggite negli ultimi giorni", ha assicurato.

Esercito francese in arrivo in Nuova Caledonia
Esercito francese in arrivo in Nuova CaledoniaAP/AP

Le strade sono disseminate di detriti e i veicoli blindati pattugliano le strade. È la peggiore esplosione di violenza in Nuova Caledonia dagli anni '80, con i viali di palme di Noumea trasformati in campi di battaglia.

Parigi invia altri mille militari in Nuova Caledonia

Il primo ministro francese Gabriel Attal ha dichiarato che circa mille forze di sicurezza aggiuntive saranno inviate in Nuova Caledonia, oltre alle 1.700 già presenti, e che le autorità insisteranno su “pene più severe per i rivoltosi e i saccheggiatori”.

Nel frattempo, il governo francese ha vietato TikTok perché ritiene che il social network sia utilizzato dai manifestanti, ha dichiarato il ministro degli Interni francese Gérald Darmanin. La società proprietaria della piattaforma sociale ha definito la misura “deplorevole”.

Thierry de Greslan, rappresentante dell'ospedale di Noumea, ha espresso la sua preoccupazione per il peggioramento della situazione, aggravata dai blocchi stradali in città.

“Stimiamo che tre o quattro persone possano essere morte a causa della mancanza di accesso alle cure mediche”, ha detto de Greslan, che ha anche espresso preoccupazione per i 50 pazienti in dialisi che non hanno potuto ricevere i loro trattamenti.

“Stiamo avendo grandi difficoltà a far arrivare i nostri pazienti e gli operatori sanitari. Le squadre lavorano da lunedì e sono esauste", ha dichiarato.

Il numero di visite al pronto soccorso è diminuito in modo significativo, con una riduzione del 50 per cento negli ultimi tempi e dell'80 per cento giovedì. “Siamo in una situazione di guerriglia urbana, con ferite da proiettile ogni notte”, ha detto de Greslan.

Le sale operatorie dell'ospedale lavorano 24 ore su 24 e, sebbene il personale sia preparato per le crisi immediate, de Greslan è preoccupato per il futuro.

"Siamo pronti ad affrontare la situazione, ma sono preoccupato per il contraccolpo che si verificherà nei confronti dei pazienti che non ricevono assistenza e che sono estremamente stressati”, ha dichiarato.

La comunità indigena si oppone alle modifiche delle liste elettorali

Martedì scorso, i legislatori francesi hanno approvato delle modifiche alla Costituzione francese che permetteranno ai residenti dell'arcipelago che hanno vissuto per 10 anni di votare alle elezioni provinciali. I sostenitori dell'indipendenza sostengono che questo cambiamento emarginerà ulteriormente la comunità Kanak, che rappresenta circa il 40 per cento della popolazione.

Dimostranti reggono bandiere del Kanak e del Fronte di Liberazione Nazionalsocialista a Parigi.
Dimostranti reggono bandiere del Kanak e del Fronte di Liberazione Nazionalsocialista a Parigi.AP/AP

La riforma delle liste elettorali deve ancora essere approvata da una sessione congiunta delle due camere del Parlamento francese. Macron ha dichiarato che i legislatori voteranno per adottare la modifica costituzionale entro la fine di giugno, a meno che le parti in conflitto della Nuova Caledonia non riescano a raggiungere un nuovo accordo.

Una videoconferenza tra Macron e i parlamentari della Nuova Caledonia, prevista per giovedì, è stata cancellata perché “i diversi attori non volevano parlarsi”, ha dichiarato il suo ufficio alla Presidenza.

PUBBLICITÀ

Nel frattempo, le autorità hanno arrestato circa 200 dei circa cinquemila rivoltosi e le forze di sicurezza hanno posto agli arresti domiciliari cinque presunti attivisti indipendentisti accusati di aver organizzato le violenze. Sessantaquattro dei feriti sono agenti delle forze di sicurezza.

Perché la Francia accusa Azerbaigian

Il ministro degli Interni francese ha accusato l'Azerbaigian di ingerenza in seguito alle visite di diversi leader indipendentisti. Un'accusa fortemente negata dal governo di Baku.

In un'intervista a un canale televisivo francese, Darmanin ha affermato che “non è una fantasia, ma una realtà” che alcuni leader pro-indipendenza in Nuova Caledonia abbiano “fatto un accordo” con l'Azerbaigian. Il ministro ha anche insistito sul fatto che **il governo francese non permette ad altri di interferire nei suoi territori.**“Anche se ci sono tentativi di interferenza, la Francia è sovrana sul proprio territorio”, ha detto Darmanin.

I diplomatici azeri hanno respinto le accuse, rilasciando un comunicato che definisce la dichiarazione di Darmanin “infondata” e “una campagna diffamatoria”. “Neghiamo qualsiasi legame tra i leader della lotta di liberazione della Caledonia e l'Azerbaigian”, hanno insistito.

Le relazioni tra Francia e Azerbaigian sono difficili da tempo. La Francia ospita una grande diaspora armena e ha assunto una posizione dura contro l'Azerbaigian quando ha cercato di riprendere il controllo della regione contesa del Nagorno-Karabakh nel 2023, causando la fuga di migliaia di armeni.

PUBBLICITÀ

La posizione della Francia su quel conflitto è stata citata nella dichiarazione che il ministero degli Esteri azero ha rilasciato dopo le osservazioni di Darmanin.

“Ancora una volta, condanniamo fermamente le espressioni ingiuriose della parte francese contro l'Azerbaigian e li invitiamo a fermare la campagna diffamatoria contro l'Azerbaigian con accuse inaccettabili come il massacro degli armeni”, si legge nella dichiarazione.

“Sarebbe più opportuno che il ministro degli Interni francese ricordasse la storia del suo Paese, che ha commesso crimini contro l'umanità contro le popolazioni locali e ha brutalmente assassinato milioni di persone innocenti come parte della sua politica coloniale applicata per molti anni", si legge nella nota che poi prosegue: "Inoltre, invece di accusare l'Azerbaigian di presunto sostegno alle proteste pro-indipendenza in Nuova Caledonia, il ministro degli Interni francese dovrebbe concentrarsi sulla politica fallimentare del suo Paese nei confronti dei territori d'oltremare che ha portato a queste proteste. Chiediamo ancora una volta alla Francia di smettere di fare accuse infondate contro il nostro Paese”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia, dichiarato lo stato di emergenza: barricate e scontri, terza notte di violenze

Nuova Caledonia, proteste contro la riforma costituzionale voluta dalla Francia: morti e feriti

La Nuova Caledonia dice no all'indipendenza dalla Francia. Era il terzo referendum