EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Macedonia del Nord, incidente diplomatico con Atene durante l'insediamento della nuova presidente

La nuova presidente della Macedonia del Nord Gordana Siljanovska Davkova con il suo predecessore Stevo Pendarovski a Skopje, 12 maggio 2024
La nuova presidente della Macedonia del Nord Gordana Siljanovska Davkova con il suo predecessore Stevo Pendarovski a Skopje, 12 maggio 2024 Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Quando durante il giuramento in parlamento Siljanovska-Davkova si è riferita al suo Paese come "Macedonia", l'ambasciatrice greca ha abbandonato la cerimonia. Per anni, fino all'accordo del 2018 sul nome costituzionale "Macedonia del Nord", Atene ha accusato il vicino di aver rubato un nome greco

PUBBLICITÀ

La cerimonia di insediamento di Gordana Siljanovska-Davkov, che domenica ha prestato giuramento come prima donna presidente della Macedonia del Nord dopo aver sconfitto al ballottaggio il presidente uscente Stevo Pendarovski con il 69 per cento delle preferenze l'8 maggio, ha riacceso una disputa diplomatica con la vicina Grecia

Durante il giuramento svoltosi davanti al parlamento, nella capitale Skopje, Siljanovska-Davkova si è riferita al suo Paese come "Macedonia", anziché con il nome costituzionale di "Macedonia del Nord". Di tutta risposta l'ambasciatrice greca Sophia Philippidou ha abbandonato la cerimonia

Il ministero degli Esteri greco ha poi rilasciato una dichiarazione in cui afferma che le azioni della nuova presidente violano un accordo tra le due Nazioni e mettono in pericolo sia le relazioni bilaterali sia le prospettive di adesione della Macedonia del Nord all'Unione europea.

La forte reazione greca è motivata dalla controversia andata avanti per anni tra i due Paesi intorno al nome "Macedonia". Atene, infatti, accusa il suo vicino settentrionale di essersi appropriato di un nome greco e con esso della storia dell'antico Regno greco di Macedonia, che esisteva secoli prima che le popolazioni slave arrivassero nell'area. 

La questione è stata risolta nel 2018, quando le parti si sono accordate sul nome costituzionale "Macedonia del Nord" e la Atene ha ritirato la sua obiezione all'ingresso di Skopje nella Nato e alla rchiesta di adesione all'Unione europea. 

Chi è Gordana Siljanovska-Davkova

Siljanovska-Davkova, 71 anni, è una deputata, professoressa universitaria e avvocata. Era la candidata della coalizione di centrodestra guidata dal Partito democratico per l'unità nazionale macedone (Vmro-Dpmne), che ha vinto il primo turno con un netto margine, il 43,23 per cento contro 15,36 per cento della forza politica attualmente al governo, l'Unione socialdemocratica di Macedonia (Sdsm).

Siljanovska-Davkova e Pendarovski si erano affrontati anche nel 2019.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macedonia del Nord: alle presidenziali vince Siljanovska-Davkova, è la prima donna presidente

Macedonia del Nord, presidenziali: alla candidata conservatrice il primo turno

Macedonia del Nord: code alle stazioni di polizia per i nuovi passaporti