Guerra in Ucraina: attacchi su Odessa e Kharkiv, Kiev sigla il trattato di sicurezza con Paesi Bassi

Rutte e Zelensky a Kharkiv
Rutte e Zelensky a Kharkiv Diritti d'autore AP/Ukrainian Presidential Press Office
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Droni russi hanno attaccato Odessa e Kharkiv provocando la morte di almeno tre persone. Il premier olandese Rutte ha firmato il trattato sulle garanzie di sicurezza. In Francia si discute sull'invio di truppe militari in Ucraina

PUBBLICITÀ

Nuovi attacchi delle forze di Mosca contro obiettivi ucraini a Odessa e Kharkiv. I morti sono almeno tre, una decina i feriti. A San Pietroburgo, in Russia, il governatore Alexander Beglov ha fatto sapere che un drone ha colpito un edificio residenziale. Una donna è stata trasportata in ospedale, mentre altre cinque persone sono state medicate sul posto.

Il trattato sulla sicurezza tra Paesi Bassi e Ucraina

Proprio a Kharkiv, venerdì, i Paesi Bassi hanno firmato un trattato di garanzia di sicurezza con l'Ucraina della durata di 10 anni. Il primo ministro olandese Mark Rutte ha visitato la città est del confine con la Russia per poi incontrare il presidente Ucraino Volodymyr Zelensky. Si tratta del settimo "Trattato sulle garanzie di sicurezza" di questo tipo , nel quadro degli accordi del G7 adottati al vertice Nato del luglio 2023. Prima dei Paesi Bassi hanno firmato Canada, Danimarca, Francia, Germania, Italia e Regno Unito

Il trattato è accompagnato da un nuovo pacchetto di aiuti militari da 2 miliardi di euro. In particolare, vengono promesse piccole imbarcazioni fluviali e costiere e, cosa più importante, un maggior numero di proiettili d'artiglieria: Kiev ha sottolineato l'importanza di maggiori forniture di munizioni mentre il Congresso degli Stati Uniti continua a ritardare il pacchetto di aiuti.

I proiettili potrebbero essere importanti per scoraggiare una potenziale nuova offensiva russa. Le autorità ucraine ritengono che l'esercito russo abbia già scelto il prossimo obiettivo, la città di Chasiv Yar, vicino a Bakhmut, e stia già concentrando le unità per questa operazione.

Polemiche per l'invio di soldati europei in Ucraina

Nel frattempo i media francesi discutono sulla dichiarazione di Emmanuel Macron che "non ha escluso" la possibilità di inviare soldati europei in Ucraina. "Le Monde" sostiene che a Parigi si sta discutendo della possibilità di consentire ai soldati francesi della Specfor di attraversare il confine con l'Ucraina. "Le Figaro" afferma che giovedì 7, durante l'incontro tra Macron e i leader dei partiti politici francesi, il tema dell'invio di truppe francesi in Ucraina sarà all'ordine del giorno.

Il ministro della Difesa canadese Bill Blair ha dichiarato che l'accordo raggiunto al vertice del 26 febbraio non prevede l'invio di truppe in Ucraina, anche se il Canada potrebbe essere disposto a inviare personale non di combattimento "alle giuste condizioni".

Nel suo discorso alla Nazione, Putin ha minacciato i Paesi occidentali nel caso del coinvolgimento delle loro truppe nella guerra in Ucraina. "Tutto quello che l'Occidente sta escogitando porta alla minaccia di un conflitto con armi nucleari e quindi all'annientamento della civiltà", ha poi detto il capo del Cremlino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, vicino a Bakhmut campi minati e barriere anticarro per frenare l'avanzata russa

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Guerra in Ucraina: la Russia consolida le posizioni intorno ad Avdiivka