Stati Uniti: il Congresso approva la legge di spesa, evitato lo shutdown

senatori Usa
senatori Usa Diritti d'autore J. Scott Applewhite/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il Congresso Usa ha approvato il maxi pacchetto da oltre mille miliardi di dollari evitando lo shutdown delle agenzie governative in autunno. Il voto al Senato è arrivato al fotofinish, ma dalla Casa Bianca erano già stati inviati segnali di distensione. Si attende la firma di Biden

PUBBLICITÀ

Nelle prime ore del mattino di sabato, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un pacchetto a da 1.200 miliardi di dollari, un'azione attesa da tempo, a quasi sei mesi dall'inizio dell'anno finanziario, che allontanerà ogni minaccia di shutdown delle agenzie governative in autunno. Si attende entro sabato sera la firma del presidente Joe Biden.

Il voto è stato 74-24. La legge è stata approvata dopo che i fondi per le agenzie erano scaduti a mezzanotte, ma la Casa Bianca ha inviato un avviso poco dopo la scadenza annunciando che l'Ufficio per la gestione e il bilancio aveva interrotto i preparativi per lo shutdown perché c'era un alto grado di fiducia nel fatto che il Congresso avrebbe approvato la legge e il presidente l'avrebbe firmata sabato.

"Poiché gli obblighi dei fondi federali sono sostenuti e monitorati su base giornaliera, le agenzie non chiuderanno e potranno continuare le loro normali operazioni", si legge nel comunicato della Casa Bianca.

Scontro tra repubblicani e democratici prima del voto finale

Le prospettive di una chiusura a breve termine del governo sembravano aumentare venerdì sera, dopo che repubblicani e democratici si erano scontrati sugli emendamenti proposti al disegno di legge. Qualsiasi emendamento approvato avrebbe rimandato la legge alla Camera, che aveva già lasciato la città per una pausa di due settimane. Ma poco prima di mezzanotte il leader della maggioranza del Senato Chuck Schumer ha annunciato una svolta.

"È stata una giornata molto lunga e difficile, ma abbiamo appena raggiunto un accordo per completare il lavoro di finanziamento del governo", ha dichiarato Schumer. "È un bene per il Paese aver raggiunto questo accordo bipartisan. Non è stato facile, ma stasera la nostra perseveranza è valsa la pena".

Cosa prevede la legge di spesa Usa

Mentre il Congresso ha già approvato i fondi per gli Affari dei Veterani, gli Interni, l'Agricoltura e altre agenzie, il disegno di legge approvato questa settimana è molto più ampio e prevede finanziamenti per i dipartimenti della Difesa, della Sicurezza interna e dello Stato e per altri aspetti del governo generale.

La Camera ha approvato il disegno di legge venerdì mattina con un voto di 286-134, ottenendo per poco la maggioranza dei due terzi necessaria per l'approvazione. Oltre il 70 per cento dei fondi sarà destinato alla Difesa.

Tentativo di estromettere Johnson alla Camera

Il voto alla Camera riflette la rabbia dei repubblicani per il contenuto del pacchetto e la velocità con cui è stato portato al voto. Il presidente della Camera Mike Johnson ha portato il provvedimento in aula anche se la maggioranza dei repubblicani ha finito per votare contro. In seguito ha dichiarato che la legge "rappresenta il miglior risultato raggiungibile in un governo diviso".

A dimostrazione della frustrazione dei conservatori, la deputata Marjorie Taylor Greene, R-Ga, ha avviato un tentativo di estromettere Johnson mentre la Camera iniziava la votazione, ma ha rinviato ulteriori azioni fino al ritorno della Camera tra due settimane. È lo stesso strumento usato l'anno scorso per rimuovere l'ultimo speaker repubblicano, il californiano Kevin McCarthy.

La ripartizione dei voti ha mostrato che 101 repubblicani hanno votato a favore del disegno di legge e 112 contro. Nel frattempo, 185 democratici hanno votato a favore e 22 contro.

Granger si dimette dal ruolo di presidente della Commissione

La repubblicana Kay Granger, presidente della Commissione per gli stanziamenti della Camera che ha contribuito alla stesura del pacchetto, si è dimessa da quel ruolo dopo il voto. Ha dichiarato che rimarrà nella commissione per fornire consigli e fungere da insegnante per i colleghi quando necessario.

Johnson ha suddiviso in due parti le proposte di legge di spesa per l'anno fiscale in corso, in quanto i repubblicani della Camera si sono ribellati a quella che è diventata la prassi annuale di chiedere loro di votare per un'unica, massiccia e complessa proposta di legge, chiamata omnibus, con poco tempo a disposizione per esaminarla o per affrontare uno shutdown. Johnson ha considerato questo come un passo avanti, affermando che il processo in due parti è stato "un passo importante per rompere la memoria muscolare dell'omnibus".

Pacchetto impopolare tra i repubblicani

Tuttavia, l'ultimo pacchetto è stato chiaramente impopolare per la maggior parte dei repubblicani, che hanno ritenuto che contenesse troppo poche delle loro priorità politiche e che spendesse troppo.

"Il punto fondamentale è che si tratta di una resa completa e totale", ha dichiarato il deputato Eric Burlison.

I legislatori hanno impiegato sei mesi nell'anno fiscale in corso per avvicinarsi al traguardo del finanziamento del governo, un processo rallentato dai conservatori che hanno spinto per ottenere più mandati politici e tagli di spesa più drastici di quelli che un Senato o una Casa Bianca a guida democratica avrebbero preso in considerazione. L'impasse ha richiesto diverse proposte di legge a breve termine per mantenere le agenzie finanziate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Austin: gli Stati Uniti non lasceranno fallire Kiev

Stati Uniti, il clima potrebbe essere un fattore decisivo alle elezioni

TikTok, negli Stati Uniti primo ok al divieto del social cinese: "Rischio per la sicurezza"