Grecia: fine del monopolio statale sull'istruzione universitaria, scoppia la protesta

La polizia antisommossa si trova davanti al Parlamento mentre sullo sfondo si vede il fuoco di una molotov durante una manifestazione di studenti ad Atene, in Grecia, l'8 marzo 2024.
La polizia antisommossa si trova davanti al Parlamento mentre sullo sfondo si vede il fuoco di una molotov durante una manifestazione di studenti ad Atene, in Grecia, l'8 marzo 2024. Diritti d'autore Associated Press
Diritti d'autore Associated Press
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il parlamento greco ha approvato la riforma dell'università mettendo fine al monopolio statale sull'istruzione terziaria. Migliaia di cittadini sono scesi in piazza: feriti agenti e dimostranti negli scontri

PUBBLICITÀ

I legislatori greci hanno approvato nella notte tra venerdì e sabato una riforma radicale che metterà fine al monopolio statale sull'istruzione universitaria, infrangendo quello che i gruppi studenteschi di sinistra considerano da tempo un grande tabù.

Alcune ore prima del voto i manifestanti hanno attaccato la polizia fuori dal Parlamento con bombe molotov e petardi, mentre circa 18mila persone manifestavano nel centro di Atene contro la proposta di legge.

La polizia ha caricato alcune decine di dimostranti violenti e ha sparato gas lacrimogeni. Un comunicato della polizia ha dichiarato che nove persone e sette agenti sono stati feriti, mentre tre manifestanti sono stati arrestati.

La manifestazione di venerdì ha fatto seguito a settimane di dimostrazioni, tra cui decine di occupazioni di edifici universitari da parte degli studenti. Tuttavia, i sondaggi indicano che la maggior parte dei greci è d'accordo con la creazione di università gestite da privati.

I legislatori presenti nel parlamento di 300 seggi hanno votato 159-129 a favore della legge. L'annuncio del risultato è stato ritardato fino a dopo mezzanotte da tre legislatori di un piccolo partito di sinistra, che sono rimasti seduti a studiare il disegno di legge per oltre due ore dopo che tutti gli altri avevano votato e se ne erano andati. In precedenza il partito aveva dichiarato che avrebbe dato voto contrario.

Le critiche alla nuova legge sulle università private in Grecia

Il governo greco di centro-destra ha detto che la riforma avrebbe contribuito ad attirare nel Paese lavoratori qualificati.

"Dobbiamo dire un sonoro 'sì a questa misura... come garanzia di una maggiore libertà e di un maggiore accesso alla conoscenza per tutti gli studenti greci", ha dichiarato il primo ministro Kyriakos Mitsotakis al Parlamento prima del voto.

Alla manifestazione di venerdì - per lo più pacifica - gli studenti sono stati raggiunti da un piccolo gruppo di manifestanti pro-palestinesi e da marciatori di un evento per la Giornata internazionale della donna.

"Questo governo vuole privatizzare tutto, ma allo stesso tempo il costo della vita aumenta sempre di più e i nostri salari rimangono miseri", ha dichiarato all'Associated Press Anna Adamidi, studentessa di filosofia. "Il settore privato entra e smantella l'istruzione pubblica, utilizzando risorse per le quali non pagherà nulla".

I partiti dell'opposizione si sono schierati ampiamente contro il disegno di legge, sostenendo che viola la Costituzione e potrebbe creare un sistema a due livelli per gli studenti.

Cosa prevede la nuova legge sulle università in Grecia

Sebbene l'istruzione superiore privata sia già legale in Grecia**, la nuova legge renderà i diplomi di istituti privati equivalenti alle università pubbliche.** Le università d'oltremare saranno autorizzate ad aprire filiali in Grecia utilizzando uno status no-profit, pur facendo pagare le tasse universitarie.

Più di 650mila studenti sono attualmente iscritti alle università statali in Grecia e altri 40mila studiano all'estero, secondo i funzionari del ministero dell'Istruzione che hanno informato i legislatori prima del dibattito di questa settimana.

Il governo Mitsotakis, all'inizio del suo secondo mandato e con un enorme vantaggio nei sondaggi d'opinione, ha attuato diverse riforme importanti nelle ultime settimane, tra cui la legalizzazione del matrimonio omosessuale e l'introduzione del voto per corrispondenza per le prossime elezioni del Parlamento europeo a giugno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, giornata nazionale contro il bullismo: fenomeno in aumento, al via una nuova strategia

Grecia, boom di video porno deepfake: spesso le vittime sono minorenni

Grecia: il parlamento approva matrimoni e adozioni per le coppie gay